05/11/2008, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Sciopero dei taxi a Chongqing: l'autorità preferisce la trattativa alla forza

Quasi 9mila conducenti in sciopero contro tasse eccessive, mancanza di carburante, ma anche per le “troppe” multe. Il governo fa alcune concessioni e la metà torna al lavoro. Il ministro della Sicurezza pubblica ammonisce la polizia di evitare violenze contro chi protesta.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Circa 4mila tassisti su 9mila sono tornati al lavoro a Chongqing, ma gli altri proseguono lo sciopero che dal 3 novembre blocca il trasporto della città. Intanto il ministro per la Sicurezza pubblica raccomanda alle autorità di cercare il dialogo con chi protesta, invece di imporre la forza.

Ieri il governo di Chongqing ha in parte “ceduto” alle richieste dei tassisti e ha promesso di “rivedere” la somma che versano alle loro compagnie (440 yuan al giorno), aumentare le forniture di gas che alimenta la gran parte dei veicoli (ora si formano file anche di 3 ore ai distributori e ogni taxi deve rifornirsi più volte al giorno) e fare più controlli contro i veicoli senza licenza. Ma le richieste dei conducenti comprendono anche la penuria di carburante e le “troppe” multe elevate dalla polizia per i più vari motivi: ad esempio, non avere pulito i sedili del veicolo può “costare” 500 yuan. Il malcontento è esploso dopo che il 27 ottobre il municipio ha introdotto nuove regole sulla circolazione stradale per migliorare “l’immagine” della città (5 milioni di abitanti nel centro urbano, circa 32 milioni nell’intera municipalità), spesso congestionata dal traffico. Ciò ha portato una valanga di nuove multe per i taxi, anche 5 o 6 al giorno.

La protesta è arrivata proprio mentre il ministro alla Sicurezza pubblica Meng Jianzhu ha raccomandato alla polizia di evitare scontri e violenze contro manifestazioni pubbliche. “Il principale compito delle autorità di sicurezza – ha scritto su una rivista statale – è mantenere l’ordine, far diminuire la tensione, evitare interventi eccessivi e prevenire che la situazione esca dal controllo” e, in ogni caso, “evitare di causare ferite e morti”.

La Cina non rivela i dati, ma ogni anno ci sono decine di migliaia di proteste di piazza, che la polizia spesso reprime con immediata ed eccessiva violenza, spesso scatenando vere guerriglie urbane. Meng chiede alla polizia di evitare “feriti e morti”. Egli afferma pure che tra le principali cause di queste proteste pubbliche, vi sono cosiddetti “crimini economici”.

Forse anche per questo le autorità di Chongqing hanno privilegiato il dialogo, sebbene il primo giorno di sciopero vii siano state violenze, contro i taxi che non hanno aderito (nella foto), ma anche contro la polizia intervenuta. Danneggiati almeno 100 veicoli, tra cui auto della polizia.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Scene di ordinaria violenza del “Far West” cinese
08/01/2008
Pechino affronta il rapido aumento della disoccupazione
20/11/2008
Ingiustizie economiche, è boom di scioperi e scontri con la polizia cinese
11/11/2008
I conducenti di motorisciò, “non possiamo essere onesti”
09/03/2007
In carcere chi aiuta i cittadini a chiedere giustizia
18/06/2007