20 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/10/2009
INDIA – CINA – STATI UNITI
India, Cina e Usa insieme per preparare Copenhagen
Delhi e Pechino hanno firmato ieri un accordo per presentare una posizione unica alla Conferenza sui cambiamenti climatici prevista per dicembre. E Barack Obama si schiera con Hu Jintao.

Delhi (AsiaNews/Agenzie) – India e Cina, due delle nazioni più inquinanti al mondo, hanno firmato un accordo che prevede la cooperazione dei loro governi nel campo del cambiamento climatico. I due giganti asiatici hanno deciso di cooperare sullo sviluppo tecnologico e sulla riduzione delle emissioni di gas inquinanti. Inoltre, Pechino e Delhi si sono impegnate a lavorare insieme nell’ambito dei negoziati sul clima che si terranno a dicembre a Copenhagen. Un accordo che prevede anche la partecipazione degli Usa.
 
Tutte e tre le nazioni sono infatti convinte che mettere un tetto alle emissioni inquinanti limiterà la crescita economica: sono le nazioni industrializzate, sostengono inoltre Cina e India, che si devono impegnare di più in questo ambito. Parlando nel corso della cerimonia per la firma dell’accordo, il ministro indiano per lo Sviluppo Jairam Ramesh ha sottolineato come “non esistono praticamente differenze fra le posizioni negoziali di India e Cina sui trattati climatici internazionali”. “Ci saranno altri colloqui con la controparte cinese, Xie Zhenhua – ha aggiunto – per vedere cosa possiamo fare insieme per assicurare un buon risultato a Copenhagen. Un risultato che non protegga soltanto l’ambiente, ma promuova gli interessi delle nazioni in via di sviluppo”.
 
Secondo diversi analisti, l’accordo firmato ieri – che resterà in vigore per i prossimi cinque anni - potrebbe dare ai due Paesi una posizione più incisiva. Ma questo non vuol dire che aiuterà la conferenza sul clima a trovare un successore per il Protocollo di Kyoto, che scade nel 2012. Secondo il testo, la Convenzione Onu sui cambiamenti climatici e il Protocollo sono "i documenti migliori per affrontare il problema”. Tuttavia, l’accordo di Kyoto non è stato accettato dagli Stati Uniti: questo lo rende quasi privo di significato, data la mole di emissioni inquinanti che vengono da quel Paese.
 
Washington ha una posizione critica anche sul prossimo incontro di dicembre e ha deciso di schierarsi con la Cina per trovare il compromesso migliore. Lo ha annunciato sempre ieri la Casa Bianca, secondo cui il presidente americano Obama e quello cinese Hu Jintao “hanno già discusso dell’argomento. Entrambe le parti si stanno impegnando per ridurre le emissioni, e hanno deciso di cooperare per raggiungere un accordo migliore a Copenhagen”.
 
Un accordo internazionale che riduca le emissioni di Co2 potrebbe mettere a serio rischio la crescita economica dei Paesi asiatici, ancora fortemente ancorati alla produzione di energia tramite carbone, ma creerebbe inoltre una crisi internazionale del petrolio. Infatti, Pechino e Delhi sono pronte a mettere in campo le loro riserve economiche per accaparrarsi la produzione di greggio, danneggiando così i Paesi occidentali.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/11/2009 CINA – STATI UNITI – ONU
Wen, Obama e le vaghe promesse di Copenhagen
04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
"Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
21/09/2006 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche
09/12/2009 CINA - TIBET
Ong tibetana a Copenhagen: La Cina usa l’emergenza clima per reprimerci
30/04/2012 CINA – STATI UNITI
L'imbarazzo di Pechino e Washington per il caso Chen Guangcheng

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate