26 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/10/2009
INDIA – CINA – STATI UNITI
India, Cina e Usa insieme per preparare Copenhagen
Delhi e Pechino hanno firmato ieri un accordo per presentare una posizione unica alla Conferenza sui cambiamenti climatici prevista per dicembre. E Barack Obama si schiera con Hu Jintao.

Delhi (AsiaNews/Agenzie) – India e Cina, due delle nazioni più inquinanti al mondo, hanno firmato un accordo che prevede la cooperazione dei loro governi nel campo del cambiamento climatico. I due giganti asiatici hanno deciso di cooperare sullo sviluppo tecnologico e sulla riduzione delle emissioni di gas inquinanti. Inoltre, Pechino e Delhi si sono impegnate a lavorare insieme nell’ambito dei negoziati sul clima che si terranno a dicembre a Copenhagen. Un accordo che prevede anche la partecipazione degli Usa.
 
Tutte e tre le nazioni sono infatti convinte che mettere un tetto alle emissioni inquinanti limiterà la crescita economica: sono le nazioni industrializzate, sostengono inoltre Cina e India, che si devono impegnare di più in questo ambito. Parlando nel corso della cerimonia per la firma dell’accordo, il ministro indiano per lo Sviluppo Jairam Ramesh ha sottolineato come “non esistono praticamente differenze fra le posizioni negoziali di India e Cina sui trattati climatici internazionali”. “Ci saranno altri colloqui con la controparte cinese, Xie Zhenhua – ha aggiunto – per vedere cosa possiamo fare insieme per assicurare un buon risultato a Copenhagen. Un risultato che non protegga soltanto l’ambiente, ma promuova gli interessi delle nazioni in via di sviluppo”.
 
Secondo diversi analisti, l’accordo firmato ieri – che resterà in vigore per i prossimi cinque anni - potrebbe dare ai due Paesi una posizione più incisiva. Ma questo non vuol dire che aiuterà la conferenza sul clima a trovare un successore per il Protocollo di Kyoto, che scade nel 2012. Secondo il testo, la Convenzione Onu sui cambiamenti climatici e il Protocollo sono "i documenti migliori per affrontare il problema”. Tuttavia, l’accordo di Kyoto non è stato accettato dagli Stati Uniti: questo lo rende quasi privo di significato, data la mole di emissioni inquinanti che vengono da quel Paese.
 
Washington ha una posizione critica anche sul prossimo incontro di dicembre e ha deciso di schierarsi con la Cina per trovare il compromesso migliore. Lo ha annunciato sempre ieri la Casa Bianca, secondo cui il presidente americano Obama e quello cinese Hu Jintao “hanno già discusso dell’argomento. Entrambe le parti si stanno impegnando per ridurre le emissioni, e hanno deciso di cooperare per raggiungere un accordo migliore a Copenhagen”.
 
Un accordo internazionale che riduca le emissioni di Co2 potrebbe mettere a serio rischio la crescita economica dei Paesi asiatici, ancora fortemente ancorati alla produzione di energia tramite carbone, ma creerebbe inoltre una crisi internazionale del petrolio. Infatti, Pechino e Delhi sono pronte a mettere in campo le loro riserve economiche per accaparrarsi la produzione di greggio, danneggiando così i Paesi occidentali.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
27/11/2009 CINA – STATI UNITI – ONU
Wen, Obama e le vaghe promesse di Copenhagen
04/06/2007 INDIA - STATI UNITI
"Importanti progressi" ma ancora un rinvio per l’accordo sul nucleare
09/12/2009 CINA - TIBET
Ong tibetana a Copenhagen: La Cina usa l’emergenza clima per reprimerci
21/09/2006 CINA - STATI UNITI
Pechino e Washington discuteranno insieme le politiche economiche
30/04/2012 CINA – STATI UNITI
L'imbarazzo di Pechino e Washington per il caso Chen Guangcheng

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate