26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/09/2008
ASIA
In Asia c’è sempre meno libertà religiosa
In aumento le violazioni sistematiche e gravi della libertà di fede, anche da parte delle autorità. E’ quanto emerge dal rapporto annuale del Dipartimento di Stato Usa. Nell’ultimo anno sistematiche persecuzioni in Cina e Myanmar, ma gravissima anche la situazione in India.

Hong Kong (AsiaNews) – Peggiora la situazione della libertà religiosa in Asia, specie in Cina ma anche nella democratica India, secondo l’annuale rapporto del Dipartimento di Stato Usa sulla libertà religiosa nel mondo.

Il rapporto, pubblicato ieri, critica Pechino anzitutto per la repressione in Tibet seguita alle proteste di marzo, con centinaia di arresti e condanne, monaci cacciati dai monasteri e costretti a partecipare  a “campagne di educazione patriottica” e a firmare documenti contro il Dalai Lama. Nonché per i frequenti arresti e condanne contro la popolazione islamica uighuri dello Xinjiang, anche soltanto per il possesso di testi religiosi non autorizzati o per la partecipazione ad attività religiose e con il divieto di pratiche religiose tradizionali, come il digiuno per il Ramadan.

Il periodo prima delle Olimpiadi di Pechino, poi, ha visto aumentare il controllo e la persecuzione sui media e contro ogni attività religiosa non statale, con chiese sbarrate, esponenti religiosi arrestati o confinati lontano dalle città olimpiche, fedeli di altri Paesi espulsi.

Ma quest’ultimo anno è stato difficile per l’intera Asia e ha visto continuare una repressione sistematica contro la religione in Corea del Nord e Myanmar, dove governi dittatoriali vogliono impedire ogni forma di dissenso e di possibile contestazione. Nel settembre 2007 decine di migliaia di monaci buddisti birmani hanno contestato la dittatura militare, che ha risposto con uccisioni, torture e carcerazioni e ponendo i principali monasteri sotto sorveglianza. Grave la situazione anche in Iran dove ogni dissenso dalla fede islamica ufficiale è spesso punito come “offesa alla religione”, con frequenti arresti e discriminazioni e un controllo sistematico dei media.

Aggressioni e violenze della maggioranza islamica contro le minoranze, anzitutto cristiane, sono continuati anche in Egitto, Pakistan, Arabia Saudita, Malaysia e Indonesia (dove sono state anche chiuse numerose chiese cristiane e moschee ahmadi). In Laos molte autorità locali hanno proseguito a perseguitare i cristiani, anche cercando di “rieducarli”. In Turkmenistan e Uzbekistan ogni attività religiosa deve essere autorizzata, anche solo incontrarsi per pregare: il governo concede con difficoltà i permessi ad alcuni gruppi religiosi e ne punisce le attività con prigione e multe.

Nella democratica India da molti mesi ci sono sistematici attacchi di estremisti indù contro le minoranze religiose, specie cristiane. Nello Stato dell’Orissa, governato dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata, nel solo periodo di Natale 2007 sono stati assaliti e bruciati oltre 100 chiese e istituti religiosi e più di 700 case di cristiani, con la polizia che è intervenuta di rado e in ritardo e i cristiani costretti a fuggire nella foresta per evitare pestaggi e linciaggi (nella foto: un sacerdote aggredito). La scarsa reazione di governo e polizia ha poi diffuso una convinzione di impunità e favorito il ripetersi delle aggressioni che, secondo enti per la tutela dei diritti, sono funzionali all’affermazione politica dei partiti nazionalisti indù in vista delle elezioni politiche del 2009. Molti Stati, poi, hanno mantenuto o introdotto le famigerate “leggi anticonversione”, che in pratica puniscono chi converte un indù a un’altra fede e sono spesso utilizzate per giustificare violenze e arresti contro credenti non indù.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/05/2013 EGITTO
Egitto, ancora attacchi contro la comunità copta ortodossa, due chiese incendiate
06/08/2012 INDIA – STATI UNITI
Libertà religiosa: per gli attivisti indiani è in “serio pericolo”
di Nirmala Carvalho
19/07/2011 EGITTO
Egitto, l’esercito frena le riforme e mira al fallimento della rivoluzione
13/09/2006 INDIA
L'India cerca fonti energetiche nell'Asia centrale
05/03/2011 EGITTO
Il Cairo: un intero villaggio islamico assalta la comunità copta. Dispersi un prete e tre diaconi

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate