18/03/2008, 00.00
TIBET – CINA

Le foto del massacro tibetano

Una serie di immagini che testimoniano la violenza del regime cinese contro i manifestanti che, in questi ultimi giorni, hanno chiesto a Pechino più libertà.
Roma (AsiaNews) – Negata da Pechino, la violenta repressione dei manifestanti e dei monaci tibetani viene illustrata da una serie di foto particolarmente violente, inviate dalla dissidenza tibetana in occidente. Si tratta di immagini particolarmente crude, inviate dal monastero di Kirti al Free Tibet Campaign.
 
Le foto sono state scattate il 16 marzo scorso nella provincia tibetana autonoma di Amdo, che attualmente fa parte della provincia settentrionale cinese del Sichuan. Secondo il Free Tibet Campaign, il massacro è iniziato dopo che i religiosi del monastero di Kirti hanno inneggiato al “Tibet libero” ed al Dalai Lama. Ai monaci si sono aggiunte 400 religiose buddiste e gli studenti della scuola media tibetana locale.
 
La polizia cinese, che controllava a vista il monastero sin dall’inizio delle proteste (il 10 marzo scorso), ha aperto il fuoco contro la folla. Secondo i dati del governo tibetano in esilio, circa 20mila tibetani del Sichuan hanno protestato in segno di solidarietà con i monaci tibetani. Delle 20 vittime accertate della repressione, 9 sono state identificate: fra questi, ragazzi di 15 e 17 anni.
 
Riportiamo di seguito le foto delle vittime (clicca sul numero per vederle).
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dalai Lama: non dimissioni, ma un passo indietro per la democrazia
19/03/2008
Pechino attacca il Papa, che riceve la gratitudine del governo tibetano in esilio
20/03/2008
Attivista tibetano: se è colpa nostra, Pechino inviti osservatori internazionali
18/03/2008
Carri armati a Lhasa, Pechino lancia un ultimatum ai tibetani
15/03/2008
Dalai Lama “preoccupato” per la violenza in Tibet, frutto della repressione cinese
14/03/2008