30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/10/2009
INDIA – CINA – STATI UNITI
India, Cina e Usa insieme per preparare Copenhagen
Delhi e Pechino hanno firmato ieri un accordo per presentare una posizione unica alla Conferenza sui cambiamenti climatici prevista per dicembre. E Barack Obama si schiera con Hu Jintao.

Delhi (AsiaNews/Agenzie) – India e Cina, due delle nazioni più inquinanti al mondo, hanno firmato un accordo che prevede la cooperazione dei loro governi nel campo del cambiamento climatico. I due giganti asiatici hanno deciso di cooperare sullo sviluppo tecnologico e sulla riduzione delle emissioni di gas inquinanti. Inoltre, Pechino e Delhi si sono impegnate a lavorare insieme nell’ambito dei negoziati sul clima che si terranno a dicembre a Copenhagen. Un accordo che prevede anche la partecipazione degli Usa.
 
Tutte e tre le nazioni sono infatti convinte che mettere un tetto alle emissioni inquinanti limiterà la crescita economica: sono le nazioni industrializzate, sostengono inoltre Cina e India, che si devono impegnare di più in questo ambito. Parlando nel corso della cerimonia per la firma dell’accordo, il ministro indiano per lo Sviluppo Jairam Ramesh ha sottolineato come “non esistono praticamente differenze fra le posizioni negoziali di India e Cina sui trattati climatici internazionali”. “Ci saranno altri colloqui con la controparte cinese, Xie Zhenhua – ha aggiunto – per vedere cosa possiamo fare insieme per assicurare un buon risultato a Copenhagen. Un risultato che non protegga soltanto l’ambiente, ma promuova gli interessi delle nazioni in via di sviluppo”.
 
Secondo diversi analisti, l’accordo firmato ieri – che resterà in vigore per i prossimi cinque anni - potrebbe dare ai due Paesi una posizione più incisiva. Ma questo non vuol dire che aiuterà la conferenza sul clima a trovare un successore per il Protocollo di Kyoto, che scade nel 2012. Secondo il testo, la Convenzione Onu sui cambiamenti climatici e il Protocollo sono "i documenti migliori per affrontare il problema”. Tuttavia, l’accordo di Kyoto non è stato accettato dagli Stati Uniti: questo lo rende quasi privo di significato, data la mole di emissioni inquinanti che vengono da quel Paese.
 
Washington ha una posizione critica anche sul prossimo incontro di dicembre e ha deciso di schierarsi con la Cina per trovare il compromesso migliore. Lo ha annunciato sempre ieri la Casa Bianca, secondo cui il presidente americano Obama e quello cinese Hu Jintao “hanno già discusso dell’argomento. Entrambe le parti si stanno impegnando per ridurre le emissioni, e hanno deciso di cooperare per raggiungere un accordo migliore a Copenhagen”.
 
Un accordo internazionale che riduca le emissioni di Co2 potrebbe mettere a serio rischio la crescita economica dei Paesi asiatici, ancora fortemente ancorati alla produzione di energia tramite carbone, ma creerebbe inoltre una crisi internazionale del petrolio. Infatti, Pechino e Delhi sono pronte a mettere in campo le loro riserve economiche per accaparrarsi la produzione di greggio, danneggiando così i Paesi occidentali.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/11/2009 CINA – STATI UNITI – ONU
Wen, Obama e le vaghe promesse di Copenhagen
04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
"Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
07/08/2015 IRAN
L’accordo sul nucleare iraniano fa precipitare il prezzo del petrolio
21/09/2006 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche
09/12/2009 CINA - TIBET
Ong tibetana a Copenhagen: La Cina usa l’emergenza clima per reprimerci

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate