23 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/10/2009
RUSSIA
Anche per la Corte dell’Altai i Testimoni di Geova sono "estremisti" da condannare
Sotto accusa alcune pubblicazioni che conterrebbero incitamenti allo scontro religioso. L’organizzazione si difende affermando che gli stessi testi sono distribuiti in 200 Paesi del mondo. La sentenza dell’Altai rispecchia la condanna già decretata dalla corte di Rostov a metà settembre. Processi con accuse analoghe sono in corso in altri tribunali russi.

Mosca (AsiaNews/Agenzie) - Il tribunale di Gorno-Altaisk condanna per estremismo religioso i testimoni di Geova che vivono nella Repubblica dell’Altai. È l’ennesima sentenza che colpisce l’organizzazione religiosa in Russia già ritenuta colpevole di diffondere pubblicazioni contenenti “materiale estremistico” dal tribunale di Rostov a metà settembre (vedi AsiaNews, 17/09/2009, “Il tribunale di Rostov mette al bando i Testimoni di Geova: estremisti religiosi”).
 
Il tribunale delle repubblica siberiana ha bandito 18 pubblicazioni dei Testimoni di Geova dell’Altai dopo averle sottoposte all’analisi di esperti che vi hanno rinvenuto incitamenti allo scontro religioso.
 
 Il Centro amministrativo dei Testimoni di Geova, riconosciuto dal governo di Mosca, è già ricorso in appello presso il tribunale del Gorno-Altaisk, ma la situazione è molto delicata. La sentenza della corte fa seguito a una simile di Rostov e precede quelle di altre tribunali sparsi per la Federazione, dove sono in corso procedimenti analoghi.
 
L’accusa è sempre la stessa: pubblicazioni che incitano all’estremismo religioso. I testi incriminati sono gli stessi che il gruppo pubblica e distribuisce in Europa ed altri 200 Paesi, in 176 lingue diverse.
 
Per i Testimoni di Geova si tratta dell’ennesimo attacco discriminatorio da parte delle autorità giudiziarie delle repubbliche autonome russe. “Questo tipo di sentenze - affermano dal Centro amministrativo - portano a legalizzare azioni illegali contro cittadini pacifici che credono in Dio secondo la loro coscienza e i principi delle sacre scritture”.
 
Tra le minoranze religiose presenti sul territorio dell’ex Urss, i Testimoni di Geova sono fra quelle più vessate. Presenti con circa 200mila fedeli sparsi in tutta la federazione sono accusati di settarismo, “estremismo religioso”, “incitamento all’isolamento sociale” e a comportamenti che minano la vita civile del Paese.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
17/09/2009 RUSSIA
Il tribunale di Rostov mette al bando i Testimoni di Geova: estremisti religiosi
11/01/2010 RUSSIA
Il governo russo conferma le condanne verso i Testimoni di Geova
11/12/2009 RUSSIA
La Corte suprema conferma: fuori legge i Testimoni di Geova a Rostov
27/03/2010 RUSSIA
Testimoni di Geova“estremisti” e “ostili”: sequestri e incendi
08/07/2010 RUSSIA
Rostov, su pressione degli ortodossi, negato il permesso per una chiesa ai pentecostali
di Nina Achmatova

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate