30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/09/2007, 00.00

    CINA - VATICANO

    Resa pubblica l’approvazione vaticana dell’ordinazione episcopale a Guiyang



    Ieri alle messe è stato dato l’annuncio pubblico; nelle scorse settimane è stato fatto girare il documento papale di approvazione. Tutto si svolge secondo le indicazioni della Lettera del papa. Disappunto per la presenza di Ma Yinglin, vescovo illecito di Kunming.

    Roma (AsiaNews) – Il nuovo vescovo coadiutore della diocesi di Guizhou (Cina del sud) è approvato dal Vaticano e i fedeli sono stati avvisati pubblicamente, anche se l’Associazione Patriottica sta rivendicandone la paternità.

    Mns. Paolo Xiao Zejiang, 40 anni, è stato ordinato sabato 8 nella cattedrale di Guiyang. Ieri, a tutte le messe è stato dato l’avviso che il nuovo vescovo coadiutore è approvato dalla Santa Sede.

    L‘ordinazione di mons. Xiao è la prima ad avvenire dopo la pubblicazione della Lettera di Benedetto XVI ai cattolici cinesi. In essa il pontefice rivendica l’autonomia della Santa Sede nella scelta dei vescovi e domanda a tutti i pastori di rendere pubblico il loro legame con la Santa Sede.

    Settimane prima dell’ordinazione, i cattolici hanno sparso la voce sull’approvazione vaticana del nuovo vescovo e molti fedeli, sacerdoti e vescovi sotterranei, dopo aver visto il documento papale, si sono congratulati con il neo-eletto, tanto da decidere di partecipare insieme alle comunità ufficiali alla cerimonia di ordinazione. É forse la prima volta che questo avviene, segnando un passo importante nella riconciliazione fra i due rami della Chiesa cinese, come sperato e richiesto dal papa nella sua Lettera.

    L’ordinazione di mons. Xiao è avvenuta alla presenza di almeno 3 mila persone, 40 sacerdoti e 5 vescovi. Mons. Aniceto Wang Chongyi, l’ordinario di Guizhou ha presieduto l’ordinazione. Fra gli altri vescovi, era presente mons. Luigi Yu Runshen di Hanzhong (Shaanxi) e mons. Paolo He Zeqing di Wanzhou, tutti riconosciuti dal governo. Alla cerimonia doveva essere presente anche il vescovo non ufficiale Hu Daguo (dell’antica prefettura apostolica di Shiqian), che risiede a Guiyang. Purtroppo, a causa di un peggioramento della sua salute, ha dovuto essere ricoverato in ospedale.

    Ha creato disappunto da parte dei fedeli la presenza di mons. Giuseppe Ma Yinglin, vescovo illecito di Kunming, ordinato l’anno scorso per volere dell’Associazione Patriottica, senza approvazione della Santa Sede. Fonti di AsiaNews hanno rivelato che i cattolici di Guiyang gli avevano domandato in modo esplicito di non partecipare all’ordinazione, essendo ancora non ben chiara la sua posizione con il Vaticano.

    La presenza di Ma Yinglin all’ordinazione è visto come un tentativo dell’AP di “appropriarsi” dell’ordinazione di Guizhou, facendo credere che il candidato è stato scelto dall’organizzazione, il cui scopo è edificare una chiesa nazionale, senza legami con la Santa Sede.

    Nei giorni scorsi, personalità dell’AP hanno avocato a sé la decisione di nuove ordinazioni a Guangzhou, Yichang, Pechino, Ningxia e Hohhot. In realtà, secondo AsiaNews, alcuni di questi candidati sono già stati approvati dalla Santa Sede.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/07/2009 CINA - VATICANO
    Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
    Cattive interpretazioni della Lettera hanno portato confusione e sconforto nelle comunità sotterranee. I vescovi ufficiali devono avere più coraggio nella fedeltà al pontefice, rifiutando le strutture che sono contrarie alla fede cattolica. Il governo cinese continua la politica di sempre: controllo totale della Chiesa.

    07/08/2010 CINA- VATICANO
    Mons. An Shuxin, ex sotterraneo, istallato vescovo ordinario di Baoding
    Ci sarebbe già il vescovo ordinario (sotterraneo) della diocesi: mons. Giacomo Su Zhimin, in prigione da 13 anni. La decisione sulla cerimonia è stata presa in fretta dal governo, il quale voleva fosse presieduta da mons. Ma Yinglin, un vescovo illegittimo. Pochi i partecipanti: 24 sacerdoti e 300 fedeli. La diocesi ha 120 sacerdoti e oltre 50 mila fedeli. I richiami del card. Bertone all'unità.

    18/02/2010 VATICANO - CINA
    Card. Zen: Le mie speranze per la Chiesa in Cina in questo Anno della Tigre
    A quasi 1000 giorni dalla Lettera del Papa ai cattolici cinesi, si stenta a vedere qualche frutto maturo. Ma vi sono alcuni semi. L’impegno più importante è la riconciliazione nella Chiesa, senza gonfiature mediatiche. La “anormale ingerenza” del governo rende ancora attuale “l’anormale clandestinità” della Chiesa. Il cardinale di Hong Kong, difensore della libertà religiosa, fa il punto sulla situazione.

    03/11/2009 CINA - VATICANO
    Suscita dolore e discussione il caso di mons. An Shuxin
    La Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli afferma di non aver fatto pressioni su mons. An. Sacerdoti sotterranei lamentano che i loro vescovi in prigione e loro stessi sono abbandonati. I pochi risultati dell’iniziale dialogo fra Cina e Vaticano.

    29/10/2009 CINA - VATICANO
    Vescovo clandestino dell’Hebei diventa membro dell’Associazione patriottica
    Mons. Francesco An Shuxin aveva passato 10 anni nelle mani della polizia. Ora è libero, ma rimane sotto controllo e trascinato a presenziare incontri per pubblicizzare la bontà della politica religiosa del governo. Tre vescovi ancora prigionieri della polizia. Un sacerdote arrestato; due sono stati liberati perché hanno aderito all’Associazione patriottica. Il Vaticano accusato di ambiguità.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®