21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/06/2017, 09.10

    ISRAELE - PALESTINA

    Israele riduce la fornitura elettrica a Gaza. Le autorità palestinesi si accusano l’un l’altra



    Autorità nazionale palestinese accusa Hamas di non rimborsare le spese e preme per riaprire dialogo sull’unità. Ministro israeliano: “Non pagheremo le bollette della luce di Gaza”. Peggiora la crisi umanitaria.

    Gaza (AsiaNews/Agenzie) – Israele ha annunciato che ridurrà del 40% l’elettricità alla Striscia di Gaza come risposta alla decisione dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) di pagare il 60% del suo costo di 40 milioni di shekel (11,19 milioni di dollari).

    La fornitura di luce potrebbe scendere di ulteriori 45 minuti su una media attuale di quattro ore al giorno.

    Le spese elettriche di Gaza sono sostenute da tasse palestinesi raccolte da Israele, che non contratta in modo di diretto con l’autorità della Striscia, da essa considerata terrorista.

    La decisione di ridurre il pagamento a Tel Aviv è spiegata dall’Anp con l’accusa ad Hamas di essere manchevole nel rimborsare la fornitura energetica. Il portavoce Tareq Rashmawi ha aggiunto anche che l’Anp insiste che Hamas accetti di prendere parte alle iniziative di unità del presidente Mahmoud Abbas, fra cui le prime elezioni parlamentari e presidenziali in più di un decennio: “[Hamas] deve passarci le responsabilità degli istituti governativi in Gaza così che il governo possa provvedere con i suoi migliori servizi per il nostro popolo a Gaza”.

    Da parte sua, il governo israeliano ha deciso durante un incontro del gabinetto di sicurezza che Israele non avrebbe coperto le spese d’elettricità. Gilad Erdan, ministro alla pubblica sicurezza, ha definito una “situazione impossibile” che gli israeliani paghino “la bolletta elettrica di Gaza”.

    Hamas, nella persona del portavoce Fawzi Barhoum risponde che l’Anp “avrà la responsabilità del grave deterioramento della situazione sanitaria e ambientale di Gaza”.

    Le linee elettriche israeliane sono le uniche affidabili nella Striscia, dopo che la sola centrale nel territorio è stata chiusa per mancanza di carburante. Anche una centrale egiziana, che fornisce energia a Gaza, ha continui problemi tecnici.

    Questo mese, la Croce rossa internazionale (ICRC) e l'Ufficio Onu per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) hanno messo in guardia sul rischio di una crisi in piena regola qualora la situazione a Gaza continui in questa traiettoria.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/11/2009 PALESTINA
    Rinviate le elezioni palestinesi. A dicembre l'annuncio di una nuova data
    Hamas e Fatah cercano l’accordo con la mediazione egiziana. Il presidente in carica Abbas conferma di non volersi ricandidare. Il suo mandato scade il 25 gennaio e l’Autorità nazionale palestinese dovrà trovare una soluzione temporanea per gestire il vuoto di potere sino al voto.

    12/11/2009 PALESTINA
    Ancora in forse la data delle elezioni presidenziali palestinesi
    Il posticipo sarebbe motivato dal “rifiuto delle elezioni di Hamas a Gaza”. Un indagine dell’Arab World for Research and Development rileva che il 74% della popolazione della West Bank e di Gaza vuole le elezioni a gennaio. Dal sondaggio critiche ad Hamas: la sua linea politica “rinforza la posizione di Israele sulla non esistenza di uno Stato palestinese”.

    06/11/2009 PALESTINA
    Mahmoud Abbas: non mi candido alle prossime presidenziali dell’Anp
    L’annuncio trasmesso in diretta tv. Il 74enne leader di Fatah accusa Hamas di minare l’unità interna dei palestinesi e gli Stati Uniti che “favoriscono le posizioni di Israele” . Sulla scelta pesa la sconfitta nel braccio di ferro sugli insediamenti ebraici nei Territori e le posizioni ambigue sostenute dal presidente dell’Anp nell’affare Goldstone.

    22/06/2017 08:59:00 PALESTINA - EGITTO
    Il Cairo dona un milione di litri di carburante per evitare il collasso di Gaza

    La Striscia ora ha due ore di elettricità al giorno. La centrale tornerà a funzionare nelle prossime ore. La settimana scorsa i leader di Hamas si sono incontrati con funzionari egiziani. 



    02/10/2017 14:55:00 PALESTINA
    Fatah arriva a Gaza, primo passo verso la riconciliazione con Hamas

    Domani si terrà l’incontro di gabinetto. Possibile il controllo di Gaza all’Autorità palestinese. Sarà presente una delegazione egiziana. Sabella, membro di Fatah: cauto ottimismo, bisognerà vedere i dettagli. Necessaria unità, ed elezioni per il cambio della guardia.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®