29/10/2014, 00.00
TURCHIA-SIRIA-IRAQ
Invia ad un amico

I peshmerga curdi arrivano in Turchia per combattere a Kobane

Sono stati accolti da migliaia di curdi turchi a cui è vietato entrare in Siria e combattere. Ankara teme il rafforzamento del Pkk e la nascita di uno Stato curdo. Alcune zone della provincia di idlib sono passate nelle mani di al Nusra, aiutato dai miliziani dello Stato islamico.

Istanbul (AsiaNews/Agenzie) - Un gruppo di almeno 150 peshmerga curdi dell'Iraq sono giunti in Turchia per combattere contro i miliziani dello Stato islamico che assedia la città di Kobane sul confine turco-siriano.

I combattenti curdi sono atterrati nella notte all'aeroporto di Sanliurfa. Un altro contingente è giunto al posto di frontiera di Habur, dirigendosi poi-verso il confine con circa 40 camion, carichi di armi pesanti. Il gruppo è stato accolto da  migliaia di curdi turchi, che sventolavano bandiere curde.

I peshmerga erano attesi da oltre una settimana per andare in aiuto alla popolazione curda siriana, assediata da oltre un mese dallo SI.

Ankara ha dato il permesso per il loro arrivo solo una settimana fa, dietro pressione degli Stati Uniti e proibendo ai curdi turchi di andare a combattere in Siria. La Turchia teme che la collaborazione fra i vari gruppi curdi possa aiutare il Pkk, il Partito dei lavoratori, che combatte in Turchia per l'indipendenza ed è considerato un'organizzazione terrorista. Ma soprattutto, Ankara teme che dalla comune causa curda possa sorgere uno Stato curdo, disintegrando la Turchia (ma anche la Siria, l'Iraq e perfino l'Iran, dove sono presenti popolazioni di etnia curda).

In un'intervista diffusa ieri dalla Bbc, il premier turco Ahmet Davutoglu ha rintuzzato le critiche rivolte al suo Paese, secondo cui  essa favorisce lo SI, pur essendo parte della coalizione anti-SI guidata dagli Usa. Egli ha spiegato che preferirebbe che Kobane venga presa e governata dalle forze siriane di opposizione moderata e non dai curdi.

Intanto, in Siria, le forze moderate di opposizione sono da tempo in lotta con i gruppi islamisti di opposizione ad Assad. Diversi villaggi della provincia di Idlib,  finora nelle mani del Fronte rivoluzionario siriano, sono stati conquistati ieri dal Fronte di Al Nusra, il ramo locale di Al Qaeda. Secondo alcune testimonianze, negli scontri Al Nusra è stato aiutato dai combattenti dello SI. 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ankara: I curdi iracheni possono entrare, se vanno a combattere lo Stato islamico
20/10/2014
Il "cancro" della questione kurda mette Ankara alle strette
13/10/2014
L’ambigua politica di Erdogan e l’inizio del dramma turco (e kurdo)
30/07/2015
Lo Stato islamico attacca Kobane. Curdi accusano la Turchia di favorire il passaggio jihadista
26/06/2015
Sono liberi gli ostaggi turchi rapiti dall'esercito islamico a Mosul
20/09/2014