5 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/01/2009
ASIA - CINA - USA
Lo yuan cinese sta per sostituire il dollaro
di Maurizio d'Orlando
Pechino lancia l’esperimento di usare lo yuan come valuta di riserva nei rapporti con 8 Paesi. Gli esportatori cinesi chiedono di fatturare in yuan a non in dollari, perché la moneta Usa perde valore. Ma la Cina deve rivedere il suo modello di sviluppo, troppo ispirato al mercantilismo settecentesco.

Milano (AsiaNews) - Mentre i commenti degli osservatori economici sono concentrati su quanto avviene sul debito pubblico americano e sui mercati finanziari d’oltreoceano, nel mondo dell’informazione sono invece molto più rari i riferimenti a quanto avviene in Asia, quasi che non vi fosse una forte corrispondenza tra i due fenomeni. Ad un forte accumulo di riserve valutarie in Cina, in Giappone ed in tutta l’Asia è, viceversa, logico che corrisponda un livello senza precedenti di emissione di dollari, la valuta di riserva mondiale.

Ma anche l’Asia comprende ormai che l’incremento dell’emissione monetaria diminuisce il valore intrinseco di una valuta. Per questo la Cina sta tentando un possibile e razionale tentativo di sganciamento delle valute asiatiche dal dollaro. È quanto testimoniano alcune recenti notizie d’agenzia[1].

In pratica la Cina sta tentando di rendere convertibile la propria moneta e di darle un ruolo come valuta di riserva. L’esperimento è dapprima limitato alle transazioni tra Hong Kong e le provincie limitrofe. Viene anche proposto per l’uso dello yuan renminbi per 8 Paesi confinanti tra cui la Russia. Con tali paesi sono stati già siglati accordi che prevedono il regolamento dei saldi reciproci in valuta cinese. Forse non è un caso che la notizia sia stata data il giorno di Natale, quando i mercati occidentali sono chiusi e quindi è minore l’impatto sull’informazione e sul dollaro. Inoltre le prime settimane di gennaio sono di solito piuttosto tranquille. Se ne può dedurre che seppure per ora la sperimentazione sia limitata, la Cina si appresta a stabilire la piena convertibilità della propria valuta verso tutte le altre monete. Molti in Cina si sono espressi direttamente o indirettamente in tal senso: ad esempio Wu Xiaoling, ex vice governatrice della banca centrale, e Zhao Xijun, professore di finanza all’università cinese Renmin. Anche l’attuale governatore della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, all’inizio di dicembre ad Hong Kong aveva dichiarato che, se il valore del dollaro fluttuasse in maniera drastica, il suo impiego come valuta di regolamento (delle transazioni commerciali) causerebbe problemi. È evidente che gli esportatori cinesi, dietro le quinte, chiedono al governo di poter fatturare in yuan e non in dollari, che perdono valore. Altri avvertimenti sono venuti a metà dello scorso dicembre: l’aumento degli acquisti di titoli del Tesoro americano non deve far supporre che gli Usa possano farsi finanziare una soluzione all’attuale crisi finanziaria[2]. Infine lo scorso 1° gennaio un noto economista cinese, Wu Jinglian, ha scritto che la Cina deve cambiare il proprio modello di sviluppo[3], con riferimento al paradigma di una crescita economica trainata dalle esportazioni. Notiamo, per inciso, che anche il Papa, che ovviamente ha soprattutto responsabilità pastorali, ha affermato che il mondo deve cambiare il modello di sviluppo[4] (“Siamo disposti a fare insieme una revisione profonda del modello di sviluppo dominante, per correggerlo in modo concertato e lungimirante?” ha affermato Benedetto XVI).

Verso la piena convertibilità dello yuan

Se, dopo un periodo di rodaggio, la Cina rende convertibile la propria moneta, la conseguenza è che i paesi importatori dovranno dotarsi di riserve di yuan renminbi. Per dotarsene, le banche centrali di tutto il mondo dovranno quindi disinvestire soprattutto da attivi in dollari e titoli del Tesoro americano. L’euro ha infatti un ruolo abbastanza limitato nell’interscambio asiatico. In tal caso si innescherebbe la crisi valutaria originata dalla forte ed artificiale sottovalutazione del tasso di cambio dello yuan di cui abbiamo già scritto in passato[5]. L’intenzione dei vertici cinesi è proprio di correggere tale sottovalutazione, di cui sono perfettamente consapevoli. L’organo del Partito Comunista Cinese, il People’s Daily, sintetizza il pensiero del ministro del commercio estero cinese, Chen Deming, con la discutibile affermazione che la Cina non intende promuovere le esportazioni mediante il deprezzamento della (propria) valuta[6]. Sarebbe stato più corretto affermare che non intende più farlo, visto che è quello che è stato fatto dal 1° gennaio 1994 quando la valuta cinese fu svalutata in termini reali di circa il 55 %. Gli imprenditori occidentali ed in primo luogo americani, attratti da salari al limite della sussistenza e da una manodopera priva di diritti, al limite della schiavitù, hanno finanziato la trasformazione del paese da un’economia stalinista. Da essi sono venuti l'80% degli investimenti. Il tipo di sviluppo industriale intrapreso ha puntato a massimizzare i profitti nel più breve tempo possibile ed ha comportato perciò un forte dispendio di risorse e cioè di manodopera e materie prime. Oggi, quindi, le linee di produzione sono state in gran parte trasferite in Cina. Chen Deming afferma che se America ed Europa non sono in grado di pagarci, continueremo la nostra espansione esportando verso paesi emergenti come India e Brasile.

