18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/04/2008, 00.00

    CINA - TIBET

    Pechino ordina la rieducazione politica per i comunisti del Tibet



    Il governo centrale teme nuove rivolte e costringe i quadri comunisti della regione a due mesi di sessioni di auto-critica e denuncia organizzata. La militarizzazione ed il bando agli ingressi sottolineano il timore di Pechino, che non ha il controllo della situazione. Continua la repressione nell’area tibetana: almeno 105 arresti.
    Lhasa (AsiaNews) – Il Partito comunista cinese lancia una campagna di rieducazione politica per i quadri governativi della Regione autonoma del Tibet, nel tentativo di soffocare sul nascere ogni sentimento indipendentista e qualsiasi apertura al Dalai Lama. Lo annuncia il Tibet Daily, quotidiano governativo, che spiega: “La campagna, della durata di due mesi, mira a combattere il separatismo, proteggere la stabilità e promuovere lo sviluppo”.
     
    Per raggiungere lo scopo, la rieducazione “sarà incentrata sull’unificazione del pensiero e della forza coesiva delle masse e dei dirigenti, per approfondire la battaglia contro il separatismo e rispondere agli attacchi della cricca del Dalai”. I membri del Partito parteciperanno alla visione comune di programmi televisivi ed a sessioni di auto-critica e denuncia organizzata.
     
    Diversi analisti sottolineano che la decisione di rieducare i vertici comunisti del Tibet a più di un mese dall’inizio delle proteste di Lhasa vuol dire che la linea politica ufficiale sulla regione non è compatta. L’aumento delle forze armate nella regione, il bando sul turismo e quello sugli ingressi nella regione (anche dalla stessa Cina) dimostrano che il Partito teme una nuova rivolta organizzata e soprattutto una possibile intesa fra le autorità locali ed il Dalai Lama.
     
    Da parte sua, il capo sirituale e politio del buddismo tibetano ha condannato le violenze di queste settimane ed ha più volte espresso il suo appoggio alle Olimpiadi, ma ha denunciato il “genocidio culturale” che avviene in Tibet ed ha dichiarato di “non poter più fare altre concessioni” a Pechino. Il governo centrale ha risposto definendolo “un esiliato insignificante”.
     
    Nel frattempo, non si ferma la repressione in Tibet e nelle province cinesi confinanti. Secondo alcune fonti locali, raccolte da Radio Free Asia, la polizia del Qinghai (parte centro-occidentale della Cina) ha arrestato negli ultimi giorni 105 persone. Fra queste vi sono sia manifestanti che intellettuali, “colpevoli” di aver espresso il loro sostegno alla causa tibetana.
     
    Stessa situazione nel Sichuan, dove gli agenti controllano a sorpresa i monasteri e le abitazioni private in cui vivono i nativi tibetani. Secondo un agente di viaggi, è “difficile” accedere ad alcuni templi buddisti della zona, controllati a vista da poliziotti e membri dell’Ufficio affari religiosi.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    19/07/2005 CINA – TIBET
    Sarà Pechino a scegliere il prossimo Dalai Lama

    Lo ha dichiarato oggi Qiangba Puncog, capo del governo della provincia tibetana, che ha aggiunto: "Il Dalai Lama non può rientrare in Cina se non rinuncia all'indipendenza". 



    19/07/2011 CINA - TIBET
    La Cina arresta e esalta i suoi “progressi” nel Tibet. Il Dalai Lama: Pechino è ridicola
    Un monaco ha onorato il compleanno del Dalai Lama appendendo dei piccoli vessilli bianchi beneauguranti: arrestato, è sparito nel nulla. Intanto il vice presidente Xi Jinping visita Lhasa, loda i “progressi” nella regione e promette: “Schiacceremo il Dalai Lama”. Mentre questi bolla le politiche religiose comuniste come “ridicole” e chiude la questione della propria successione: “Me ne occuperò io”.

    02/09/2005 CINA - TIBET
    Pechino attacca il Dalai Lama durante le celebrazioni della "liberazione" del Tibet


    27/04/2012 CINA – TIBET
    In Tibet “è in atto un genocidio culturale”
    L’International Campaign for Tibet denuncia: “Dall’invasione comunista non è cambiato nulla: Pechino vuole distruggere la lingua, la cultura e soprattutto la religione tibetana”. Nel frattempo il Partito manda a Hong Kong il falso Panchen Lama (che parla di “società armoniosa”) mentre il vero Panchen compie 23 anni: è agli arresti dal 1995.

    30/09/2016 11:13:00 TIBET – CINA
    Tibet, il Partito “ha una priorità: fermare il Dalai Lama”

    Lo scrive il nuovo segretario Wu Yingjie sul Tibet Daily: “La prima cosa da fare è rafforzare il nostro impegno contro la cricca del Dalai Lama. In questo modo porteremo avanti la nostra missione a lungo termine, ovvero rafforzare l’unità etnica”. Lo scopo finale rimane quello di influire sul riconoscimento del prossimo leader del buddismo tibetano. Torna in auge il finto Panchen Lama nominato da Pechino.





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®