22 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/05/2009
VATICANO
Papa: Pregate per le vocazioni e per il mio viaggio in Terra Santa
Nella Giornata mondiale per le vocazioni, Benedetto chiede di pregare per i chiamati al sacerdozio, ma anche per “sposi santi, capaci di indicare ai figli, soprattutto con l’esempio, gli orizzonti alti a cui tendere con la loro libertà”. Il viaggio in Terra Santa (dall’8 al 15 maggio) per “incoraggiare i cristiani” immersi in “non poche difficoltà” e promuovere la pace e la giustizia “nel rispetto reciproco”. Un saluto e una preghiera ai messicani vittime dell'epidemia di influenza suina.

Città del Vaticano (AsiaNews) – Alla riflessione prima della preghiera pasquale del Regina Caeli, Benedetto XVI ha chiesto preghiere per le vocazioni sacerdotali e anche per il suo imminente viaggio in Terra Santa (Giordania, Israele, Territori palestinesi). Di ritorno - con un breve ritardo - dalla messa celebrata nella basilica di san Pietro, dove egli ha ordinato 19 nuovi sacerdoti per la diocesi di Roma, il pontefice ha detto: “Sia personalmente che in comunità dobbiamo pregare molto per le vocazioni, perché la grandezza e la bellezza dell’amore di Dio attiri tanti a seguire Cristo sulla via del sacerdozio e in quella della vita consacrata”. “Occorre anche pregare – ha aggiunto - perché ci siano altrettanti sposi santi, capaci di indicare ai figli, soprattutto con l’esempio, gli orizzonti alti a cui tendere con la loro libertà”.

L’appello del papa alle vocazioni avviene nella domenica IV di Pasqua, detta “del Buon Pastore” (dal vangelo della domenica), in cui per tradizione il pontefice ordina dei nuovi sacerdoti, mentre si celebra il tutto il mondo la Giornata di preghiera per le vocazioni.

Benedetto XVI ha poi invitato i fedeli a pregare per il suo viaggio in Terra Santa (8-15 maggio), dove egli si reca come “pellegrino”,  “sulle orme dei miei venerati predecessori Paolo VI e Giovanni Paolo II”.

“Con la mia visita – ha spiegato il papa - mi propongo di confermare e di incoraggiare i cristiani di Terra Santa, che devono affrontare quotidianamente non poche difficoltà. Quale successore dell’apostolo Pietro, farò loro sentire la vicinanza e il sostegno di tutto il corpo della Chiesa. Inoltre, mi farò pellegrino di pace, nel nome dell’unico Dio che è Padre di tutti. Testimonierò l’impegno della Chiesa Cattolica in favore di quanti si sforzano di praticare il dialogo e la riconciliazione, per giungere ad una pace stabile e duratura nella giustizia e nel rispetto reciproco. Infine, questo viaggio non potrà non avere una notevole importanza ecumenica e inter-religiosa. Gerusalemme è, da questo punto di vista, la città-simbolo per eccellenza: là Cristo è morto per riunire tutti i figli di Dio dispersi (cfr Gv 11,52)”.

Dopo la preghiera mariana, il pontefice ha salutato in diverse lingue i circa 50 mila pellegrini presenti nella piazza san Pietro. In lingua spagnola egli ha assicurato la preghiera a tutti i messicani vittime dell'influenza suina e ha esortato la popolazione a mantenersi fermi nel Signore. A tutti ha augurato un mese di maggio "in spirituale compagnia di Maria Santissima". Il mese di maggio, per tradizione, è dedicato alla devozione alla Madonna.

Foto: CPP


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/05/2009 VATICANO-TERRA SANTA
Papa: la pace è possibile in Terra Santa, con l’aiuto delle fedi
26/03/2009 VATICANO-TERRA SANTA
Papa: denso di significati il programma del viaggio in Terra Santa
08/10/2009 VATICANO-PALESTINA
Papa: riceve Abbas, riconoscere e rispettare i diritti di tutti
03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa
15/05/2009 VATICANO-TERRA SANTA
Papa: in Terra Santa, quando le critiche nascono dalla paura
di Franco Pisano / inviato
Articoli del dossier
VATICANO - PALESTINA
Leader palestinese: il coraggio del Papa contro le strumentalizzazioni
VATICANO – PALESTINA
Papa: i muri si costruiscono facilmente, ma prima o poi cadono
VATICANO-PALESTINA
Papa: i palestinesi hanno diritto a una patria, ma rifiutino il terrorismo
VATICANO-ISRAELE
Papa: Gerusalemme divenga città della pace, aperta a tutti
VATICANO – ISRAELE
P. Jaeger: I cattolici attendono la restituzione del Cenacolo
VATICANO-ISRAELE
Papa: amicizia con gli ebrei, dialogo con l’islam e tutti insieme operare per la pace
INDIA – TERRA SANTA
Musulmano dell’India: il papa in Terra Santa fonte di pace e dialogo
VATICANO-ISRAELE
Papa: arrivando in Israele parla di Shoah, pace e patrie per i due popoli
VATICANO – GIORDANIA
Papa: La mia visita alla Moschea, un giorno luminoso
VATICANO-GIORDANIA
Papa: cristiani siano strumento di riconciliazione e pace anche quando rivendicano diritti
VATICANO-GIORDANIA
Papa: Gesù dia “il suo coraggio” ai cristiani di Terra Santa
VATICANO-GIORDANIA
Papa: in moschea con le scarpe, come gli è stato detto di fare
VATICANO-GIORDANIA
Papa: i credenti rifiutino la “corruzione” violenta della religione e “coltivino” la ragione
VATICANO-GIORDANIA
Papa: vengo in Medio Oriente a portare una speranza di pace
VATICANO-GIORDANIA
Papa: la Chiesa ha contribuito e vuole contribuire alla pace in Medio Oriente
VATICANO
Papa: in Terra Santa sarò pellegrino di pace
VATICANO - ISRAELE
Papa: in Terra Santa, per parlare di riconciliazione tra tensioni politiche e religiose
PALESTINA - VATICANO
Betlemme: i profughi palestinesi attendono il papa perché veda il Muro
ISRAELE - VATICANO
Santa Sede- Israele: progressi, ma nessun accordo prima della visita del papa
GIORDANIA-VATICANO
Amman si prepara a ricevere per la terza volta un papa

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate