25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/10/2016, 10.15

    CINA

    La maggioranza dei cinesi si sente minacciata dalle potenze straniere



    Il Pew Research Center mostra che il 75% dei cinesi teme le potenze occidentali. Il 77% chiede al governo di tutelare il proprio stile di vita e occuparsi dei problemi interni del Paese.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Secondo un recente sondaggio americano del Pew Research Center la maggioranza dei cittadini cinesi si sente minacciata dalle pressioni provenienti da Paesi esteri. Il 75% della popolazione ritiene che la Cina stia giocando un ruolo molto importante a livello globale rispetto a 10 anni fa ma, allo stesso tempo, si registra grande diffidenza rispetto alle potenze occidentali. Solo il 10% pensa il contrario. Per il 77% dei cittadini lo stile di vita cinese deve essere protetto dalle ingerenze straniere. A ciò si aggiunge forte preoccupazione per le contese territoriali con i Paesi vicini che sta portando ad un’escalation di tensione allarmante. Il 56% della popolazione pensa che il governo debba occuparsi dei problemi interni e ridurre il coinvolgimento nelle vicende di altri Paesi. Ciò che comunque rimane presente tra la popolazione è la paura del potere americano nella zona. Il 45% dei cittadini infatti considera gli Stati Uniti come il maggior pericolo per la Cina rispetto allo stesso dato del 2013 che si attestava al 39%.

    Questi dati vanno in parallelo con la politica del regime cinese tutta incentrata sui valori del nazionalismo e della sicurezza. Tale politica è ancora più forte in seguito al rallentamento della crescita economica che sembrava inarrestabile. Secondo Willy Wo-Lap Lam, accademico di Hong Kong, la minaccia percepita da Pechino è molto forte e si traduce in una politica aggressiva.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/10/2016 11:05:00 ASIA-CINA
    Pechino annuncia con forza una “nuova guerra fredda”

    Un nuovo assetto geopolitico sembra prendere forma nella regione dell’Asia-Pacifico. Da una parte vi è Cina, Russia, Nordcorea; dall’altra gli Stati Uniti con Corea, Giappone e Paesi del Sud-est asiatico.Pechino prova a strappare alleanze ai Paesi vicini usando anche l’arma dei benefici economici. Ma molti Paesi della regione temono proprio la potenza crescente della Cina. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.



    28/11/2013 CINA-GIAPPONE-USA
    Scintille fra Cina, Usa e Giappone sulla zona aerea di controllo delle Senkaku/Diaoyu
    Pechino ha stabilito una zona di difesa aerea, ma ha lasciato passare senza fare nulla bombardieri Usa, aerei coreani e giapponesi. Filippine, Giappone e Corea del Sud temono che la zona sia il primo passo verso una rivendicazione di sovranità dell'aerea.

    30/11/2013 USA - CINA
    Mar Cinese orientale: Gli Usa invitano le compagnie aree a rispettare le "regole di Pechino"
    Per Washington adeguarsi alle "note di volo" non significa accettare la zona di identificazione di difesa aerea (Zida) imposta in modo unilaterale da Pechino. Per sfidare i diktat cinesi Usa, Giappone e Corea del Sud hanno inviato sulla zona due bombardieri B52 e altri aerei da guerra e civili.

    06/02/2014 ASIA - STATI UNITI
    Washington a Pechino: Modificate le rivendicazioni sul mar Cinese meridionale
    Un alto funzionario del governo statunitense invita il governo cinese a cooperare per una “soluzione pacifica” delle tensioni nella regione Asia-Pacifico. Le pretese del governo cinese sono fonte di “crescente preoccupazione” e alimentano “incertezza”. Esperti Usa: “senso del destino” nella storia e nel mondo dietro l’aggressività di Pechino.

    07/09/2012 CINA – GIAPPONE -COREA DEL SUD
    Pechino, Tokyo, Seoul: sulle isole contese, sfumano i venti di pace
    Al summit dell’Asean in corso a Valdivostok salta l’incontro fra il presidente cinese Hu Jintao e il premier nipponico Yoshihiko Noda: Tokyo ha confermato di voler comprare le Diaoyu/Senkaku, contese dai due governi. Mentre Seoul manda le navi da guerra (per un’esercitazione) davanti alle Dokdo/Takeshima.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®