19/12/2009, 00.00
ONU
Invia ad un amico

Copenhagen, accordo minimo sul clima per evitare il fallimento

La conferenza ha “preso nota” dell’intesa fra Stati Uniti, Cina, India, Brasile e Sud Africa. Un primo passo verso la piena operatività, da raggiungere entro il 2010. Segretario generale Onu: inizio fondamentale, ma va trasformato in “una legge internazionale”.

Copenhagen (AsiaNews/Agenzie) – La Conferenza Onu sul clima si conclude senza un vero e proprio accordo approvato da tutti i Paesi presenti. Dopo una lunga notte di dibattiti, l'assemblea ha solo "preso nota" dell’accordo politico sottoscritto da Stati Uniti, Cina, India, Brasile e Sud Africa.

Ma per il segretario generale Onu Ban Ki-moon tale accordo è però un “inizio fondamentale”, anche se “non è ciò che speravamo”. Non si tratta di un’approvazione formale e vincolante, ma un primo passo verso la piena operatività. Ban Ki-moon ha precisato che, dopo Copenhagen,  inizieranno subito i lavori “per rendere vincolante entro il 2010 l’accordo raggiunto”. La sua importanza, ha sottolineato, sarà riconosciuta quando “verrà codificato in una legge internazionale”.

L’accordo politico – un documento di tre pagine – si pone come obiettivo il contenimento “sotto i 2° C” del riscaldamento globale rispetto ai livelli dell’era pre-industriale, ma non chiarisce le modalità di attuazione. Esso dispone anche lo stanziamento di 100 miliardi di dollari all’anno fino al 2020 per i Pesi in via di sviluppo e quelli più a rischio per i cambiamenti climatici.

Il documento parla anche in modo generico di “controlli sull’attuazione” degli sforzi per ridurre le emissioni di carbone, suggerendo che ogni Paese ne faccia relazione all’Onu ogni due anni.

I Paesi a rischio volevano una riduzione del riscaldamento a 1,5° e un accordo legale vincolante.

Il rappresentante del Sudan aveva definito l’accordo voluto da Usa, Cina e altri “un suicidio per l’Africa”. Il rappresentante di Tuvalu lo ha invece definito una specie di tradimento in cui i Paesi ricchi offrono “30 denari” per distruggere “il nostro popolo e il nostro futuro”.

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Copenhagen, gli ultimi tentativi contro il flop
19/12/2009
Wen, Obama e le vaghe promesse di Copenhagen
27/11/2009
Modi al COP21: Ridurre le emissioni, ma l’India continuerà a usare il carbone
01/12/2015
Segretario Onu, “necessario” lavorare insieme agli Usa
18/01/2007
Per migliorare la salute del pianeta, bisogna garantire una migliore qualità di vita delle persone
20/06/2008