28 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/01/2005, 00.00

    INDONESIA

    Tsunami, 5 anni e oltre 3 miliardi di dollari per ricostruire l’Aceh

    Mathias Hariyadi

    Il 6 gennaio a Jakarta si terrà un summit internazionale sullo tsunami: "consolidare lo sforzo comune" e "programmare la ricostruzione" i temi principali dell'incontro.

    Jakarta (AsiaNews) – L'opera di ricostruzione dell'Aceh e delle zone circostanti durerà almeno 5 anni e saranno necessari 7,5 quintilioni di rupie (circa 3,3 miliardi di dollari). Lo ha affermato il vice-premier Jusuf Kalla, dopo aver incontrato il ministro indonesiano dell'economia Aburizal "Ical" Barie.

    Secondo Mariani Reksoprojo, portavoce del ministro della sanità, il numero delle vittime nel Paese potrebbe toccare quota 110 mila (ieri la cifra ufficiale era 80 mila), ma il ministero non fornirà nuove stime, finché non sarà possibile stilare un bilancio definitivo.

    Intanto nella regione dell'Aceh è cominciata l'opera di ricostruzione grazie agli aiuti provenienti dall'estero: cibo, vestiti, acqua potabile e trasporti pubblici sono le maggiori urgenze; secondo il vice-premier Kalla è "fondamentale far ripartire la burocrazia".

    Durante un incontro con i giornalisti, il ministro indonesiano degli esteri Hassan Wirajuda ha annunciato che il 6 gennaio prossimo a Jakarta si terrà un summit internazionale sullo tsunami. Il vertice servirà a "consolidare lo sforzo comune nell'opera di assistenza e di aiuto" per i paesi colpiti e "per programmare la ricostruzione" delle zone devastate dal maremoto. Al summit dovrebbero partecipare i 10 paesi membri dell'Asean (Brunei, Cambogia, Laos, Indonesia, Malaysia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia, Vietnam), la Cina, il Giappone, la Corea del Sud, l'India, lo Sri Lanka, l'Australia, la Nuova Zelanda e gli stati Uniti; sono stati invitati pure i rappresentanti delle Nazioni Unite, della World Bank, dell'Organizzazione mondiale della sanità e dell'Unione Europea.

    Nel discorso alla nazione di inizio anno, il presidente indonesiano Susilo Bambang Yudhoyono (SBY) ha proclamato il 2005 "anno della solidarietà e della compassione"; egli invita i cittadini a mandare aiuti nelle zone colpite dallo tsunami e a non abbandonare la popolazione dell'Aceh e del Nord Sumatra in un momento di "disperazione e sofferenza", perché essi sono "nostri fratelli".

    Il presidente ha aggiunto che ricostruire le zone disastrate "sarà una priorità". Questa mattina, insieme ad alcuni ministri del suo gabinetto, si è recato nel Aceh, mentre nel pomeriggio andrà a Meulaboh, "città fantasma" della costa distrutta all'80%.

    Nel Banda Aceh ritornano i primi segni di normalità: sono state ripristinate la corrente e le linee telefoniche e il tradizionale mercato di Lambaro è affollato di gente. Le scorte di petrolio fornite dalla compagnia statale Pertamina garantiscono la ripresa del trasporto pubblico, ma un terremoto registrato alle 11.30 del mattino (ora locale) ha scatenato il panico, con migliaia di persone che correvano per mettersi al riparo in zone più elevate (e ritenute sicure) della città.

    Ieri il presidente indonesiano aveva ufficializzato l'apertura dello spazio aereo agli aiuti internazionali, mentre da oggi Singapore metterà a disposizione le proprie basi aeree e navali ai Paesi che invieranno aiuti all'Indonesia. Navi della marina americana e australiana si dirigono nelle zone colpite dal maremoto, per aiutare soccorritori e volontari nell'opera di ricostruzione.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/12/2004 INDONESIA
    Indonesia, aperto lo spazio aereo agli aiuti dall'estero

    Cresce ancora il numero dei morti: oltre 79 mila nell'Aceh e nel Nord Sumatra. I mezzi militari e civili stranieri potranno entrare nel Paese senza il visto, per facilitare l'arrivo di aiuti nelle zone colpite dallo tsunami.



    01/01/2005 THAILANDIA
    Chiese thailandesi, rifugio per i sopravvissuti dello tsunami


    05/01/2005 INDONESIA
    Indonesia, 73 mila abitanti di Simeuleu rischiano la fame

    Sull'isola mancano cibo, acqua potabile e medicinali. Intanto a Banda Aceh si costruiscono alloggi di fortuna con le macerie degli edifici distrutti dallo tsunami.



    14/09/2007 ASIA
    Nuovo allarme tsunami in Indonesia, il sistema di allerta funziona bene
    Stamattina nuova scossa a Sumatra. Dopo i forti terremoti di questi giorni nella regione, esperti Onu notano che il sistema di allerta creato dopo lo tsunami 2004 funziona bene: veloce la comunicazione del pericolo sia tra i Paesi interessati che alle varie popolazioni locali.

    31/12/2004 thailandia
    Dopo lo tsunami: nella preghiera la gente si chiede "perchè?"

    Ieri sera messe di suffragio in tutte le chiese cattoliche della Thailandia. Ricordata la solidarietà del papa; il card. Kitbunchu esorta i governanti alla "saggezza".





    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®