02/04/2009, 00.00
VATICANO - CINA

“Dolore” del Vaticano per l’arresto di mons. Jia Zhiguo. La Chiesa e la formazione

di Bernardo Cervellera
Pubblicato il comunicato sui lavori svolti dalla Commissione vaticana per la Chiesa in Cina. Per la prima volta dopo anni si citano nomi e situazioni di persecuzione. Si sono affrontati i problemi legati alla formazione di sacerdoti, seminaristi, personale religioso in Cina, per aiutarli ad essere “discepoli di Cristo” ed “esemplari cittadini”. Una spinta verso la missione.

Città del Vaticano (AsiaNews) –  “Profondo dolore” per il nuovo arresto di mons. Giulio Jia Zhiguo (nella foto) e per la situazione di altri vescovi e sacerdoti “privati della libertà” viene espresso dalla Commissione vaticana per la Chiesa in Cina, radunata dal 30 marzo al 1° aprile, che ieri pomeriggio ha avuto anche una sessione insieme a Benedetto XVI. L’arresto di mons. Jia (cfr. AsiaNews.it, 31/03/2009 Sequestrato dalla polizia mons. Jia Zhiguo, vescovo sotterraneo di Zhengding), è avvenuto proprio  in contemporanea con l’inizio dei lavori della Commissione.

Il comunicato finale, pubblicato oggi dalla Sala stampa vaticana, ricorda che tale mancanza di libertà non è “un caso isolato” e cita “altri ecclesiastici”, come molti vescovi e sacerdoti ufficiali, “sottoposti a indebite pressioni e limitazioni nelle loro attività pastorali”. Molti prelati riconosciuti dal governo, ma riconciliati con Roma, continuano ad essere infatti sottoposti a “vacanze forzate”, lontano dai loro fedeli, e a sessioni politiche che durano mesi, per convincerli della bontà della politica religiosa del Partito e sottomettersi alla politica dell’Associazione patriottica.

I partecipanti alla Commissione desiderano anzitutto far giungere a loro “l’assicurazione della loro vicinanza fraterna e della costante preghiera, in questo tempo quaresimale, illuminato dal Mistero Pasquale”. Il comunicato esprime con franchezza che queste situazioni di “rapporti non facili con le Autorità civili”, “creano ostacoli a quel clima di dialogo con le competenti Autorità” che il papa – nella sua Lettera ai cattolici cinesi - si augura di avere.

Era da molto tempo che in Vaticano non si citavano esplicitamente nomi e situazioni di persecuzione in Cina, sebbene lo scorso anno, il card. Joseph Zen di Hong Kong, invitato dal pontefice a scrivere le meditazioni per la Via Crucis al Colosseo, abbia dato ampio spazio a questo tema, riferito alla Cina, pur senza nominarla.

Il comunicato spiega che i lavori della Commissione plenaria si sono focalizzati questa volta su “la formazione dei seminaristi e delle persone consacrate e la formazione permanente dei sacerdoti”.

I circa 3 mila sacerdoti (ufficiali e sotterranei); gli oltre 1500 seminaristi (ufficiali e sotterranei); le oltre 5 mila suore e novizie (ufficiali e sotterranee) mancano spesso di formatori a causa delle persecuzioni passate e presenti; hanno carenza di strumenti (pubblicazioni, contatti); soffrono di un dislivello grande fra sacerdoti anziani e giovani, mancando la generazione intermedia, corrispondente al periodo della Rivoluzione culturale (1966-1976), quando sono rimasti chiusi seminari, chiese e conventi. Più di tutto, hanno bisogno di aiuti per affrontare le nuove situazioni in cui vive la società: urbanesimo, consumismo, materialismo, migranti, ateismo scientista, ecc..

Il comunicato afferma che “in unione con i Vescovi della Chiesa in Cina, principali responsabili delle comunità ecclesiali, si cercherà di promuovere una più adeguata formazione umana, intellettuale, spirituale e pastorale del clero e delle persone consacrate che hanno l’importante compito di agire come fedeli discepoli di Cristo e come membri della Chiesa e di contribuire al bene del loro Paese come esemplari cittadini”.

Vi è anche l’esortazione a una più decisa missionarietà dei cattolici cinesi in patria e all’estero. Il comunicato ricorda che il papa, nella sua Lettera, aveva spinto la Chiesa in Cina a sentire come sua la missione della Chiesa in Asia e nel mondo. “La Chiesa – dice Benedetto XVI nella Lettera - sempre e dovunque missionaria, è chiamata alla proclamazione e alla testimonianza del Vangelo. Anche la Chiesa in Cina deve sentire nel suo cuore l’ardore missionario del suo Fondatore e Maestro. (…) Ora spetta a voi, discepoli cinesi del Signore, essere coraggiosi apostoli del Regno di Cristo. Sono sicuro che grande e generosa sarà la vostra risposta” (n. 17).

Secondo indiscrezioni, Benedetto XVI ha apprezzato il lavoro della Commissione ed ha approvato in pieno il comunicato finale.

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Cina-Santa Sede: il miraggio e la libertà religiosa per la Chiesa ufficiale e sotterranea
22/07/2010
Card. Zen: La Chiesa in Cina a due anni dalla Lettera del Papa
14/07/2009
Cattolici sotterranei sfidano il divieto della polizia e celebrano la messa con il loro vescovo
21/08/2008
Nuovo arresto per mons. Jia Zhiguo, vescovo sotterraneo di Zhengding
07/06/2007
Il card. Zen pubblica una guida per capire la Lettera del papa ai cattolici cinesi
25/11/2009