22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/06/2008, 00.00

    MYANMAR

    La giunta birmana blocca la fuga dei disperati



    Una barca con 65 persone bordo, fra cui donne e bambini, è stata intercettata e fermata dalla marina militare. È il primo caso ufficiale di boat-people che cercano di abbandonare il Paese, nel quale è ancora oggi difficile portare aiuti a causa della chiusura imposta dal regime al potere.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – La marina militare birmana ha fermato 65 persone, fra le quali 20 donne e 15 bambini, che a bordo di un’imbarcazione cercavano di fuggire da Bogalay, città nei pressi del confine con la Thailandia, segnata dal ciclone Nargis, abbattutosi il 3 maggio scorso sul Myanmar. Secondo l’associazione umanitaria Network for Democracy and Development – Ong con sede al confine fra Thailandia e Birmania – la barca dei disperati è stata intercettata lo scorso 2 giugno nei pressi dell’isola Zardatgyi, a ovest della città di Kawthaung: “I boat-people avevano lasciato Bogalay a bordo di una imbarcazione il 24 maggio, cercando rifugio in uno dei campi profughi al confine con la Thailandia”.

    I disperati hanno perso case ed effetti personali a causa del ciclone Nargis, che ha sconvolto le regioni costiere al centro del Paese lasciandosi alle spalle oltre 133mila fra morti o dispersi. A un mese dalla tragedia sono ancora numerose le popolazioni che non hanno ricevuto alcun aiuto, in particolare nelle zone del delta dell’Irrawaddy. “È il primo caso di cui veniamo a conoscenza – affermano i funzionari del NDD – di persone che cercano di abbandonare i villaggi d’origine”.

    Il Myanmar, retto da una giunta militare al potere dal 1962, è teatro di continui tentativi di fuga da quando il regime ha represso nel sangue le rivendicazioni del movimento che si batte per la democrazia; nel 1988 i militari hanno massacrato 3mila persone e arrestato migliaia di attivisti che chiedevano maggiore libertà e diritti umani.

    Ad oggi più di un milione di birmani lavorano nella vicina Thailandia in condizione di clandestinità o semi-clandestinità, mentre centinaia di migliaia vivono in centri di accoglienza temporanea nei pressi del confine fra i due Paesi, in attesa di un ritorno alla democrazia. A causa degli effetti devastanti provocati dal ciclone è ipotizzabile un nuovo esodo di massa, considerato anche l’atteggiamento di chiusura della giunta al potere che, a tutt’oggi, impedisce l’ingresso di associazioni umanitarie internazionali. “Il numero delle vittime è destinato a salire – sottolineano i portavoce del NDD – almeno sino a quando non sarà possibile entrare nel Paese e portare aiuti concreti alla popolazione”, che versa in condizioni disastrose. Secondo l’Irrawaddy Magazine – un mensile che si occupa delle questioni birmane edito in Thailandia – vi sono almeno “100 vittime del ciclone che, dal delta del fiume e dalla capitale Yangon, hanno viaggiato sino a Mae Sot, al confine con la Thailandia, in cerca di aiuto e soccorso”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/06/2008 MYANMAR
    Nargis, orfani del ciclone vittime del lavoro minorile
    I bambini sopravvissuti alla tragedia devono affrontare una duplice sfida: ricongiungersi al nucleo familiare e sfuggire ad aguzzini e sfruttatori. Attivista per i diritti umani sottolinea che la situazione è “disperata” e le famiglie “sacrificano i propri figli”.

    17/07/2008 MYANMAR
    Profughi di Nargis sfruttati per la ricostruzione di intere zone della Birmania
    La giunta militare utilizza il lavoro di adulti e bambini per rifare strade, case e ponti senza pagare nessuno. Chi non cede al ricatto è costretto a versare una tassa e viene tacciato di “opportunismo”.

    04/07/2008 MYANMAR
    Il dramma dei birmani, segnati dal ciclone e dalla crudeltà del regime
    Bambini e insegnanti traumatizzati, rifugiati allontanati dai centri di accoglienza e privati degli aiuti, giornalisti arrestati: a due mesi dal passaggio di Nargis il Paese è sull’orlo del collasso. Ieri una nave affondata nel delta dell’Yrrawaddy ha causato altri 38 morti.

    01/08/2008 MYANMAR
    Rischia due anni di carcere l’attore che aiutava le vittime del ciclone Nargis
    Zarganar è stato incriminato con l’accusa di “turbamento dell’ordine pubblico”, un capo di imputazione che prevede fino a due anni di galera. L’inizio del processo previsto per il prossimo 7 agosto; con il comico alla sbarra anche tre attivisti per i diritti umani.

    16/06/2008 MYANMAR
    Giunta militare: via i medici stranieri dalle zone di Nargis
    Il governo sostiene di non avere più bisogno di dottori dall’estero e chiude i campi d’accoglienza nella zona del delta dell’Irrawaddy. Bloccato l’ingresso di un team medico dalla Thailandia. Troppi ostacoli dalle autorità, diminuiscono anche gli aiuti dei privati.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®