1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 03/08/2009
VIETNAM
Nuove manifestazioni di massa a Vinh e in altre zone del Vietnam a sostegno dei cattolici
di Thuy Dung - Trung Tin
Almeno mezzo milione di fedeli hanno protestato contro i pestaggi, gli arresti, i tentativi di uccidere i cattolici. Una coppia picchiata a morte a Dong Yen. Una feroce campagna stampa del governo contro i fedeli rischia di generare nuove violenze.

Vinh (AsiaNews) – Una nuova giornata di proteste è avvenuta ieri a Vinh e in altre diocesi del Vietnam per esigere la fine delle persecuzioni contro i cattolici di Dong Hoi e il ritorno della chiesa di Tam Toa all’uso dei fedeli. Almeno 500 mila persone delle 178 parrocchie della diocesi si sono radunate in diverse zone per denunciare la violenza del governo locale contro sacerdoti, religiose e fedeli laici. Portando striscioni e bandiere bianco-gialle (del Vaticano) essi hanno chiesto giustizia contro la requisizione delle terre e la fine della campagna stampa velenosa contro la Chiesa cattolica, che “diffama la religione e promuove l’odio fra cattolici e non”.

È la seconda volta che avvengono manifestazioni così imponenti in tutto il Vietnam, dopo le violenze della polizia contro alcuni fedeli di Dong Hoi, colpevoli di aver issato una tenda provvisoria vicino alle rovine della chiesa di Tam Toa, che i fedeli vogliono ritorni all’uso per cui essa è stata costruita. Il governo invece vuole farne un monumento contro i crimini di guerra degli americani (che durante il conflitto del Vietnam la bombardarono) e costruire attorno un sito turistico giustificando la scelta con l’affermazione che “non vi sono cattolici a Tam Toa” (cfr. AsiaNews.it, 21/07/2009 Percosse e arresti per sacerdoti e fedeli nella storica chiesa di Tam Toa).

E invece i cattolici di Tam Toa (che fanno parte della diocesi di Vinh, 300 km a sud di Hanoi) ci sono e ieri hanno fatto marce e sit-in. Proprio di fronte agli uffici diocesani di Vinh, a Xa Doai, si sono radunate almeno 10 mila fedeli. P. Peter Nguyen Van Khai commenta: “Sono venuti per esprimere il loro oltraggio davanti ai pestaggi e alle ruberie contro i cattolici da parte di malviventi sostenuti dal governo e per lanciare il messaggio ‘adesso è troppo’ alle orecchie di chi è la causa di tutto questo, il governo locale”.

Nei giorni scorsi AsiaNews ha diffuso la notizia di due sacerdoti, uno picchiato, l’altro gettato dal secondo piano di un edificio (v. 28/07/2009 Prete in coma perché picchiato dalla polizia. Proteste dei cattolici in tutto il Vietnam). P. Van Khai racconta di altre violenze, questa volta contro fedeli laici.

Peter Mai Van Truong, 48 anni e sua moglie di Dong Yen sono stati picchiati a morte e tutte le loro cose, anche i mezzi per sostenersi sono stati confiscati senza alcuna autorizzazione. I due stavano visitando un parente a Tam Toa. Un gruppo di teppisti, scoperto che erano cattolici, hanno cominciato a picchiarli, derubandoli della motocicletta, dei documenti e di una macchina fotografica. Truong stesso racconta: “Alcun i passanti mi hanno portato all’ospedale e qui sono stato ancora picchiato perché mi hanno scambiato per un prete”. Truong ha diverse costole rotte e alcune ferite alla testa e le sue condizioni sono serie. Un fatto da notare è che tutti questi pestaggi sono avvenuti alla luce del sole, alla presenza di decine di poliziotti in uniforme che non hanno fatto nulla per fermare i malviventi.

Secondo una suora di Vinh, “la situazione è molto tesa e può precipitare. Il governo continua una campagna negativa contro i cattolici e assolda teppisti per picchiarci. In tal modo diversi giovani alla deriva sono spinti ad attaccarci. A migliaia i teppisti fanno manifestazioni gridando ‘Ammazzateli tutti!’,  ‘Uccidete i loro preti’”.

Il 31 luglio scorso, p. Anthony Pham Dinh Phung, segretario della diocesi, ha chiesto la liberazione di tutti i fedeli incarcerati. “La Chiesa fa del suo meglio per mantenere calmi i fedeli – ha detto – ma il governo si dovrà prendere le sue responsabilità se la persecuzione continua”.

Il governo sembra però insensibile. Ieri sera i canali televisivi nazionali, in un servizio su Tam Toa hanno diffuso la voce che la Chiesa vuole impossessarsi delle case degli abitanti, vicini alla chiesa, spingendo così la gente a odiare i cattolici.

Intanto, i fedeli di Tam Toa ricevono il sostegno di tutta la comunità cattolica del Vietnam. Ieri sera a Ho Chi Minh City si è tenuta una messa per i fedeli della diocesi di Vinh. Durante l’omelia, p. Joseph, redentorista, ha difeso i fedeli di Tam Toa: “Dopo 30 anni dalla guerra, essi vogliono vivere nell’amore e nel perdono e costruire la nazione. Per questo i fedeli non vogliono mantenere delle rovine rotte, che accrescono i sentimenti cattivi e l’odio fra le famiglie … Noi sosteniamo i cattolici di Tan Toa che vengono battuti con crudeltà e sono arrestati. Siamo perseguitati perché vogliamo ricostruire l’umanità, offrire il perdono e la speranza. Altri invece vogliono l’odio e la violenza”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
05/08/2009 VIETNAM
Violenze contro i cattolici: il velo contro crisi e corruzione del Partito comunista vietnamita
di J.B. An Dang
14/04/2009 VIETNAM
Pasqua della solidarietà nel Vietnam delle miserie e dell'emarginazione
di J.B. Vu
27/08/2009 VIETNAM
Cattolici degli Stati Uniti in solidarietà con la Chiesa del Vietnam
di J.B. An Dang
10/08/2009 VIETNAM
Nuove veglie di protesta nella diocesi di Vinh. Difficili spiragli di dialogo col governo
di Emily Nguyen
21/01/2008 VIETNAM
Quest’anno sono in 60 a studiare all’Istituto domenicano di Ho Chi Minh City
di JB. VU

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate