18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/02/2008, 00.00

    IRAQ

    Rapito il vescovo caldeo di Mosul



    Mons. Faraj Raho aveva appena finito di celebrare la Via Crucis. Uccise le tre persone che erano con lui in auto.
    Mosul (AsiaNews) – Il vescovo caldeo di Mosul, mons. Faraj Raho, è stato rapito oggi dopo aver celebrato la Via Crucis. Le tre persone che erano con lui sono state uccise. Lo riferisce  ad AsiaNews mons. Rabban al Qas, vescovo di Arbil che ha ricevuto la notizia direttamente da Mosul. I rapitori avrebbero già stabilito un contatto e avanzato delle richieste. Il sequestro - riporta il canale Ishtar Tv -  è avvenuto intorno alle 17.30; mons. Raho era appena uscito dalla Chiesa del Santo Spirito.
     
    “Il vescovo è in mano ai terroristi – dice mons. al Qas – ma non sappiamo in che condizioni di salute, i tre uomini che erano con lui in macchina, tra cui il suo autista, sono state uccisi”. “È un momento terribile per la nostra Chiesa, pregate per noi”, è l’appello del vescovo di Arbil.
    In un'intervista ad AsiaNews a fine novembre mons. Raho aveva denunciato le "incessanti sofferenze dei cristiani del nord" e lo stato di Mosul, "una città lasciata a se stessa e al terrorismo".
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2007 IRAQ
    Chiesa e sheik ottengono la liberazione dei quattro caldei rapiti nel nord
    Il gruppo di cristiani, tutti parenti, era stato sequestrato nei pressi di Emerli una settimana fa. A facilitare la liberazione, avvenuta stamattina, la mediazione congiunta della Chiesa caldea e degli sheik musulmani di Kirkuk.

    20/11/2006 IRAQ
    Baghdad: sacerdote scomparso, si teme il rapimento

    Da ieri mattina non si hanno notizie di p. Doglas, parroco caldeo di S. Elia. Il vescovo ausiliare di Baghdad: "Molto probabile il sequestro". Si fa concreto il timore che queste iniziative criminali vogliano colpire le personalità religiose più attive, per scoraggiare i cristiani a rimanere in Iraq.



    01/03/2008 IRAQ
    Sepolti a Karamles i tre cristiani uccisi nel rapimento del vescovo di Mosul
    Si sono svolti stamattina i funerali dell’autista e le due guardie del corpo. Nella stessa cittadina anche la tomba di p. Ragheed ucciso l’anno scorso nella zona dove ieri mons. Rahho è stato rapito. Fonti dall’Iraq parlano di “segnali che lasciano sperare che sia vivo”. L’appello del Papa e l’apprensione dei fedeli e del Patriarcato: il vescovo è malato, ha bisogno dei suoi medicinali.

    16/01/2009 IRAQ
    Mosul, nuove violenze anticristiane. Uccisioni e torture
    Chourik Bagrad, 36 anni, è stato massacrato con colpi di arma da fuoco alla testa. Nella notte di Capodanno è stato sequestrato un altro fedele cristiano: egli è stato rilasciato dietro pagamento di un riscatto di 50mila dollari. Fonti di AsiaNews riferiscono che Mosul è un “vulcano pronto a esplodere”.

    01/06/2007 IRAQ
    Terroristi saccheggiano e si impadroniscono di un convento a Baghdad
    È successo ieri nel quartiere di Dora; si tratta del convento delle suore caldee del Sacro Cuore. Fonti locali di AsiaNews ipotizzano la mano di gruppi sciiti, che stanno seguendo i sunniti nella feroce campagna di persecuzione anti-cristiana in atto nella capitale. Oggi apre ad al Qosh la prima sessione del Sinodo della Chiesa caldea.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®