03 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 01/01/2005, 00.00

    VATICANO - ASIA

    Papa: La benedizione di Dio sul nuovo anno segnato dalla tragedia



    Giovanni Paolo II rinnova la sua vicinanza alle vittime dello tsunami.

    Città del Vaticano (AsiaNews) –  Gli auguri per il nuovo anno prendono forza dalla nascita del Messia "che è la benedizione di Dio per ogni uomo e per il mondo intero": all'Angelus di oggi il Papa ha detto che la pace e la vittoria sul male e sulle tragedie si fondano su Cristo, "la nostra pace". Egli si dice vicino "alle popolazioni colpite dal tragico cataclisma" e assicura "la preghiera per le vittime". Giovanni Paolo II ha anche elogiato la "gara di solidarietà" che coinvolge la comunità internazionale verso i popoli dell'Asia flagellati dallo tsunami. Questa solidarietà, secondo il pontefice, insieme "all'aiuto di Dio", fondano "la speranza di giorni migliori" per il 2005 che inizia oggi sotto l'auspicio di Maria, madre di Dio. Alla Madonna il papa chiede di aiutare "tutti gli uomini a costruire la pace" che sola può garantire "giustizia e solidarietà fraterna" nel mondo.

    Una folla enorme di persone ha gremito piazza san Pietro e parte di via della Conciliazione per assistere all'Angelus del papa. Tra i presenti, i membri della Comunità di Sant'Egidio che hanno concluso davanti a Giovani Paolo II la loro annuale marcia per la pace.

    Ecco le parole pronunciate dal Papa prima dell'Angelus:

     

    "Iniziamo l'anno nuovo celebrando la festa di Maria, Madre di Dio, Theotokos.

    La Vergine Santa offre al mondo il Messia che è la benedizione di Dio per ogni uomo e per il mondo intero. Su questa benedizione si fondano gli auguri che ci scambiamo quest'oggi: auguri di bene, perché in Cristo Dio ci ha colmato di ogni bene; auguri di pace, perché "Egli è la nostra pace" (Ef 2,14).

    In questo contesto liturgico si colloca l'odierna Giornata Mondiale della Pace, che quest'anno ha per tema l'esortazione dell'apostolo Paolo: "Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male" (Rm 12,21).

    "Il male passa attraverso la libertà umana" (ivi, 2) e viene sconfitto quando questa, sotto la spinta della grazia, si orienta fermamente al bene, cioè, in definitiva, a Dio.

    Maria, Regina della pace, ci aiuti tutti a costruire insieme questo fondamentale bene della convivenza umana. Solo così il mondo potrà progredire sulle vie della giustizia e della fraterna solidarietà"

     

    Dopo la preghiera, il Papa ha aggiunto:

    "Ancora una volta esprimo la mia vicinanza alle popolazioni colpite dal tragico cataclisma dei giorni scorsi. Nell'assicurare la mia preghiera per le vittime della catastrofe e per i loro familiari, prendo atto con favore della gara di solidarietà che si sta sviluppando in ogni parte del mondo. Su questo senso di umana solidarietà, oltre che sull'aiuto di Dio, si fonda la speranza di giorni migliori nel corso dell'anno che oggi si apre.

    Saluto i giovani dell'Opera Don Orione, le famiglie del Movimento dell'Amore Familiare e gli amici della "Fraterna Domus", come pure i numerosi partecipanti alla marcia per la pace organizzata dalla Comunità di Sant'Egidio.

    Buon anno a tutti!".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/01/2005 vaticano - asia - giornata mondiale della pace
    Papa: Promuovere la pace con le armi dell'amore

    Un saluto speciale per gli ambasciatori dei paesi colpiti dallo tsunami in Asia.



    01/01/2006 vaticano - giornata della pace 2006
    Papa: Maria benedice il mondo mostrando il Figlio, principe della Pace

    Al primo Angelus del nuovo anno, Benedetto XVI augura "pace e fraternità fra i popoli", invitando tutti a scoprire la verità di Cristo, "contenuto e metodo" della pace, che è Amore, dialogo, perdono, solidarietà.



    16/12/2004 VATICANO – GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 2005
    "Non lasciarti vincere dal male, ma vinci con il bene il male"

    Commento al Messaggio di Giovanni Paolo II per la Giornata Mondiale della Pace 2005.



    01/01/2014 VATICANO
    Papa: Senza magie e fatalismi, l'augurio cristiano della pace, con Maria Madre di Dio
    All'Angelus, papa Francesco ricorda il tema della 47ma Giornata mondiale per la pace e sottolinea che "siamo tutti figli dell'unico Padre celeste, facciamo parte della stessa famiglia umana e condividiamo un comune destino". "Cosa succede nel cuore dell'uomo? Nel cuore dell'umanità? E' ora di fermarsi!". Costruire la pace "a cominciare dalla propria casa". I ringraziamenti a Caritas, Pax Christi, Comunità di S.Egidio, Movimento dell'amore familiare, Sternsinger, Fraterna Domus. Gli auguri al presidente e al popolo dell'Italia.

    01/01/2007 VATICANO - PACE 2007
    Papa: La luce di Cristo, Principe della Pace, lungo l’intero 2007
    Benedetto XVI augura a tutti di scoprire la forza di Cristo, che ha abbattuto “i muri” e “l’inimicizia”. E rinnova alla comunità internazionale l’invito a lavorare per la pace difendendo i diritti dell’uomo alla vita e alla libertà religiosa.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®