28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/12/2015, 00.00

    BANGLADESH

    Bangladesh, Natale nella paura. Minacce di morte a due vescovi

    Sumon Corraya

    Mons. Bejoy D’Cruze, vescovo di Shylet, e mons. Paul Panen Kubi, vescovo di Mymenshing, sono stati minacciati via sms. Dallo scorso ottobre sono 37 i leader cristiani che hanno subito intimidazioni. Tra questi anche Nirmal Rozario, segretario della Bangladesh Christian Association. “I cristiani sono una minoranza e vivono in una condizione molto vulnerabile”.

    Dhaka (AsiaNews) – Mons. Bejoy D’Cruze, vescovo di Shylet, e mons. Paul Panen Kubi, vescovo della diocesi di Mymenshing, sono stati minacciati di morte via sms da radicali islamici nei giorni precedenti il Natale. Altri sei membri della Bangladesh Christian Association (Bca) hanno subito intimidazioni, tra cui il segretario generale Nirmal Rozario. Questi riferisce ad AsiaNews: “Tali incidenti sono davvero spiacevoli e vanno contro lo spirito dell’uguaglianza dei diritti e della libertà di pensiero”. Il leader cattolico ha poi aggiunto che la comunità cristiana vive nella paura.

    Da diversi mesi i radicali islamici inviano minacce di morte ad esponenti della minoranza cristiana. La Bca riferisce che dallo scorso ottobre, 37 leader cristiani hanno subito minacce alla loro vita. Gli estremisti utilizzano i cellulari come mezzo per recapitarle e per diffondere un clima di paura.

    Mons. Bejoy ha dichiarato che un uomo di nome Zaman Mozumder, identificato come il coordinatore di “IGMB”, ha inviato un messaggio sul suo cellulare. Nel testo si legge: “Esaudisci il tuo ultimo desiderio perché la tua vita è al termine. Presto ti uccideremo”.

    Il mittente e il numero di telefono da cui è partito il messaggio sono gli stessi anche per l’intimidazione inviata a Nirmal Rozario. Il segretario generale riporta il messaggio: “Ci saranno dei preparativi per te durante il Natale. Facci sapere chi preferisci per l’organizzazione del tuo funerale: noi o la tua famiglia”. “È davvero molto triste – dice ad AsiaNews – quello che mi sta accadendo. Io lavoro per servire gli altri, ma ricevo minacce di morte dai radicali islamici. Dal momento che i cristiani sono una minoranza, vivono in una condizione molto vulnerabile”.

    Negli stessi giorni altri sei membri della Bca hanno ricevuto minacce simili. Essi sono: p. Subrata Boniface Tolentino di Sreemangal; p. Ujjal Rozario di Dinajpur; fratello Binoy di Dhaka; Aldrick Biswas, direttore esecutivo di Samabarta, un giornale della comunità cattolica; il pastore Jagadish Edward, residente ad Uttara, un quartiere della capitale.

    Nei mesi scorsi altri due leader cristiani sono sopravvissuti a due diversi attentati. Il pastore Luke Sarkar è stato aggredito da tre criminali – poi arrestati insieme a due complici – mentre si trovava in casa propria, nel distretto di Pabna. A fine novembre p. Piero Parolari, sacerdote missionario del Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere), è rimasto gravemente ferito in un assalto.

    Il pastore Aniruddha Das, segretario generale del Consiglio nazionale delle Chiese del Bangladesh conclude: “I cristiani hanno molta paura. Ma dobbiamo ricordare che noi siamo figli di questa terra e non possiamo vivere sotto minaccia. La maggioranza della popolazione è con noi”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/05/2016 11:47:00 BANGLADESH
    Editore “laico”: Bangladesh, una terra del terrore per scrittori e liberi pensatori

    Mahbub Leelen è il fondatore della casa editrice Shuddhashar. Di recente è stato premiato per il suo “coraggio nel pubblicare testi anche a fronte della persecuzione politica”. L’editore denuncia la connivenza del governo con le forze islamiche. “Tutti viviamo nella paura, siamo costretti a nasconderci e a cercare luoghi sicuri dove vivere e continuare a scrivere”.



    13/08/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, minacce di morte da estremisti islamici a 19 blogger e intellettuali
    Il primo nome della lista, già cancellato in rosso, è quello del blogger ucciso neanche una settimana fa. Gli altri sono scrittori, scultori, attivisti, ma anche diversi esponenti politici. Fonte cattolica anonima: “I radicali devono imparare la tolleranza dalle altre religioni”.

    24/10/2015 BANGLADESH
    Espropri di terre in Bangladesh: nuove minacce alla comunità cristiana
    La settimana scorsa 100 musulmani hanno occupato una casa cristiana di Dhaka. Ora puntano ad impossessarsi delle case dei vicini. Leader e comunità cristiana cercano una soluzione, ma i musulmani rifiutano di scendere a patti. Cristiano sfollato: “Vogliamo vivere senza paura nella terra in cui siamo nati e in cui la comunità è presente da più di 300 anni”.

    23/04/2016 13:27:00 BANGLADESH
    Rajshahi, sgozzato un professore di inglese. La polizia accusa i radicali islamici

    Rezaul Karim Siddique insegnava all’università cittadina. Era conosciuto e apprezzato dalla comunità locale, dove partecipava ad attività culturali. La moglie ha riferito che non aveva nemici. Un giornalista anonimo non ha dubbi: “È stato ucciso per le sue poesie”. La dinamica dell’aggressione ricorda quella con cui sono stati uccisi altri blogger e pensatori liberali.



    22/03/2016 11:22:00 BANGLADESH
    Bangladesh, sgozzato un musulmano convertito al cristianesimo

    L’uomo si chiamava Hossain Ali Sarkar e aveva 68 anni. Nel 1999 si era convertito al cristianesimo. Era un stimato operatore sanitario e aveva difeso il Paese nella guerra per l’Indipendenza dal Pakistan. Ignoti gli aggressori, ma la polizia teme si tratti di un omicidio a sfondo religioso. Il Bangladesh è tra i Paesi più repressivi nei confronti dei cristiani.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®