28 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 06/07/2009, 00.00

    CINA

    Violenze e rivolte nello Xinjiang: almeno 140 morti e 800 feriti



    Pechino afferma che è un complotto contro il suo potere. Gli Uiguri dicono che la rivolta è un segno della insoddisfazione verso la colonizzazione Han e la repressione politica ed economica. Uno schema simile a quello delle rivolte tibetane lo scorso anno. La Cina si prepara con la repressione ai 60 anni della fondazione della Repubblica popolare.

    Urumqi (AsiaNews/Agenzie) – Violenze e scontri fra dimostranti, esercito e polizia cinese nella capitale dello Xinjiang la scorsa notte hanno fatto almeno 140 morti e 800 feriti. L’agenzia ufficiale Xinhua dice che stamane tutto è calmo. La polizia ha già arrestato centinaia di manifestanti, ma è alla ricerca di 10 importanti responsabili della rivolta.

    Il governo ha subito dichiarato che gli istigatori della violenza sono gli Uiguri all’estero, fra cui Rebiya Kadeer, in esilio dopo aver passato anni nelle prigioni cinesi. Membri di comunità degli Uiguri all’estero affermano invece che le dimostrazioni erano iniziate pacificamente e che la polizia ha sparato in modo indiscriminato sulla folla.

    Secondo alcune testimonianze locali, ieri sera, fra 2 e 3 mila Uiguri, l’etnia musulmana che vive nello Xinjiang, si sono radunati nelle strade del centro di Urumqi e si sono scontrati con almeno 1000 poliziotti. Alla carica della polizia e agli spari è seguita la dispersione, rottura di vetrine, incendi di auto e bus. A tutt’oggi Urumqi è sotto uno stretto coprifuoco.

    I dimostranti hanno detto che essi hanno voluto manifestare contro l’emarginazione che subiscono da parte della popolazione Han (cinese) che nello Xinjiang e in tutta la Cina ha in mano l’economia e l’amministrazione locale.

    Più precisamente, essi hanno manifestato per la morte di due Uiguri nel sud della Cina, dopo alcuni scontri fra operai delle due etnie.

    Secondo l’agenzia Xinhua, gli scontri sono avvenuti a Shaoguan (Guangdong), e sono stati provocati da una falsa accusa di stupro verso operai dello Xinjiang. Occorre notare che la mancanza di manodopera nel sud della Cina, ha spinto Pechino a facilitare l’emigrazione di persone dell’etnia Uiguri verso la costa. Ma questo crea oggi difficoltà e competizione per tenere i posti di lavoro, dato che molte aziende cinesi, colpite dalla crisi, licenziano i loro operai.

    Le rivolte a causa del lavoro e della disoccupazione sono in crescita. Secondo il ministero della sicurezza ve ne sono almeno 87 mila in un anno. Se la crisi si approfondisce, c’è il rischio che la lotta di tipo sindacale si trasformi in una guerra interetnica.

    Le rivolte nello Xinjiang datano da oltre mezzo secolo. La popolazione Uigur rivendica maggiore autonomia dal governo centrale e gruppi di musulmani del Movimento islamico del Turkestan orientale sono responsabili di attacchi terroristici.

    La mano pesante del regime di Pechino si manifesta nel gran numero di arresti e di condanne a morte, almeno centinaia all’anno. Ma per frenare “il terrorismo”, Pechino controlla tutta la vita religiosa degli Uiguri: controlli sui discorsi degli imam, divieto a giovani a partecipare alla preghiera in moschea prima dei 18 anni, continue demolizioni di moschee e scuole islamiche.

    Secondo Forum 18, agenzia protestante con base  a Oslo, la persecuzione religiosa nello Xinjiang ha ragioni anzitutto economiche ed è finalizzata a stroncare l'identità della popolazione Uiguri per spogliarla delle ricchezze della zona, ricca di petrolio e gas naturale. Per questo Pechino da anni favorisce la migrazione nella regione di milioni di cinesi Han, che ormai sono  almeno il 50% dei circa 20 milioni di residenti: essi hanno preso il controllo dei commerci e dei posti di potere, mentre gli Uiguri (42%) sono soprattutto contadini.

     Il governo cinese attribuisce tutte le responsabilità della rivolta di ieri ai gruppi di Uiguri esiliati all’estero e in particolare a Rebiya Kadeer, ora esule negli Stati Uniti, dopo aver passato oltre 5 anni in prigione per aver difeso una maggiore autonomia della sua etnia. Secondo Xinhua la manifestazione di ieri “era un crimine violento, premeditato e organizzato” atto a rovesciare il potere cinese.

    Ma gli Uiguri in esilio affermano che le dimostrazioni sono solo un segno dell’insofferenza degli Uiguri verso la discriminazione e l’oppressione politica ed economica degli Han. Esperti di Human Rights Watch affermano che attribuendo gli scontri etnici a “piani eversivi dall'estero”, il governo cinese utilizza schemi già usati e abusati con le rivolte nel Tibet dello scorso anno.

    Uiguri e attivisti per i diritti umani temono che nei prossimi giorni ci sarà un aumento della repressione: si registrano già raid e arresti nelle università. La Cina si prepara ad ottobre a celebrare i 60 anni della fondazione della Repubblica popolare cinese e sta attuando ovunque controlli e arresti per evitare spiacevoli sorprese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/10/2009 CINA
    Altri sei condannati a morte per gli scontri nello Xinjiang
    Sale a 12 il numero delle pene capitali comminate. Ogni anno Pechino condanna centinaia di uiguri all’esecuzione capitale. Il World Uygur Congress: Fermate la repressione sanguinosa della Cina contro il popolo uiguri.

    12/01/2010 COREA DEL SUD - CINA
    Seoul si piega a Pechino: cacciato un dissidente uiguri
    Dolkun Isa, cittadino tedesco e Segretario generale del Congresso mondiale degli uiguri, è stato trattenuto per 57 ore all’aeroporto della capitale coreana e poi rimandato in Germania. Pechino conferma le pressioni su Seoul e attacca: “È un terrorista pericoloso”.

    04/08/2009 CINA
    Rebiya Kadeer: Pechino non ha potere sull’amore creato da Dio fra me e i miei figli
    La leader uiguri denuncia la manipolazione della Cina contro la sua famiglia e bolla come falsa la lettera di alcuni suoi figli, che l’accusano di aver creato gli incidenti nello Xinjiang. Molti figli della Kadeer sono in prigione. I metodi cinesi sono gli stessi del tempo della Rivoluzione culturale e simili a quelli contro il Dalai Lama.

    14/10/2009 CINA
    Xinjiang, a processo altri 14 uiguri, dopo 6 condanne a morte
    Forse anche per loro ci sarà la condanna a morte. Rebiya Kadeer: Le esecuzioni faranno crescere la collera della popolazione.

    26/08/2009 CINA
    Hu Jintao in giro di ispezione nello Xinjiang
    Per Hu la Cina ha vinto su separatismo, terrorismo ed estremismo. Egli però ha chiesto al partito, ai militari e alle autorità locali di lavorare per migliorare lo sviluppo economico della popolazione. Pechino smentisce l’imminente processo a 200 uiguri come anche la tortura e la morte di centinaia di prigionieri.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®