25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/10/2009, 00.00

    INDIA – CINA – STATI UNITI

    India, Cina e Usa insieme per preparare Copenhagen



    Delhi e Pechino hanno firmato ieri un accordo per presentare una posizione unica alla Conferenza sui cambiamenti climatici prevista per dicembre. E Barack Obama si schiera con Hu Jintao.
    Delhi (AsiaNews/Agenzie) – India e Cina, due delle nazioni più inquinanti al mondo, hanno firmato un accordo che prevede la cooperazione dei loro governi nel campo del cambiamento climatico. I due giganti asiatici hanno deciso di cooperare sullo sviluppo tecnologico e sulla riduzione delle emissioni di gas inquinanti. Inoltre, Pechino e Delhi si sono impegnate a lavorare insieme nell’ambito dei negoziati sul clima che si terranno a dicembre a Copenhagen. Un accordo che prevede anche la partecipazione degli Usa.
     
    Tutte e tre le nazioni sono infatti convinte che mettere un tetto alle emissioni inquinanti limiterà la crescita economica: sono le nazioni industrializzate, sostengono inoltre Cina e India, che si devono impegnare di più in questo ambito. Parlando nel corso della cerimonia per la firma dell’accordo, il ministro indiano per lo Sviluppo Jairam Ramesh ha sottolineato come “non esistono praticamente differenze fra le posizioni negoziali di India e Cina sui trattati climatici internazionali”. “Ci saranno altri colloqui con la controparte cinese, Xie Zhenhua – ha aggiunto – per vedere cosa possiamo fare insieme per assicurare un buon risultato a Copenhagen. Un risultato che non protegga soltanto l’ambiente, ma promuova gli interessi delle nazioni in via di sviluppo”.
     
    Secondo diversi analisti, l’accordo firmato ieri – che resterà in vigore per i prossimi cinque anni - potrebbe dare ai due Paesi una posizione più incisiva. Ma questo non vuol dire che aiuterà la conferenza sul clima a trovare un successore per il Protocollo di Kyoto, che scade nel 2012. Secondo il testo, la Convenzione Onu sui cambiamenti climatici e il Protocollo sono "i documenti migliori per affrontare il problema”. Tuttavia, l’accordo di Kyoto non è stato accettato dagli Stati Uniti: questo lo rende quasi privo di significato, data la mole di emissioni inquinanti che vengono da quel Paese.
     
    Washington ha una posizione critica anche sul prossimo incontro di dicembre e ha deciso di schierarsi con la Cina per trovare il compromesso migliore. Lo ha annunciato sempre ieri la Casa Bianca, secondo cui il presidente americano Obama e quello cinese Hu Jintao “hanno già discusso dell’argomento. Entrambe le parti si stanno impegnando per ridurre le emissioni, e hanno deciso di cooperare per raggiungere un accordo migliore a Copenhagen”.
     
    Un accordo internazionale che riduca le emissioni di Co2 potrebbe mettere a serio rischio la crescita economica dei Paesi asiatici, ancora fortemente ancorati alla produzione di energia tramite carbone, ma creerebbe inoltre una crisi internazionale del petrolio. Infatti, Pechino e Delhi sono pronte a mettere in campo le loro riserve economiche per accaparrarsi la produzione di greggio, danneggiando così i Paesi occidentali.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/11/2009 CINA – STATI UNITI – ONU
    Wen, Obama e le vaghe promesse di Copenhagen
    Washington e Pechino si impegnano con toni altisonanti a ridurre l’inquinamento. Ma usano due trucchi: gli Usa si legano ai dati (già altissimi) del 2005; la Cina, grazie alla produzione pro capite, continuerà a far crescere le emissioni del 50%.

    04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
    "Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
    I tre giorni di colloqui a New Delhi non hanno risolto tutti i contrasti per la cessione di materiale nucleare e tecnologia. Gli Stati Uniti vogliono poter controllare cosa Delhi farà con il materiale fissile, ma questa non vuole intromissioni straniere.

    07/08/2015 IRAN
    L’accordo sul nucleare iraniano fa precipitare il prezzo del petrolio
    La firma ha fatto calare il prezzo del barile a meno di 50 dollari. Teheran è in grado di aumentare di 500mila barili la propria produzione giornaliera, a partire dalla rimozione delle sanzioni internazionali. Gli Stati Uniti minimizzano, Roma e Parigi cercano accordi preventivi. Il crollo dell’economia cinese e il ruolo dell’estate.

    21/09/2006 CINA - STATI UNITI
    Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche

    Previsti frequenti incontri al massimo livello, per discutere le principali questioni. L'annuncio in occasione della visita di Paulson, segretario al Tesoro Usa e "vecchio amico" della Cina, fautore della piena apertura di Pechino a un'economia di mercato.



    30/04/2012 CINA – STATI UNITI
    L'imbarazzo di Pechino e Washington per il caso Chen Guangcheng
    La fuga del dissidente e il suo presunto status di rifugiato politico presso l’ambasciata Usa a Pechino mettono in difficoltà entrambi i Paesi, che si preparano per il loro annuale summit di alto livello. Nessuno dei due vuole mettere a rischio, per i diritti umani, l’interscambio economico e finanziario.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®