18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/11/2016, 14.32

    CINA - STATI UNITI

    Primo colloquio (telefonico) fra Trump e Xi. Sullo sfondo il futuro dell’economia globale



    L’era Obama-Xi si conclude fra dubbi e incertezze che pesano su tutta la regione del Pacifico. Il presidente cinese auspica una collaborazione “in molti ambiti”. Trump promette una “cooperazione” che sia di “beneficio reciproco”. Ma pesano le minacce di politiche protezioniste in campagna elettorale. Taiwan, Corea del Nord e mar Cinese gli altri dossier in agenda.

     

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) - Relazioni bilaterali, nucleare nord-coreano, vendita di armi a Taiwan e rivendicazioni territoriali nel mar Cinese meridionale. E ancora, rapporti commerciali e annunci - in campagna elettorale - di politiche protezionistiche che hanno provocato irritazione nella leadership cinese. Sono molti i temi al centro delle relazioni fra Pechino e Washington e la vittoria del candidato repubblicano alla Casa Bianca getta un clima di incertezza sul futuro.

    La tv ufficiale di Stato cinese CCTV riferisce di una telefonata avvenuta in queste ore fra Xi Jinping e il neo presidente statunitense Donald Trump. Durante il colloquio i due leader hanno concordato di incontrarsi “presto” per discutere di rapporti bilaterali e delle principali questioni dell’agenda internazionale.

    Secondo le fonti giornalistiche, nel corso della telefonata il leader cinese ha spiegato al neo presidente Trump che i due Paesi “hanno bisogno di collaborazione e possono cooperare in molti ambiti”. Nessun riferimento diretto, al momento, alla minaccia lanciata in campagna elettorale dal candidato repubblicano di una tassa del 45% sulle importazioni cinesi e sulla definizione di “nemico” riservata da Trump a Pechino.

    Nel primo contatto diretto sono prevalse le “buone intenzioni” e la promessa di incontrarsi “al più presto” per discutere di “relazioni bilaterali e di questioni di interesse comune”. Trump avrebbe inoltre aggiunto che “Stati Uniti e Cina possono arrivare a concludere una cooperazione che sia di beneficio reciproco”.

    Tuttavia, pesano le incertezze sui passi che vorrà compiere in politica estera il nuovo inquilino della Casa Bianca dopo gli anni di interventismo in Asia di Barack Obama. Il presidente uscente in questi anni ha infatti riservato una attenzione particolare al continente e alle sue principali questioni irrisolte, fra cui il dossier riguardante i conflitti nel mar Cinese meridionale.

    Al contempo, non aiutano a delineare i rapporti fra le due superpotenze anche le difficoltà che attraversa Pechino nell’ultimo periodo: dalle riforme interne al rallentamento dell’economia, passando per il rimpasto in seno alla leadership del partito in programma a fine 2017.

    Analisti ed esperti attendono le prime decisioni di Trump sull’Asia-Pacifico e se la Cina potrà trarre beneficio da un eventuale disimpegno statunitense nella regione. Del resto negli anni di presidenza Obama si è registrato un cambiamento progressivo nelle relazioni fra le due potenze: dalla promessa di amicizia e collaborazione durante il primo mandato, si è poi assistito negli ultimi quattro anni a una progressiva erosione nei rapporti e a un inasprimento dello scontro. Il momento saliente nei rapporti fra Cina e Washington è la firma sul clima a margine della Conferenza di Parigi nel 2015. Ma, anche in questo caso, vi sono grandi incognite per il futuro per le politiche in tema di energia e ambiente del neo-presidente Trump, non certo nemico dei magnati del petrolio statunitensi.

    L’era Obama-Xi si conclude fra grandi dubbi e incertezze che pesano su tutta la regione del Pacifico e in gioco vi sono anche storiche alleanze, in un clima crescente di sfiducia e sospetto reciproco.

    Tuttavia, gli osservatori concordano nel ritenere che saranno le scelte economiche a determinare le relazioni fra i due Paesi anche nel futuro prossimo. Se Trump insisterà nel promuovere politiche protezioniste e dazi doganali sulla manifattura cinese, vi potrebbero essere pesanti ripercussioni per l’intera economia mondiale.

    Una guerra commerciale che potrebbe causare danni “incalcolabili”, sei si considera che alla Cina - che possiede gran parte del debito estero americano - non mancano le armi per rispondere e rilanciare una controffensiva. Per gli esperti i prossimi mesi serviranno al neo inquilino della Casa Bianca per valutare le relazioni con Pechino e l’impatto delle scelte - protezioniste o meno - non solo per l’economia americana, ma su scala globale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/11/2004 cina - usa
    Hu Jintao si congratula con Bush e parla di cooperazione


    11/11/2016 09:00:00 STATI UNITI - ISRAELE - ISLAM
    Israele e Stato islamico celebrano il neo-presidente Usa Trump

    Siti jihadisti e miliziani di Daesh festeggiano il successo del candidato repubblicano. Trump mostrerà “la brutta faccia dell’America”. Egli è un “toro stupido, arrogante e presuntuoso, più stupido di Bush”. Per l’ideologo di al Qaeda è l’inizio della “distruzione” degli Usa. Netanyahu ricorda il “legame di ferro” fra i due Paesi. L’invito a Washington alla “prima opportunità”. 

     



    04/11/2004 ASIA – USA
    Elezioni americane: le reazioni dell'Asia


    20/01/2017 12:27:00 CINA-USA
    Comincia l'era di Trump: il rapporto Cina-Usa e il rischio di una guerra

    Nell’attesa della cerimonia di inaugurazione della presidenza Trump, l’Ufficio di propaganda del Partito comunista cinese ha vietato a tutti i giornalisti “critiche non autorizzate” alle parole o ai gesti di Trump. Secondo il grande dissidente Wei Jingsheng vi sono possibilità che Trump costringa la Cina a accordi commerciali equi, influenzando anche una riforma interna della politica e della giustizia. L’opzione di una guerra commerciale.



    11/11/2016 13:18:00 MEDIO ORIENTE - STATI UNITI
    In Medio oriente convinti che saranno gli affari a guidare la politiche del “mercante” Trump

    Per il patriarca Sako è stata bocciata la politica “non chiara” del passato. Ma restano “l’attesa e la paura” per il futuro. Il neo inquilino della Casa Bianca appare più un uomo d’affari che un poliziotto dell’ordine internazionale. L’eredità di Obama, che lascia una regione in condizioni “peggiori”. Le alleanze con i Paesi del Golfo e il futuro dell’accordo nucleare iraniano.

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®