24 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/10/2008, 00.00

    CINA

    Le prigioni “invisibili” di Pechino per chi protesta in modo legale



    Chi presenta petizioni contro le autorità spesso è arrestato e detenuto in camere di albergo, con la complicità dei proprietari, in attesa del rimpatrio. Ma attivisti per i diritti denunciano le detenzioni illegali e vanno a liberare i prigionieri.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Detenuti “di nascosto” in prigioni “invisibili”. Succede a molti che vengono a Pechino per presentare petizioni al governo, diritto riconosciuto a tutti i cinesi, ma contrastato con forza dalle autorità. Ora gruppi per la tutela dei diritti denunciano gli alberghi con funzioni di carcere.

    Xu Zhiyong, docente di diritto presso l’Università di Pechino per Poste e telecomunicazioni, spiega che ha ricevuto una richiesta di aiuto da persone tenute sottochiave in camere dello Youth Hotel in via Taiping, vicino al Parco Taoranting. Con altri ha raggiunto l’albergo, dove hanno trovato reclusi una trentina di autori di petizioni, specie dell’Henan.

    Wang Jinlan di Pingdingshan racconta al South China Morning Post che l’hanno tenuta prigioniera per due giorni, prima che il 22 settembre arrivassero gli attivisti a liberarla. Lo Youth Hotel è uno dei 4 alberghi che, secondo fonti locali, ha fama di essere utilizzato per rinchiudere chi vuole protestare, in attesa di rimpatriarlo. Gli attivisti dicono che gli albergatori ricevono 150 yuan al giorno (circa 15 euro) per ogni “recluso”, più della retta ordinaria di 120 yuan.

    E’ tipico del sistema cinese che cittadini insoddisfatti vengano a Pechino per presentare “petizioni”, vere doglianze e atti di accusa contro malefatte delle autorità locali. Ma i leader di provincia vogliono evitare che Pechino sia informata. Così, con l’aiuto della polizia o di picchiatori, intercettano chi va nella capitale a protestare, lo fanno anche percuotere e arrestare. Ha destato clamore il caso della donna di 54 anni di Nanchang (Jiangxi) arrestata a Pechino il 14 luglio per avere presentato una petizione, che il giorno dopo, mentre era portata al treno per essere rimpatriata, si è uccisa – dice il rapporto della polizia – gettandosi da un ponte vicino alla stazione ferroviaria. A Pechino, durante le Olimpiadi, migliaia di presentatori di petizioni sono finiti in carcere, mentre molti altri sono stati subito rimpatriati.

    Prima, queste persone erano tenute in appositi “centri di custodia”, in attesa del rimpatrio. Ma nel marzo 2003 il giovane grafico Sun Zhigang in un simile centro, a Guangzhou, è stato picchiato a morte dai custodi. Ne è scoppiata una protesta popolare che ha causato l’abolizione di questi centri. Ora sono rimpiazzati da queste prigioni invisibili, “ancora peggiori perché – dice Xu – è una detenzione illegale”, non prevista dalla legge e attuata contro chi esercita il diritto di fare petizioni. Albergatori e picchiatori hanno percosso Xu più volte, quando è venuto a smascherarli. Ma non si arrende. Dice che “combatteremo questo tumore fino a farlo sparire”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/03/2009 CINA
    Carcere, lavori forzati e torture per chi chiede giustizia in Cina
    Un gruppo per la tutela dei diritti umani ricorda decine di persone dell’Heilongjiang che sono finite in carcere o nei campi di rieducazione-tramite-lavoro per impedire loro di presentare petizioni contro le autorità locali.

    07/10/2009 CINA
    Dopo 60 anni di potere, Pechino ha ancora paura di chi protesta
    Per le celebrazioni del 1° ottobre, le autorità cinesi hanno arrestato chiunque voleva protestare, anche per diritti umani o contro assassini. Esperti: la volontà di nascondere qualunque dissenso, mostra una profonda incapacità di conoscere e guidare la popolazione.

    22/08/2008 CINA
    La Cina medaglia d’oro per violazione dei diritti umani
    Il lungo elenco (molto incompleto) delle violazioni dei diritti, durante le Olimpiadi e per consentirne lo svolgimento “armonioso”. In carcere chi protesta o parla coi cronisti esteri, magari ai lavori forzati senza processo, né condanna. Denunciati casi di tortura.

    01/07/2010 CINA
    Arrestato Liu Xianbin per avere chiesto rispetto dei diritti umani
    L’attivista del Sichuan ha già scontato quasi 13 anni di carcere per ragioni analoghe. Su internet già raccolte centinaia di firme per una lettera aperta che ne chiede il rilascio. Nell’Hubei in carcere psichiatrico chi osa presentare petizioni al governo.

    09/12/2008 CINA
    Pechino ammette: “insoddisfacenti” i progressi per i diritti umani
    Domani l’Onu celebra il 60mo anniversario della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo. In previsione, la polizia arresta chi vuole celebrare l’anniversario. In manicomio chi denuncia il malgoverno. Per il latte alla melamina, i tribunali rifiutano di decidere.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Sequestrato mons. Pietro Shao Zhumin, vescovo (sotterraneo) di Wenzhou

    Bernardo Cervellera

    La pubblica sicurezza non comunica il luogo in cui è stato portato. Ma hanno permesso ai fedeli di consegnare alcuni vestiti per il loro pastore. Il vescovo non potrà celebrare Pasqua coi suoi fedeli. Pressioni sul prelato per farlo aderire all’Associazione patriottica. Un destino simile a quello di mons. Guo Xijin. Pressioni anche sulla Santa Sede.


    CINA-VATICANO
    Scomparso da 4 giorni mons. Guo Xijin, vescovo sotterraneo di Mindong

    Wang Zhicheng

    È stato sequestrato dopo una visita all’Ufficio affari religiosi di Fuan. La Pubblica sicurezza lo ha portato in un luogo sconosciuto per farlo “studiare e imparare”. I fedeli pensano che essi vogliano costringerlo a iscriversi all’Associazione patriottica. Al suo rifiuto, è forse possibile che gli proibiscano di ritornare in diocesi. Demolita una chiesa cattolica a Fuan.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®