07/03/2016, 08.56
ARABIA SAUDITA

Invia ad un amico

Riyadh, eseguita una nuova decapitazione. Salgono a 70 le esecuzioni nel 2016

Alaa al-Zahrani è stato decapitato per aver ucciso una persona a colpi di pietra alla testa. La maggior parte delle condanne a morte comminate per omicidio e traffico di droga. Attivisti e organizzazioni internazionali si battono per ottenere processi più equi ed esecuzioni meno crudeli. 

Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - L’Arabia Saudita ha giustiziato ieri un proprio concittadino accusato di omicidio, portando a 70 il numero delle condanne a morte eseguite nel 2016. Secondo quanto riferisce il ministero saudita degli Interni, Alaa al-Zahrani avrebbe ucciso Abdullah al-Sumairi a colpi di pietra alla testa. 

Per questo il tribunale della città di Jeddah, sul mar Rosso, ha deciso per la condanna a morte. 

Lo scorso anno l’Arabia saudita ha eseguito 153 condanne a morte, la maggior parte delle quali per traffico di droga e omicidio. Si è trattato del numero più alto degli ultimi 20 anni. 

Ad inizio 2016 Riyadh ha giustiziato 47 persone accusate di “terrorismo”; fra questi vi era pure il dignitario sciita Sheikh Nimr al-Nimr, figura importante di contestazione contro il regime saudita. L’uccisione ha originato uno scontro - non solo diplomatico - fra Arabia Saudita (sunnita) e Iran (sciita), che rischia di infiammare ancor più il già complicato quadro mediorientale.

La maggior parte delle condanne a morte nel Paese arabo vengono eseguite tramite la decapitazione .

Da anni le principali associazioni per i diritti umani e molti governi occidentali si battono per imporre al regno saudita (sunnita wahabita) processi più equi ed esecuzioni meno crudeli. L’Arabia Saudita – in cui vige una stretta osservanza della sharia, la legge islamica - è l'unico Paese al mondo dove la condanna a morte può essere eseguita con la decapitazione in pubblica piazza.

La pena capitale nel regno è prevista per i colpevoli di omicidio, rapina a mano armata, stupro e traffico di droga, ma anche per stregoneria e sodomia. Non meno crudeli sono le condanne per crimini minori, come il furto e il reato di opinione, che oltre al carcere, prevedono il taglio della mano o del piede e la fustigazione in piazza.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Centesima condanna a morte nel 2017 in Arabia Saudita
03/10/2017 08:54
Non si ferma il boia saudita: migrante indonesiano decapitato per (presunto) omicidio
21/03/2018 09:00
Riyadh, seconda decapitazione dopo il Ramadan
28/07/2015
Arabia Saudita, esecuzione di massa: Riyadh pronta a giustiziare 55 persone in un giorno
27/11/2015
Onu contro la pena di morte: anacronistica e viola i diritti umani dei condannati
11/10/2017 08:49