26 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 22/03/2017, 13.31

    COREA DEL NORD

    Onu: il 70% dei nordcoreani è malnutrito



    Colpiti circa 18 milioni di persone, tra cui 1,3 milioni di bambini sotto i cinque anni. Le razioni alimentari quotidiane sono in media di 300 grammi; le Nazioni Unite ne raccomandano 600. L’appello per un nuovo impegno internazionale.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Circa il 70 percento della popolazione nordcoreana è malnutrito. A riferirlo è uno studio condotto dalle Nazioni Unite sul bisogno di aiuti umanitari in Corea del Nord.

    Il documento, pubblicato ieri dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Ocha), rivela che circa 18 milioni di persone, tra cui 1,3 milioni di bambini sotto i cinque anni, sono malnutriti a causa delle misere razioni di cibo distribuite dallo Stato. Queste infatti non consentirebbero un sufficiente apporto di proteine e grassi.

    Il rapporto sottolinea che l'anno scorso le razioni alimentari quotidiane della Corea del Nord siano rimaste in media a 300-380 grammi per persona, solo la metà dei circa 600 grammi che l’Onu raccomanda come fabbisogno giornaliero minimo.

    L’Ocha rinnova l’appello per un nuovo impegno internazionale nell’assistenza alla popolazione nordcoreana, ricordando le loro sofferenze per la carenza di cibo, servizi igienico-sanitari e acqua potabile a causa di recenti disastri naturali come siccità e inondazioni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/09/2006 Corea del Nord – Corea del Sud
    Militari nordcoreani si appropriano dei beni umanitari destinati alla popolazione

    Un filmato di tre ore mostra i soldati del "Caro Leader" che, in violazione ai trattati stipulati con Seoul, si prendono i generi alimentari destinati alla popolazione. Disertore del nord: "Almeno il 70 % del cibo viene portato via dall'esercito".



    28/02/2005 COREA DEL SUD-COREA DEL NORD
    Seoul invia cibo a Pyongyang, fra le proteste dei suoi abitanti

    La Corea del Sud viene duramente contestata dai suoi cittadini, Washington e Tokyo, per il suo atteggiamento nei confronti del regime di Kim Jong Il.



    26/09/2005 onu - corea del nord
    L'Onu chiude i progetti alimentari "come richiesto" da Pyongyang


    18/10/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Corea, il test nucleare "colpisce l'aiuto della Caritas alla popolazione"

    Il direttore della Caritas coreana, p. Paul Jeremiah Hwang Yong-yeon, è il primo straniero ad essere entrato in Corea del Nord dopo l'annuncio dell'avvenuto test atomico. Ad AsiaNews spiega che il lavoro dell'organizzazione cattolica subirà dei duri colpi a seguito di questo esperimento, ed a pagarne il prezzo sarà la popolazione.



    10/10/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Seoul, vescovi coreani riuniti per gestire gli aiuti al Nord dopo l'esperimento atomico

    I presuli della Corea del Sud, impegnati nei lavori dell'assemblea generale della Conferenza episcopale, hanno riunito tutti coloro che operano nel campo degli aiuti umanitari alla popolazione nordcoreana. Domani parte per il nord il direttore della Caritas locale.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®