19 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/02/2017, 08.57

    COREA DEL NORD – MALAYSIA

    Pyongyang: La morte di Kim Jong-nam è tutta colpa di Kuala Lumpur



    Per la prima volta un dispaccio dal Nord cita la morte di un “suo cittadino” a Kuala Lumpur, senza fare il nome del fratellastro del leader KIm Jong-un.  L’atteggiamento della Malaysia sarebbe “illegale e immorale” e “in totale disprezzo per le leggi internazionali”.

    Seoul (AsiaNews) - La Nordcorea accusa la Malaysia per la morte di “un suo cittadino”, e giudica “illegale e immorale” l’autopsia sul suo cadavere, condannando la sua “attitudine per nulla amichevole”, foraggiata dalla Corea del Sud.

    Quest’oggi per la prima volta dopo oltre una settimana dal fatto, l’agenzia di Stato nordcoreana, la KCNA, ha parlato della morte di Kim Jong-nam, avvelenato all’aeroporto di Kuala Lumpur. La polizia malaysiana sospetta l’implicazione della Corea del Nord e ricerca due nordcoreani, dei quali uno è un diplomatico, oltre ad altri quattro che sarebbero fuggiti dal Paese.

    Sebbene Kim Jong-nam sia il fratellastro del leader Kim Jong-un, fino ad ora i media del Nord non avevano fatto alcun accenno all’evento.

    Oggi la KCNA ne ha accennato, ma solo in generale, parlando di “un cittadino della Repubblica democratica popolare della Corea” che viaggiando con passaporto diplomatico è morto per “infarto”.

    L’agenzia afferma che la notizia dell’avvelenamento è falsa e che l’atteggiamento della Malaysia fa parte di una “rete di cospirazione contro la Corea del Nord lanciata dalle autorità della Corea del Sud”.

    “La più grande responsabilità per la sua morte – dice l’agenzia - pesa sul governo della Malaysia, dato che il cittadino della Corea del Nord è morto sul suo suolo”.

    La KCNA critica poi Kuala Lumpur per aver compiuto un’autopsia “illegale e immorale” sul cadavere e perché si rifiuta di consegnare la salma “sotto l’assurdo pretesto” che è necessaria una prova di Dna dalla famiglia del morto.

    Il rifiuto di consegnare la salma, secondo Pyongyang, “prova che la parte malaysiana sta politicizzando il trasferimento della salma in totale disprezzo per le leggi internazionali e la moralità per raggiungere il suo scopo sinistro”.

    Intanto, la polizia malaysiana ha chiesto aiuto all’Interpol per bloccare i quattro nordcoreani ricercati.

    La polizia ritiene che in tutto vi siano almeno 11 persone collegate alla morte di Kim Jong-nam. Quattro di loro sono stati arrestati: si tratta di Doan Thi Huong, 28 anni, vietnamita, che avrebbe spalmato il veleno in faccia a Kim; Siti Aisyah, 25 anni, indonesiana, che “pensava” di stare a prendere parte a un serial televisivo; Muhammad Farid Jalaluddin, malaysiano, fidanzato di Siti; Ri Jong Chol, 47 anni, nordocoreano.

    Gli altri ricercati sono: Hyon Kwang Song, 44 anni, secondo segretario dell’ambasciata della Corea del Nord a Kuala Lumpur; Kim Uk Il, 37 anni, impiegato alla Air Koryo, compagnia di bandiera nordcoreana; Ri Ju U, 30 anni, conosciuto anche come “James”, fuggito; Ri Ji Hyon, 33, fuggito; Hong Song Hac, 34 anni, fuggito; O Jong Gil, 55 anni, fuggito; Ri Jae Nam, 57 anni, fuggito.

    La polizia sostiene che i primi due sono ancora in Malaysia; gli altri sarebbero ritornati in Corea del Nord.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/03/2017 08:36:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Pyongyang blocca i malaysiani in Nordcorea. Kuala Lumpur fa altrettanto

    Per il premier Najib Razak i suoi concittadini sono presi in “ostaggio”. La polizia dice che nell’ambasciata di Pyongyang a Kuala Lumpur sono nascosti i ricercati in connessione all’assassinio di Kim Jong-nam



    27/02/2017 08:58:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Kim Jong-nam: una 'morte dolorosa in 20 minuti'

    La conferma del ministro della salute in Malaysia. L’agente nervino ha agito in fretta bloccando il cuore e i polmoni. Le due donne arrestate pensavano di spalmare sul volto di Kim “olio per bambini” e di stare all’interno di uno scherzo televisivo. Una è stata pagata con 80 dollari.



    16/02/2017 08:48:00 COREA-MALAYSIA
    Arrestate due donne sospettate dell’assassinio di Kim Jong-nam

    Una ha passaporto indonesiano; l’altra ha passaporto vietnamita. La polizia malaysiana pensa che siano implicati anche quattro uomini. Visite dei rappresentanti dell’ambasciata di Pyongyang al centro di medicina legale di Kuala Lumpur. Aumentare la protezione per tutti i profughi nordcoreani di alto profilo a Seoul.



    03/03/2017 08:34:00 MALAYSIA - COREA DEL NORD
    Kuala Lumpur libera il nordcoreano implicato nell’assassinio di Kim Jong-nam

    Non vi sono “prove evidenti”. Ri Jong-chol, 46 anni, è un chimico. Il giorno dell’uccisione ha portato quattro nordcoreani all’aeroporto. La Malaysia ha cancellato la cessione dei visti per i nordcoreani.



    18/02/2017 09:03:00 COREA-MALAYSIA
    Nordcoreano arrestato in relazione all’assassinio di Kim Jong-nam

    Finora fra i sospetti vi erano un’indonesiana, il suo fidanzato malaysiano, una vietnamita. Silenzio a Pyongyang. Ma l’ambasciatore nordcoreano a Kuala Lumpur esige che l’autopsia avvenga alla presenza di suoi rappresentanti. Ipotesi sull’uccisione: non ha obbedito al fratellastro che gli ordinava di tornare in patria. Kim Jong-nam cercava asilo in qualche Paese straniero.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®