29 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 28/12/2004, 00.00

    india

    Vescovi indiani: "La Chiesa si mette a servizio di tutti, a qualunque religione appartengano"



    La Chiesa indiana, prima a rispondere ai bisogni nelle aree colpite dallo tsunami. Messaggio di mons. Percival Fernandez, presidente della Caritas.

    Mumbai (AsiaNews) – Condoglianze per i defunti, ma anche sostegno e aiuto subito per chi è nel bisogno, a qualunque religione appartenga: è il Messaggio che la Conferenza dei vescovi indiani ha diramato per rispondere alla notizia "triste e sconvolgente" del terremoto e del seguente maremoto che h colpito le arre costiere in Orissa, Andhra Pradesh, Tamil Nadu, Kerala e le isole Andaman e Nicobar. La tragedia ha causato già oltre 24 mila morti. Solo in India vi sono stati  più di 6 mila morti, con centinaia di migliaia di senzatetto (cifre provvisorie).

    Il messaggio, firmato da mons. Percival Fernandez, segretario generale della Conferenza dei vescovi,  afferma che la Caritas India – l'organismo cattolico di cui egli è presidente  - "ha già intrapreso misure di aiuto in tutte le aree colpite dalla tragedia". Negli stati colpiti  tutte le strutture ecclesiali e molte chiese sono all'opera per creare rifugi per i senzatetto ed è cominciata la distribuzione di medicine, cibo, coperte ai bisognosi. Insieme alla Caritas, vi sono organizzazioni cattoliche locali e diocesane.

    "Tutte le organizzazioni e gli enti pubblici che stanno portando aiuto sono davvero benvenuti a collaborare con le chiese e le loro istituzioni per portare sollievo alla gente".

    Mons. Fernandez invita tutti "rimanere uniti nello spirito" per essere vicini a coloro che soffrono nella tragedia. Gli aiuti portati dalla Chiesa cattolica, egli precisa, sono per tutti, "a qualunque gruppo o religione si appartenga". (NC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/12/2004 india
    Timori di epidemie nel Tamil Nadu: cremazioni di massa per le salme

    Il vescovo di Nagapattnam: "Periti anche molti pellegrini in visita al santuario mariano di Valinkani". Un padre ha perduto moglie e due figli, ma non riesce a trovare ancora il cadavere della sua bambina di 3 anni.



    28/12/2004 SRI LANKA
    La distruzione ha unito le persone

    La basilica nazionale si trasforma in centro accoglienza; impegnati nei soccorsi cattolici, sacerdoti e monaci buddisti. Cifre governative parlano di oltre 18 mila morti.



    27/12/2004 india
    Parrocchie e conventi del Tamil Nadu accolgono i senzatetto del sisma

    Il vescovo di Pondicherry: "La mia diocesi è annichilita, ma abbiamo la missione di ricostruire. Occorrono cibo, acqua potabile e rifugi".



    30/12/2004 asia - tsunami
    Tsunami: vicini a 100.000 vittime; 5 milioni di sfollati


    27/12/2004 thailandia
    Dolore e sostegno non solo ai turisti e a Phuket

    P. Piergiacomo Urbani, missionario del PIME: "Vi sono migliaia di pescatori sulla costa; di questi poveretti nessuno dice niente". La Chiesa lancia una campagna di aiuti per loro.





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®