15/09/2014, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

La nuova Turchia di Erdogan impone a tutti gli studenti lo studio del Corano

di NAT da Polis
Entra in vigore la riforma che estende a tutte le scuole l'insegnamento e l'educazione della religione islamica. Il passo successivo prevede l'insegnamento dell'arabo per permettere agli studenti di capire il Corano. Il problema dei 200mila cristiani sirani rifugiati in Turchia.

Istanbul (AsiaNews) - L'inizio di una nuova era per la Turchia che Tayip Erdogan vuole inaugurare sotto la stella della  sua presidenza - coadiuvato nel suo progetto dal nuovo e fido primo ministro Davutoglu - comincia con una riforma della scuola che estende l'insegnamento e l'educazione religiosa, quella coranica, a tutti i tipi di scuole, di ogni grado ed ordine, sinora limitato alle sole Imam Hatip Lisesi, i licei religiosi, destinati a formare la futura casta religiosa turca.

E' uno dei due punti - l'altro consiste nell'estensione dagli attuali 8 anni della scuola d' obbligo a 12 anni - di una riforma passata inosservata, introdotta un anno fa, ma applicata a partire da quest'anno scolastico.

La nuova Turchia di Erdogan, che ha come fine di festeggiare nel 2023 il centenario della Repubblica laica turca fondata da Kamal Ataurk, estende a tutte le scuole per i 12 anni della scuola dell'obbligo l'insegnamento e l'educazione della religione islamica. Sinora l'educazione e istruzione  religiosa era di competenza solo degli Imam Hatip Lisesi, ai quali si poteva accedere solo dopo il compimento degli otto della scuola dell'obbligo, mentre ora potrà avvenire sin dalle elementari.

Un'altra novità significativa è che anche i diplomati delle scuole religiose, al contrario di quanto avveniva finora, potranno avere accesso a tutte le facoltà universitarie che danno diritto ai posti chiavi della pubblica amministrazione, in altre parole all'élite della pubblica amministrazione.

E proprio l'attuale presidente della Repubblica turca, per il fatto di essere diplomato ad una scuola religiosa, si era visto precluso l'accesso alla facoltà di scienze politiche. Risulta essere diplomato in seguito in scienze commerciali.

Appare evidente che il nuovo tipo di scuola sognato e programmato dai dirigenti dell'AKP,  prende come riferimento per l'educazione e istruzione religiosa per tutti i tipi di scuola le cosiddette Imam Hatip Lisesi, per l'appunto i licei religiosi. Il passo successivo della riforma prevede l'insegnamento della lingua araba, addirittura come seconda lingua, per permettere agli studenti di capire il Corano, visto che nella lingua turca non esistono parole che aiutino ad approfondire i dettami del libro del profeta.

Non solo.

Dall'obbligo dell'insegnamento ed educazione religiosa coranica sono esentate le scuole delle minoranze armene ed ortodosse, qualcosa come 2000  e 250 allievi rispettivamente.

Gli altri che non vogliono frequentare le scuole pubbliche per evitare l'istruzione  ed educazione religiosa dovranno andare nelle scuole private, che a causa delle elevate rate annuali, sono  privilegio dei benestanti.

Insomma, come dice il giornale Radikal, bisogna iniziare ad adeguarsi all'idea che il 52% dei turchi più un altro 10% proveniente  dalle file del partito ultranazionalista turco, crede nell'Islam di Erdogan.

Va segnalato, in proposito, un  fatto avvenuto recentemente in Anatolia. Dato che la distribuzione degli allievi alle varie scuole è di competenza e criterio dei provveditori, il provveditore locale ha imposto agli studenti turchi di origine ebraica di frequentare il corso di istruzione ed educazione islamica, in quanto i loro nomi e cognomi apparivano a lui  turchi. In realtà, la turchizzazione e l'islamizzazione dei nomi e cognomi ebraici è stata dovuta ad una loro scelta (seguita anche da molti di diversa etnia e religione), per motivi di pura  sopravvivenza, nel contesto  della regola  imposta con la nascita della Repubblica turca, nel 1923, secondo la quale esiste solo una nazione, quella turca di religione musulmana.

Immediata è stata, naturalmente, la reazione delle  comunità  israelitiche mondiali, motivo per cui il provvedimento  è stato sospeso per gli ebrei turchi.

A questo punto non pochi si interrogano sulla sorte educativa delle  migliaia di rifugiati cristiani dalla Siria, circa 200mila, che si sono stabilizzati in Turchia, i figli dei quali dovranno frequentare le scuole turche.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo siriano: 'enorme tensione' nell’area contesa fra curdi e turchi
14/01/2019 12:55
Cresce la tensione fra Ankara e Damasco. Nato e UE discutono sul jet abbattuto
25/06/2012
Ankara: L’aereo militare turco può aver violato il cielo siriano
23/06/2012
Pace in Siria e una nuova geopolitica mondiale: Mosca celebra l’alleanza Erdogan-Assad
08/09/2016 13:12
Raid turchi contro Stato islamico (e milizie curde) in Siria
23/08/2016 08:58