21/07/2015, 00.00
TURCHIA
Invia ad un amico

Dopo un attentato dello Stato islamico, Ankara annuncia maggiori controlli al confine con la Siria

Un kamikaze, probabilmente una donna, si è fatta saltare durante una conferenza stampa di militanti filo-curdi, che stavano illustrando in una conferenza stampa il loro progetto di superare il confine per andare ad aiutare coloro che stanno ricostruendo Kobane.

Ankara (AsiaNews/Agenzie) – La Turchia renderà meno penetrabile il confine con la Siria. L’annuncio è stato dato questa mattina dal primo ministro Ahmet Davutoglu, dopo che un kamikaze si è fatto saltare stamattina a Suruc, uccidendo almeno 30 persone.

L’attentatore, probabilmente una donna, ha colpito un gruppo di militanti filo-curdi, che stavano illustrando in una conferenza stampa il loro progetto di superare il confine per andare ad aiutare coloro che stanno ricostruendo Kobane, al centro di una violenta battaglia tra i curdi e le milizie dello Stato islamico.

Le vittime sono in gran parte giovani e un video ripreso durante la conferenza stampa  li mostra scandire slogan a favore dei curdi, quando avviene l’esplosione . La notizia dell’attentato ha provocato manifestazioni di protesta a Istanbul.

Accusata di facilitare il passaggio di sostenitori dello SI, in quanto preoccupata dal separatismo curdo, la Turchia oggi per bocca di Davutoglu ha affermato di “aver preso e continuare a prendere tutte le misure necessarie contro Stato islamico”. “Siamo – ha aggiunto – di fronte a un evento di terrorismo. Abbiamo la forza e la  volontà per trovare e punire certamente i responsabili”. “Le misure sul nostro confine con la Siria saranno aumentate”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’ambigua politica di Erdogan e l’inizio del dramma turco (e kurdo)
30/07/2015
Lo Stato islamico attacca Kobane. Curdi accusano la Turchia di favorire il passaggio jihadista
26/06/2015
La vittoria kurda a Kobane preoccupa Erdogan
27/01/2015
I peshmerga curdi arrivano in Turchia per combattere a Kobane
29/10/2014
Kobane: controffensiva curda contro lo Stato islamico, rimossa la bandiera jihadista
14/10/2014