16/09/2014, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

L'Egitto condanna all'ergastolo il leader dei Fratelli musulmani, ma libera su cauzione uno dei leader "laici" pro-democrazia

Abdul Fattah, attivista democratico e blogger, uno dei leader della Primavera egiziana contro l'allora presidente Mubarak, era stato condannato a 15 anni per aver violato la legge contro le manifestazioni di protesta. Ma oltre alle vicende giudiziarie, i Fratelli musulmani si trovano ad affrontare anche la decisione del Qatar di allontanare dal Paese i leader del loro braccio politico, il Partito giustizia e libertà, finora ospitati e protetti. Che potrebbero trovare accoglienza in Turchia.

Il Cairo (AsiaNews/Agenzie) - Mano pesante della giustizia egiziana per il leader dei Fratelli musulmani, condannato a 25 anni di prigione, ma leggera per uno dei principali attivisti pro-democrazia, rilasciato su cauzione, dopo che in precedenza si era visto affibbiare 15 anni di galera.

Ieri un tribunale ha inflitto l'ergastolo (che in Egitto corrisponde a 25 anni di prigione) a Mohamed Badie, leader dei Fratelli musulmani e ad altri 14 imputati, accusati di omicidio e incitamento alla violenza nel luglio 2013. Badie, 71 anni, ha già subito due condanne all'ergastolo e una condanna a morte, insieme con altri 182 imputati.

Ma oltre alle vicende giudiziarie, i Fratelli musulmani si trovano ad affrontare anche la decisione del Qatar di allontanare dal Paese i leader del loro braccio politico, il Partito giustizia e libertà, finora ospitati e protetti. La decisione dell'emirato, resa nota da un esponente della Fratellanza, è giunta in seguito alle forti pressioni degli altri Paesi della regione, in primo luogo Egitto e Arabia Saudita.

Per i Fratelli musulmani si starebbe però aprendo la possibilità di una nuova accoglienza. Secondo la stampa turca, il presidente Tayyip Erdogan si sarebbe detto disposto a dare loro ospitalità.

Tornando in Egitto, un altro tribunale ha deciso il rilascio su cauzione di Abdul Fattah (NELLA FOTO), attivista democratico e blogger. L'uomo, uno dei leader della Primavera egiziana "laica" contro l'allora presidente Mubarak, era stato condannato a 15 anni per aver violato la legge contro le manifestazioni di protesta e per aver aggredito un agente.

Fattah, in attesa dell'appello, dovrebbe lasciare oggi il carcere.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
"Per l'ultima volta in divisa", il gen. al-Sisi annuncia di candidarsi alla presidenza
27/03/2014
Un tribunale egiziano condanna a morte 683 Fratelli musulmani
28/04/2014
A giudizio il capo dei Fratelli musulmani e altri 680 islamisti
25/03/2014
Egitto, i Fratelli rinunciano alla barba: arrestati col volto rasato i leader in fuga
22/08/2013
Ultimatum del premier egiziano ai Fratelli musulmani: “Lasciate la piazza”
08/08/2013