31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/03/2010, 00.00

    PAKISTAN

    Pasqua in Pakistan: la “fede incrollabile” più forte della paura

    Fareed Khan

    P. Nadeem John Shaker sottolinea la “profonda devozione” dei cristiani, disposti a correre “ogni rischio” pur di partecipare alle funzioni. Il sacerdote chiede ai fedeli di assumersi “in prima persona” il compito di garantire la sicurezza. E lancia un appello all’Occidente: pregate per noi e continuate a parlare delle persecuzioni.
    Islamabad (AsiaNews) – I cattolici pakistani vivono la Settimana Santa e le celebrazioni di Pasqua con “profonda devozione” e sono disposti a correre “ogni rischio” pur di partecipare alle funzioni. È quanto afferma ad AsiaNews p. Nadeem John Shakir, segretario esecutivo della Commissione per le comunicazioni sociali della Conferenza episcopale pakistana, che conferma tuttavia il “clima di paura” che serpeggia fra i fedeli.
     
    I cristiani potrebbero vivere una Pasqua “silenziosa”, come è già avvenuto lo scorso dicembre per il Natale. Le chiese hanno tenuto un “basso profilo”, senza luci o decorazioni esteriori nel timore di attacchi da parte di estremisti islamici. “Anche questo è un momento di silenzio – sottolinea p. Nadeem – negli ultimi giorni non si sono verificati incidenti o attacchi, ma i pericoli restano”.
     
    Il periodo di Quaresima è stato vissuto in un “clima di paura”, prosegue il sacerdote, perché “nessuno è al sicuro”. Tuttavia, “aspettiamo comunque un gran numero di persone” durante le funzioni della Settimana Santa, perché la nostra è una “fede incrollabile”. P. Nadeem conferma che “è necessario garantire la sicurezza” e non basta lo spiegamento di forze garantito dal governo; sono “gli stessi cristiani” che si devono “assumere le responsabilità in prima persona”.
     
    Il crescente fondamentalismo che si registra in Pakistan è una delle cause principali di discriminazioni e persecuzioni verso i non musulmani. A ciò si aggiunge una situazione di crisi generale attraversata dal Paese: attacchi bomba, mancanza di energia elettrica, aumento dei prezzi e disoccupazione contribuiscono a peggiorare il quadro, alimentando la lotta estremista contro il governo centrale. Le persone si sentono insicure perfino all’interno delle loro case.
     
    Pur fra pericoli e incertezze, p. Nadeem vuole comunque lanciare un messaggio di speranza ai cristiani che aspettano la Pasqua, ricorrenza che “anche le tv e i media si apprestano a seguire con trasmissioni in diretta”. “Siamo spaventati e preoccupati – commenta il sacerdote – ma non vogliamo farci vincere dalla paura”.
     
    Infine un appello ai cristiani dell’Occidente e agli organi di informazione: “Pregate per noi – conclude p. Nadeem – e continuate a parlare della nostra situazione. Il sostegno dei media e la loro voce è fondamentale per noi”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/03/2010 PAKISTAN
    Rawalpindi, sepolto il cristiano bruciato vivo. La polizia avrebbe appiccato il fuoco
    Fra imponenti misure di sicurezza, si sono svolti oggi i funerali di Arshed Masih. Il silenzio dei media pakistani e del governo sulla vicenda. Fonti di AsiaNews denunciano il tentativo di depistaggio e rivelano le ultime parole della vittima: “la polizia mi ha dato fuoco” seguendo le istruzioni del datore di lavoro musulmano. In passato la moglie più volte violentata dagli agenti.

    23/03/2010 PAKISTAN
    Punjab: morto il cristiano arso vivo, la comunità cristiana chiede giustizia
    Arshed Masih, 38enne cristiano pakistano, è deceduto ieri sera alle 7.45 per le gravissime ferite riportate. La famiglia chiede che venga eseguita l’autopsia prima dei funerali. Associazioni cristiane e attivisti per i diritti umani manifestano all’esterno dell’ospedale. Leader cattolico: il governo federale e provinciale non punisce i colpevoli.

    22/03/2010 PAKISTAN
    Cristiani pakistani rifiutano di convertirsi: marito bruciato vivo, moglie stuprata dalla polizia
    La coppia lavorava alle dipendenze di un ricco uomo d’affari musulmano a Rawalpindi. I tre figli – dai 7 ai 12 anni – costretti con la forza ad assistere alle violenze. L’uomo è ricoverato con ustioni sull’80% del corpo. I sanitari: “non sopravviverà”. Organizzazioni cristiane hanno indetto marce di protesta.

    10/08/2013 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani insieme per combattere le violazioni ai diritti umani
    Sventare attacchi contro le minoranze e difendere i gruppi più deboli gli obiettivi del futuro gruppo interconfessionale. E ancora, limitare gli abusi derivanti dalle leggi sulla blasfemia e dirimere controversie o abusi “prima che degenerino”. Un incontro pubblico a Faisalabad ha tracciato le linee guida per la nascita di una nuova Rete inter-confessionale.

    13/12/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®