I problemi del mercantilismo

Con tutto ciò non è che i problemi della Cina siano finiti. Nelle parole di Chen Deming ed in buona parte della dirigenza cinese non vi sono segni che alludano a tentativi di porre rimedio ad un altro squilibrio che è al cuore della crisi finanziaria mondiale. La globalizzazione, cioè l’abbattimento delle tariffe doganali, non può che produrre degli squilibri se alcuni Paesi fanno conto su una crescita trainata dalle esportazioni e proteggono il mercato interno mediante barriere non doganali di varia natura. Ad AsiaNews avevamo già notato nel 2004[7] che questa distorsione nel cambio comporta un forte scompenso nell’uso delle risorse. Con un Pil – Prodotto interno lordo – (a prezzi correnti) nel 2003 pari ad un po’ meno del 4 % di quello mondiale ed il 20 % della popolazione del pianeta, la Cina consumava il 31 % del carbone, il 30 % del minerale di ferro, il 27 % dell'acciaio, il 25 % della allumina, il 40 % del cemento. Nel 2007 la percentuale cinese del consumo mondiale è ancora aumentata: per il carbone era il 41,3 %, più del 50 % per il minerale di ferro, per l’acciaio il 34 %, oltre il 33 % per l’allumina e più del 50 % per il cemento. Nelle parole di Chen Deming si rivela, in altri termini, la persistenza nelle autorità cinesi di una concezione degli scambi internazionali immutata rispetto al mercantilismo europeo del settecento: la ricchezza delle nazioni è data dalla quantità d’oro e d’argento tesaurizzata. Per comprendere quanto possa essere devastante tale concezione basta un esempio. Secondo un “lancio” dell’agenzia Dow Jones Newswire (19 novembre 2008) la banca centrale cinese stava considerando di incrementare le proprie disponibilità d’oro da 600 tonnellate a 4.000[8]. Ai prezzi correnti 3.400 tonnellate d’oro corrispondono ad appena 95 miliardi di dollari a fronte di una disponibilità a fine ottobre di 652,9 miliardi di dollari di titoli del Tesoro americano per un totale di riserve valutarie cinesi superiore ai 2.000 miliardi di dollari. Si tratta di voci del tutto non confermate. Se la Cina intendesse tesaurizzare in oro tale somma il prezzo del metallo giallo schizzerebbe alle stelle, ma il benessere della sua popolazione rurale e dei lavoratori migranti non ne guadagnerebbe molto.

Speriamo non prevalga in Cina tale visione economica mercantilista. Scrive Wu Jinglian sulla rivista cinese “Caijing“: “Senza questa trasformazione [da un modello di crescita trainato dalle esportazioni ad uno basato sul fabbisogno interno][9] la Cina non potrebbe risolvere i problemi causati da un eccessivo consumo di risorse naturali o dall’inquinamento ambientale o dai troppi investimenti [in capitale fisso, impianti e macchinari] ed insufficienti consumi interni o dal problema nel settore finanziario [le banche cinesi].”

[2] Vedi China Daily, 17/12/2008, Keys to the Treasury

[8] Vedi DJNewswire citata da China PBOC Mulls Raising Gold Reserve By 4,000 Tons - Report , Dow Jones mantiene le notizie in archivio pubblico per solo due giorni.

[9] Le inserzioni in parentesi quadra sono delucidazioni di chi scrive.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/06/2008 CINA - STATI UNITI
Pechino promette un apprezzamento dello yuan, "a tempi appropriati"
21/09/2010 STATI UNITI – CINA
Obama all’attacco sullo yuan, che vola in Borsa
12/12/2011 CINA
Tutte le ombre dei dieci anni della Cina nel Wto
22/07/2010 ASIA
Le “incertezze” di Bernanke rallentano le borse asiatiche
12/08/2010 ASIA
Dubbi sulla ripresa economica: borse asiatiche e petrolio in discesa

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate