22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/06/2014, 00.00

    LIBANO - IRAQ

    Salvare Qaraqosh, città cristiana contesa da Isis e curdi

    Fady Noun

    Appello del vescovo siriaco cattolico di Ninive, Boutros Mouchi perché i cristiani d'Oriente non siano "un popolo errante". La località, da rifugio sicuro rischia di trovarsi al centro del conflitto.

    Beirut (AsiaNews) - Da una settimana mancano acqua e luce a Qaraqosh, cittadina irachena nella piana di Ninive abitata a larghissima maggioranza da cristiani, che stanno cominciando a fuggire anche da un luogo che fino a poco tempo fa era ritenuto sicuro, ma che ora vede scontri tra gli islamisti dell'Isis e i peshmerga curdi.

    "No, i cristiani d'Oriente non sono un popolo errante". E' il grido d'allarme lanciato dal vescovo siriaco cattolico di Ninive, Boutros Mouchi che lancia un appello alle coscienza locali, regionali e internazionali per salvare la cittadina da una invasione ritenuta "imminente" da parte degli islamisti dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante.

    L'appello è rilanciato da Beirut da Melhem Khalaf, docente di diritto all'università Saint-Joseph, appena rientrato dall'Iraq, dove ha visitato anche Qaraqosh. L'appello è rivolto a tutte le istanza politiche e religiose e a tutti coloro che hanno a cuore la conservazione della ricchezza sociale, della storia e del futuro di questa regione.

    Il vescovo Boutros Mouchi è ancora a Qaraqosh, che sorge a una trentina di chilometri da Mosul ed è accanto alle zone controllate dai curdi. E quando l'Isis ha preso Mosul le forze curde sono avanzate su Kirkuk, la regione irachena più ricca di petrolio, estendendo il loro controllo anche su Qaraqosh.

    La città, in tal modo, si è trovata nel confronto tra forze rivali, che hanno cominciato a scontrarsi. Ai responsabili dell'Isis ai quali si erano rivolti per chiedere il ritorno di acqua ed elettricità, i cittadini di Qaraqosh si sono sentiti rispondere: "chiedetelo ai curdi".

    Nelle settimane scorse, la città di Qaraqosh, che contava 38mila abitanti, 35mila dei quali cristiani, aveva visto crescere notevolmente la popolazione, per l'afflusso dei cristiani in fuga da Mosul, presa dall'Isis. Analogamente era accaduto alcuni anni fa, quando vi avevano cercato rifugio cristiani che lasciavano l'inferno di Baghdad e che credevano di trovarvi una zona di pace.

    All'inizio l'Isis si era impegnato a non attaccare il luogo. Con la volontà di rassicurare gli abitanti e di dare credito agli impegni delle forze islamiste vi si era recato personalmente anche il patriarca caldeo Louis Sako.

    Ora tutto è cambiato e gli estremisti islamici hanno cominciato ad attaccare Qaraqosh, scontrandosi con i peshmerga curdi.

    Ora, insieme con i rappresentanti di diverse Chiese d'Oriente, mons. Mouchi   lancia un appello al mondo intero per salvare la città e ciò che essa ha di più prezioso: la sua diversità religiosa, culturale ed etnica.

    Si tratta di mettere il mondo libero di fronte alle sue responsabilità, impedendogli di chiudere gli occhi sulle violenze che attualmente squarciano l'Iraq e su ciò che, afferma Khalaf, accade o rischia di accadere, sotto la copertura di lotte per il potere.

    Nell'ambito di tale mobilitazione, il Vaticano è chiamato in causa attraverso gli ambasciatori occidentali a Beirut. Tutti sono convinti che il gioco supera il destino di alcune migliaia di cristiani e che punta al futuro della regione. Come dice Khalaf, "Qaraqosh è un po' ognuno di noi. Lasciarla morire è firmare la condanna a morte di tutti noi".

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/08/2014 LIBANO - IRAQ
    Chiese orientali: uso legittimo della forza, per difendere i cristiani d’Iraq
    Per i capi delle Chiese orientali occorre cacciare lo Stato islamico da Mosul e dalla piana di Ninive. Per il Patriarca siro-cattolico Youssef III Younane la comunità internazionale deve avere il “coraggio” di essere “fedele ai propri principi”. Mar Sako: le Chiese d’oriente, se unite, formano una realtà “grande e forte”.

    20/08/2014 LIBANO - IRAQ
    Il patriarca Raï nel Kurdistan, per il futuro dei cristiani e la lotta agli islamisti
    Visita lampo di un giorno del cardinale a Erbil, accompagnato da personalità civili e religiose. Egli incontrerà il presidente curdo Barzani e visiterà l’arcivescovado. Al centro del viaggio la sorte dei cristiani in fuga dai jihadisti e l’eventuale uso della forza per respingere la minaccia islamista. Il tema dei rapporti con l’islam e il dialogo interreligioso.

    17/09/2014 IRAQ
    Peshmerga curdi liberano alcuni villaggi cristiani occupati da jihadisti
    Fondamentale l'aiuto dell'aviazione Usa. I miliziani islamisti hanno minato molte case prima di fuggire. Nella città di Alqosh, liberata giorni fa, diversi cristiani siriaci sono ritornati e hanno celebrato la festa del santo patrono.

    25/07/2017 13:30:00 IRAQ
    L'Europa alla ricerca di un ruolo nel futuro politico dell’Iraq

    La caduta di Mosul apre una fase nuova. La Ue, forte dell’esperienza nella ex-Jugoslavia dovrebbe cercare di favorire il processo di riconciliazione  attraverso iniziative diplomatiche di medio-lungo periodo in grado di coinvolgere tutte le istituzioni politiche e sociali locali e centrali per scongiurare il rischio di una frammentazione che alimenterebbe settarismi e contrasti.



    08/07/2014 LIBANO - IRAQ
    Nelle lotte irachene cambia il volto del Medio oriente
    Nell’attuale crisi emergono tre scenari: la nascita di un’entità curda, la formazione di una zona sunnita irakena e l’indebolimento del legame con Teheran. La creazione di uno Stato indipendente curdo sostenuta da Israele; anche Washington non è contraria. Il dilemma della leadership fra i sunniti e il governo di coalizione per favorire la riconciliazione.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®