25 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/06/2008, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta sull’orlo della guerra civile: musulmani moderati contro radicali

    Benteng Reges

    Il Fronte dei difensori dell’Islam ha attaccato musulmani che manifestavano a sostegno della libertà religiosa. Nella notte, aderenti al Nadhlatul Ulama, la maggiore organizzazione islamica moderata, ha attaccato una sede del Fpi. Critiche alla debolezza del governo verso i radicali. Il presidente Susilo sprona la polizia ad arrestare i colpevoli.

    Jakarta (AsiaNews) – L’Indonesia potrebbe essere sull’orlo di una guerra civile: un conflitto di cui non si prevedono le conseguenze è infatti scoppiato fra i membri del Nadhlatul Ulama e quelli del Fronte dei difensori dell’Islam. La notte scorsa e ieri pomeriggio sono avvenuti incidenti che hanno provocato il ferimento di decine di persone. Le vittime accusano la polizia di non intervenire. Il presidente Susilo appella alla calma, e chiede alle forze dell’ordine di arrestare i violenti.

    La scintilla si è innescata ieri pomeriggio, quando un gruppo del Fronte dei difensori dell’Islam (Fpi), il più noto dei gruppi islamici radicali, ha attaccato con bastoni di bambù e pietre centinaia di membri dell’Alleanza nazionale per la libertà religiosa ((Aliansi Kebangsaan dan Kebebasan Beragama dan Berkeyakinan, Akkbb), che pubblicizzavano la loro campagna a favore della libertà religiosa. Fra essi vi sono membri del Nadhlatul Ulama (Nu), il più diffuso gruppo musulmano moderato, che fa capo all’ex presidente Abdurrahman Wahidan, come anche cristiani e membri della comunità Ahmadiyah, ritenuta un gruppo eretico dell’Islam.

    Almeno 10 persone dell’Akkbb sono rimaste ferite in modo grave e trasportate all’ospedale. Fra essi vi è Syafii Anwar, direttore dell’International Centre for Islam and Pluralism e Ahmad Suaedy, direttore del  Wahid Institute; un “guru” musulmano molto noto, Kiai Hajj Maman Imanulhaq, responsabile di un collegio islamico. Imanulhaq è di Cirebon, a 300 km  est di Jakarta.

    La notte scorsa, alcuni studenti di Cirebon, membri del ramo giovanile del Nu (chiamati santri in lingua locale), hanno attaccato la sede locale del Fpi. Secondo fonti indonesiane, il Nu, forte di milioni di aderenti strutturati in gruppi paramilitari, sta preparando altri attacchi.

    Alcune delle vittime hanno criticato la polizia che assisteva alla scena del primo assalto – avvenuto in pieno centro della capitale, vicino a monumento nazionale del Tugu Monas – senza fare nulla.  Heru Winarko, capo della polizia, si è giustificato dicendo che il loro intervento rischiava di “peggiorare la situazione”.

    Abdurrahman Wahid sta girando gli ospedali di Jakarta per visitare i feriti. Egli ha espresso dolore per l’accaduto, ma ha  anche criticato l’operato del governo che è troppo lento nell’agire contro le violenze del Fpi. Ai giornalisti ha dichiarato che se il governo no si muove “lo farò io”.

    Nel tentativo di disinnescare un’ondata di scontri, il presidente Susilo Bambang Yudhoyono ha tenuto stamane una conferenza stampa d’emergenza in cui condanna “il gesto ostile del Fpi, che ha causato il ferimento di tante persone”. E ha domandato alla polizia di agire “portate questi criminali davanti alla giustizia”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/05/2012 INDONESIA
    Indonesia, gruppo paramilitare islamico difende cristiani, indù e buddisti
    Si chiama Banser ed è una costola del Nahdlatul Ulama (Nu), movimento che dal 1926 si propone di proteggere tutte le minoranze del Paese. Di recente, hanno sventato un’aggressione di fondamentalisti islamici contro una scrittrice canadese. Secondo i membri del Nu “musulmani e cristiani credono nello stesso Dio”; la diffusione dell’islam radicale dipende “dal governo, che li appoggia per timore di perdere voti”.

    30/12/2009 INDONESIA
    È morto l’ex presidente indonesiano Abdurrahman Wahid, amico dei cristiani
    Ha difeso spesso la libertà dei cristiani. Ha garantito all’etnia cinese piena cittadinanza in Indonesia, dopo le violenze ai tempi di Suharto. È stato il primo presidente indonesiano eletto dal popolo. L’organizzazione di cui è stato presidente, il Nahdlatul Ulama, è la più ecumenica del mondo islamico.

    24/04/2017 13:05:00 INDONESIA
    Indonesia, cresce L’odio verso i non musulmani. La spinta dei movimenti radicali

    Il 59% degli indonesiani intollerante nei confronti delle minoranze. Il radicalismo religioso è in rapida ascesa. Almeno 11,5 milioni di cittadini “spiritualmente” pronti a cambiare la società indonesiana. Le ultime elezioni avvelenate dal conflitto religioso. Sinta Nuriyah Wahid: “Gli islamisti hanno un’agenda politica: lo Stato Islamico dell'Indonesia”. Solo l'11% esprime un forte rifiuto all'idea di una nazione islamica



    23/04/2008 INDONESIA
    Ulema contro il governo, pronti a difendere gli “eretici” ahmadi
    I leader religiosi della Nahdlatul Ulama contestano il progetto di legge che vuole rendere illegale la setta ahmadi, che non riconosce Maometto come ultimo profeta, e mette in campo 20mila giovani per proteggerla contro gli attacchi degli integralisti.

    02/06/2017 08:50:00 INDONESIA
    ‘Persecuzione online’ contro i critici dell’islamista Rizieq

    Ai “rastrellamenti online” dei militanti si aggiungono minacce e violenze. Il portavoce: “La polizia dovrebbe ringraziarci”. Le autorità sono preoccupate dalla diffusione del fenomeno. Solo nel 2017 vi sono 59 casi.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®