03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 03/05/2009, 00.00

    VATICANO

    Papa: Pregate per le vocazioni e per il mio viaggio in Terra Santa



    Nella Giornata mondiale per le vocazioni, Benedetto chiede di pregare per i chiamati al sacerdozio, ma anche per “sposi santi, capaci di indicare ai figli, soprattutto con l’esempio, gli orizzonti alti a cui tendere con la loro libertà”. Il viaggio in Terra Santa (dall’8 al 15 maggio) per “incoraggiare i cristiani” immersi in “non poche difficoltà” e promuovere la pace e la giustizia “nel rispetto reciproco”. Un saluto e una preghiera ai messicani vittime dell'epidemia di influenza suina.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – Alla riflessione prima della preghiera pasquale del Regina Caeli, Benedetto XVI ha chiesto preghiere per le vocazioni sacerdotali e anche per il suo imminente viaggio in Terra Santa (Giordania, Israele, Territori palestinesi). Di ritorno - con un breve ritardo - dalla messa celebrata nella basilica di san Pietro, dove egli ha ordinato 19 nuovi sacerdoti per la diocesi di Roma, il pontefice ha detto: “Sia personalmente che in comunità dobbiamo pregare molto per le vocazioni, perché la grandezza e la bellezza dell’amore di Dio attiri tanti a seguire Cristo sulla via del sacerdozio e in quella della vita consacrata”. “Occorre anche pregare – ha aggiunto - perché ci siano altrettanti sposi santi, capaci di indicare ai figli, soprattutto con l’esempio, gli orizzonti alti a cui tendere con la loro libertà”.

    L’appello del papa alle vocazioni avviene nella domenica IV di Pasqua, detta “del Buon Pastore” (dal vangelo della domenica), in cui per tradizione il pontefice ordina dei nuovi sacerdoti, mentre si celebra il tutto il mondo la Giornata di preghiera per le vocazioni.

    Benedetto XVI ha poi invitato i fedeli a pregare per il suo viaggio in Terra Santa (8-15 maggio), dove egli si reca come “pellegrino”,  “sulle orme dei miei venerati predecessori Paolo VI e Giovanni Paolo II”.

    “Con la mia visita – ha spiegato il papa - mi propongo di confermare e di incoraggiare i cristiani di Terra Santa, che devono affrontare quotidianamente non poche difficoltà. Quale successore dell’apostolo Pietro, farò loro sentire la vicinanza e il sostegno di tutto il corpo della Chiesa. Inoltre, mi farò pellegrino di pace, nel nome dell’unico Dio che è Padre di tutti. Testimonierò l’impegno della Chiesa Cattolica in favore di quanti si sforzano di praticare il dialogo e la riconciliazione, per giungere ad una pace stabile e duratura nella giustizia e nel rispetto reciproco. Infine, questo viaggio non potrà non avere una notevole importanza ecumenica e inter-religiosa. Gerusalemme è, da questo punto di vista, la città-simbolo per eccellenza: là Cristo è morto per riunire tutti i figli di Dio dispersi (cfr Gv 11,52)”.

    Dopo la preghiera mariana, il pontefice ha salutato in diverse lingue i circa 50 mila pellegrini presenti nella piazza san Pietro. In lingua spagnola egli ha assicurato la preghiera a tutti i messicani vittime dell'influenza suina e ha esortato la popolazione a mantenersi fermi nel Signore. A tutti ha augurato un mese di maggio "in spirituale compagnia di Maria Santissima". Il mese di maggio, per tradizione, è dedicato alla devozione alla Madonna.

    Foto: CPP

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/05/2009 VATICANO-TERRA SANTA
    Papa: la pace è possibile in Terra Santa, con l’aiuto delle fedi
    Benedetto XVI all’udienza generale ricostruisce le tappe del suo recente viaggio in Giordania, Israele e Palestina. Il rispetto per la libertà religiosa in Giordania. La Shoah, “monito universale” da non dimenticare. Il rifiuto della violenza. Appello per la Giornata della comunicazione: il “cyberspazio” sia “luogo per promuovere una cultura di rispetto, dialogo ed autentica amicizia”.

    26/03/2009 VATICANO-TERRA SANTA
    Papa: denso di significati il programma del viaggio in Terra Santa
    Il Vaticano ha reso noto oggi il programma ufficiale della visita che Benedetto XVI compirà tra l’8 e il 15 maggio. Sarà il terzo papa dell’era moderna a recarsi nella terra ove visse Gesù. Oltre che ai luoghi santi, andrà al Yad Vashem, alla moschea di Amman, al Muro occidentale e alla Cupoa della roccia.

    08/10/2009 VATICANO-PALESTINA
    Papa: riceve Abbas, riconoscere e rispettare i diritti di tutti
    Auspicio doi una pace “giusta e duratura” tra palestinesi e israeliani. Si è parlato anche della situazione dei cattolici in Palestina, e più in generale nella regione, e del loro contributo alla vita sociale e alla convivenza pacifica tra i popoli.

    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    15/05/2009 VATICANO-TERRA SANTA
    Papa: in Terra Santa, quando le critiche nascono dalla paura
    Estremisti di tutti i fronti hanno trovato difetti alla visita di Benedetto XVI, il che dimostra che le sue parole di dialogo e tolleranza hanno colpito nel segno. Sull’aereo che lo ha riportato a Roma: per la pace sono più visibili le difficoltà, ma nulla è così visibile come il desiderio di pace.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®