Skin ADV
11 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 24/09/2008, 00.00

    INDIA - EU

    La cristianofobia in India e nel Parlamento europeo



    Si è votata una risoluzione contro le violenze in Orissa e in altri stati dell’India. Ma intanto deputati verdi, liberali e socialisti boicottano il discorso di Bartolomeo I ai parlamentari.

    Bruxelles (AsiaNews) – Il Parlamento europeo è riuscito a condannare le violenze contro i cristiani in India, ma non riesce a frenare la cristianofobia dei suoi deputati, alla presenza del patriarca ecumenico Bartolomeo I.

    Quest’oggi, in seduta plenaria, il PE ha varato un’ampia risoluzione in vista del summit UE – India, che si terrà a Marsiglia il 29 settembre prossimo (392 a favore; 44 contro; 29 astenuti). La risoluzione tratta il prolungamento del rapporto strategico fra Europa e India (“le due democrazie più grandi del mondo”) dando particolare attenzione all’economia, la politica internazionale, i problemi sociali dell’India. Un paragrafo della risoluzione (uno su 34) è dedicato alle violenze subite dai cristiani in Orissa. Il testo esprime “profonda preoccupazione” per gli attacchi, chiede assistenza e sostegno per le vittime, domanda compensazioni per le Chiese e i privati colpiti dalle distruzioni. La risoluzione sottolinea pure la necessità che tutti i colpevoli delle violenze siano portati davanti alla giustizia e domanda al governo centrale e alle autorità nazionali di “proteggere pienamente” la minoranza cristiana.

    Quest’oggi il Parlamento di Bruxelles ha anche ricevuto la visita di Bartolomeo I, patriarca ecumenico di Costantinopoli, che verso le 12 ha potuto anche indirizzare il suo saluto all’assemblea. Nel suo discorso il patriarca ha parlato del valore della religione per l’Europa e la Turchia, della capacità di costruire ponti culturali grazie alle fedi religiose, nell’anno che il PE dedica al dialogo interculturale. Un fatto ha però mostrato la presenza di “cristianofobia” nell’organismo europeo: l’assenza di molti deputati verdi, liberali, socialisti durante il discorso del patriarca. Tale assenza è forse dovuta alla diffusione di un comunicato da parte di una deputata socialista belga, Véronique De Keyser,  che lancia “un’allerta alla laicità e alla democrazia”. La parlamentare belga denuncia che “sotto il manto dell’anno interculturale”, vi è una “offensiva delle religioni” che è un attentato “alla laicità” del Parlamento europeo. Il comunicato si diffonde in accuse contro il patriarca di Costantinopoli e contro Benedetto XVI che osano affermare che “i valori morali europei sono valori morali cristiani”. La deputata fa anche notare che se non si è attenti alla divisione fra politico e religioso, “l’estrema destra potrebbe approfittarsene”. Per questo la De Keyser ha domandato a tutti i parlamentari il boicottaggio della sessione con il patriarca.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/02/2013 TURCHIA - VATICANO
    Bartolomeo I: Con Benedetto XVI, un rapporto fraterno di profonda fecondità
    Dalla visita al Fanar, al cammino ecumenico mai interrotto; dalla ripresa del dialogo teologico alla messa a fuoco del ministero del papa, secondo la tradizione della Chiesa indivisa: il Patriarca ecumenico di Costantinopoli ribadisce il forte legame fra la sua Chiesa e il pontefice, ringraziandolo per la sua teologia, cultura, tenacia nel perseguire l'ideale per cui Cristo ha pregato: Che tutti siano uno.

    30/11/2006 vaticano - turchia
    Benedetto XVI e Bartolomeo I: La nostra unità per l'uomo europeo e per il mondo
    L'impegno ecumenico riaffermato in una Dichiarazione comune per rinsaldare le radici cristiane dell'Europa e annunciare il Vangelo nel mondo secolarizzato. Un appello alla libertà religiosa nel mondo. Qua e là in Turchia proteste senza molto seguito. Dal nostro inviato speciale.

    20/08/2009 TURCHIA
    Erdogan apre alle minoranze: prima visita a un luogo (contestato) del Patriarcato ecumenico
    Visita a sorpresa a Bartolomeo I e all’Isola dei Principi, dove vi sono alcune proprietà del Patriarcato, requisite dal governo turco, ma riconosciute dalla Corte di Strasburgo. Il premier turco continua a muoversi come un Giano bifronte, accarezzando la democrazia per le minoranze e il nazionalismo turco.

    06/12/2008 TURCHIA - RUSSIA
    Bartolomeo I: Alessio II sentiva la sua fine e lavorava per la pace nella Chiesa
    Il patriarca ecumenico di Costantinopoli parla con emozione degli ultimi mesi di vita del defunto patriarca di Mosca, della riconciliazione del mondo ortodosso e della missione comune verso il mondo contemporaneo. Convocato il Sinodo per decidere l’invio di rappresentanti di Costantinopoli ai funerali di Alessio II.

    26/11/2014 TURCHIA-VATICANO
    Cristiani turchi, migranti e rifugiati in attesa di Papa Francesco
    Nella sparuta comunità cristiana (0,15% della popolazione) vi sono ora immigrati filippini e africani, oltre ai rifugiati dall'Iraq e dalla Siria. In pochi potranno vedere il pontefice a causa delle imponenti misure di sicurezza. La non esistenza giuridica della Chiesa (eredità di Ataturk) spinge alla testimonianza personale e all'ecumenismo "del sangue". Nelle chiese cercano conforto persone di tutte le etnie, credo, condizioni sociali.



    In evidenza

    RUSSIA - VATICANO
    Il Patriarca Kirill e la Chiesa russa che papa Francesco incontrerà

    Ieromonaco Ioann

    Il capo della Chiesa russo-ortodossa, che incontrerà il pontefice a Cuba il 12 febbraio prossimo, sta trasformando le sue comunità offrendo vescovi sempre più giovani e una curia funzionale. L’ispirazione del modello cattolico e l'eredità di Nikodim. Il rischio della burocratizzazione e del ripiegamento su se stessi.


    RUSSIA-VATICANO
    Francesco e Kirill, una Santa Alleanza per il futuro dei cristiani e del mondo

    Vladimir Rozanskij

    L’incontro fra il papa e il patriarca di Mosca era desiderato da Kirill da molto tempo. Atteso ai tempi di Giovanni Paolo II; sperato ai tempi di Benedetto XVI, si compie ora. Cattolici e ortodossi di fronte alle stesse sfide della persecuzione e del relativismo. Il freno del nazionalismo ortodosso, sostenuto da Putin. La crisi in Medio oriente e il rischio di isolamento della Russia spingono alla collaborazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®