21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/04/2017, 09.07

    SIRIA-USA

    Arabia Saudita, Israele e Turchia applaudono Trump. Dure le critiche di Russia e Iran



    Plauso dell’Arabia Saudita e Israele, per loro un messaggio anche per Nord Corea e Iran. Per la Turchia “positivo l’attacco”, ma non basta. Russia e Iran criticano la decisione unilaterale, secondo Putin è “aggressione a uno Stato sovrano”.

    Washington (AsiaNews) – Il bombardamento della base siriana di Khan Sheikhun ha provocato immediate reazioni, in prima linea da Arabia Saudita e Israele, che hanno subito appoggiato la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Opposta la posizione di Russia e Iran.

    Il Ministro saudita degli esteri ha affermato che il lancio missilistico è stata la giusta risposta “ai crimini del regime sul suo popolo, alla luce del fallimento della comunità internazionale nel fermarlo”. L’Arabia Saudita è un nemico storico di Assad, e ha sostenuto i ribelli contro di lui, anche perché considera il conflitto come “proseguimento” di quello contro il suo rivale nel Medio Oriente, l’Iran.

    Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha applaudito la decisione di Trump, a cui dà il “completo sostegno”. Per Netanyahu, l’attacco è un messaggio “forte e chiaro” contro l’uso e la diffusione delle armi chimiche. Secondo l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, l’azione militare è stata “una decisione morale che ha inviato un triplo messaggio”, non solo a Siria, Iran e Nord Corea, ma anche alla comunità internazionale, sulla possibilità di agire in situazioni in cui l’Onu è “incapace”. Un messaggio che secondo Netanyahu “risuonerà non solo a Damasco, ma a Teheran, Pyongyang e in qualunque altro luogo.”

    Anche la Turchia ha dichiarato il suo appoggio a Trump. Il vice Primo ministro Numan Kurtulmus ha detto oggi, durante un’intervista televisiva, che è “imperativo che il regime di Assad sia punito dalla comunità internazionale”. Secondo lui, il raid areo è “positivo, ma dovrebbe essere portato a compimento e “il regime barbarico di Assad subito fermato”. La Turchia aveva già preannunciato il suo sostegno ieri, quando Tayyip Erdogan aveva annunciato che sarebbe stato pronto a fare la sua parte in caso di attacco degli Stati Uniti.

    Critici invece Russia e Iran, alleati di Assad. Il presidente russo Vladimir Putin considera l’azione militare Usa una “aggressione a uno Stato sovrano in violazione del diritto internazionale.” Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov ha affermato che il Presidente considera le motivazioni del bombardamento un “pretesto forzato”.

    Il portavoce iraniano del Ministero degli esteri afferma che “l’Iran condanna con fermezza tutti gli attacchi unilaterali di questa natura. Queste misure rinforzano il terrorismo in Siria e complicano la situazione in Siria e nella Regione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2017 09:44:00 ISRAELE - SIRIA
    Il 'bizzarro caso' di Bashar al-Assad e del gas nervino

    Il grande statista israeliano commenta le accuse al presidente siriano di aver bombardato la città di Khan Sheikhoun, lo scorso 4 aprile, e di usare gas letali contro il suo popolo. Ma mancano le prove che condannino Assad. In Siria, “tutti combattono con tutti gli altri contro tutti gli altri”. L’attacco punitivo di Trump contro il volere dei generali Usa e con il plauso dei media, “inconsapevoli prigionieri di bugie”.



    08/09/2016 13:12:00 SIRIA - TURCHIA - RUSSIA
    Pace in Siria e una nuova geopolitica mondiale: Mosca celebra l’alleanza Erdogan-Assad

    Nella capitale russa si prepara l’incontro fra il presidente siriano e l’omologo turco, con la benedizione di Putin. Il ruolo di Mosca nello sventato golpe in Turchia ha riavvicinato Putin ed Erdogan. Nel mirino anche i curdi e le mire nazionaliste e indipendentiste. Il fallimento dei piani di Washington apre una nuova partita nella regione mediorientale. Per gentile concessione dell’Observatoire Géostratégique sur le Proche et Moyen Orient. Traduzione a cura di AsiaNews. 



    07/04/2017 07:46:00 SIRIA-USA
    Stati Uniti: 59 missili contro una base siriana in risposta all’attacco con armi chimiche

    Colpita la base di Shayrat, da dove sarebbero partiti gli aerei per il raid con armi chimiche ad Idlib. Morti e feriti: le forze della base avevano liberato Palmira. Il Pentagono ha avvertito la Russia prima dell’attacco. Tillerson: Nessun ruolo per Assad in Siria.



    24/01/2018 08:53:00 ONU - SIRIA - RUSSIA - USA
    Guerra (verbale) fra Russia e Stati Uniti sull’uso di armi chimiche in Siria

    Secondo Washington il governo di Damasco ha usato sostanze (e armi) proibite con il consenso dell’alleato russo. Replica immediata di Mosca, che respinge le accuse e auspica la formazione di un meccanismo di inchiesta “davvero indipendente”. A Parigi 24 nazioni al mondo chiedono un'iniziativa congiunta contro l’uso di armi chimiche. 

     



    21/11/2017 08:58:00 SIRIA - RUSSIA
    Conflitto siriano, Putin e Assad celebrano i successi nella lotta al terrorismo

    Il leader del Cremlino si è congratulato per i “risultati” ottenuti. Per Mosca è ormai prossima la sconfitta “definitiva” dei gruppi ribelli ed è tempo di “spostare” l’attenzione sul “processo politico”. Nell’agenda di Putin consultazioni con il leader Usa Trump e l’emiro del Qatar.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®