31 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/06/2009
GIAPPONE
Pieno successo della missione lunare giapponese: la sonda si è schiantata oggi al suolo
L’impatto controllato ha concluso il volo di 19 mesi della “Kaguya”. Sono stati raccolti dati importanti per una migliore mappa della superficie lunare e per analizzare la presenza di minerali.

Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Il Giappone brinda al “pieno successo” della sua prima sonda lunare, che oggi, dopo 19 mesi, ha fatto uno schianto controllato sulla superficie del satellite. Shinichi Sobue, portavoce dell’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale (Jaxa) dice che la sonda Kaguya (dal nome di una leggendaria principessa giapponese) durante le orbite lunari ha fotografato e fatto una mappa “molto dettagliata della superficie”, ne ha misurato la gravità e ha studiato la distribuzione dei giacimenti di minerale. Con questi dati si spera di meglio comprendere l’evoluzione della luna.

Sobue dice che la missione ha avuto un costo di 55 miliardi di yen (oltre 398 milioni di euro) ed è il progetto di esplorazione lunare più ambizioso dall’epoca delle navette Usa Apollo. La sonda, lanciata nel settembre 2007, ha raggiunto il satellite dopo 20 giorni e per due anni vi ha orbitato intorno raccogliendo dati. A novembre la Jaxa pubblicherà su internet i risultati della missione.

Durante il volo della Kaguya, la Jaxa ha lanciato due altre sonde orbitali: una ha colpito il suolo lunare a febbraio e l’altra è ancora in orbita intorno al satellite e ne misura la gravità.

Tokyo è all’avanguardia nella tecnologia dei satelliti artificiali e a gennaio ha messo in orbita intorno alla terra il primo satellite per monitorare le emissioni dei gas serra, per aiutare lo studio sul surriscaldamento del pianeta.

Nel futuro Tokyo non esclude di riprendere le missioni verso Marte, abbandonate dopo che nel 2003 la sua sonda è uscita dal percorso previsto.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/10/2007 GIAPPONE
La sonda giapponese è in orbita intorno alla luna
12/11/2008 INDIA - GIAPPONE
L’alleanza spaziale tra India e Giappone preoccupa Pechino
21/10/2008 INDIA
In partenza il primo satellite indiano per la Luna, cercherà acqua
24/10/2007 CINA
Parte la sonda cinese per la luna
01/10/2010 CINA
Xichang, pronti al lancio della seconda sonda lunare

In evidenza
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.
CINA
Sacerdoti di Wenzhou: Basta rimanere in silenzio! Gridiamo per salvare le nostre croci!I sacerdoti della diocesi del sud-est invitano “tutti coloro che hanno a cuore la giustizia” a intervenire in maniera pacifica e secondo la legge per fermare la campagna di demolizioni in corso nel Zhejiang. I funzionari che la portano avanti “agiscono per vendetta” e “devono essere portati davanti alla giustizia”. I sacerdoti “pronti a tutto, anche alla morte, per fare ciò che è giusto”. Dove viene demolita una croce “là ne sorgeranno a milioni”.
CINA-VATICANO
Ordinato con mandato papale, p. Giuseppe Zhang Yinlin è il nuovo vescovo coadiutore di Anyang (Henan). Le foto
di Joseph YuanLa cerimonia si è svolta “tranquilla”. Tutti i vescovi ordinanti sono in comunione col papa e riconosciuti dal governo. Hanno partecipato almeno 1300 fedeli. Fino al 1949 la diocesi è stata servita dai missionari del Pime.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate