27 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 04/01/2005, 00.00

    INDIA

    Fondamentalisti indù: "encomiabile" il lavoro dei missionari cristiani

    Nirmala Carvalho

    Nel Tamil Nadu, prete cattolico ospita in chiesa 300 indù vittime dello tsunami.

    New Delhi (AsiaNews) – Fondamentalisti indù hanno lodato ieri il lavoro svolto dai missionari cristiani nelle operazioni di soccorso alle vittime dello tsunami in India. Il Rashtriya Swayamsevak Sangh (RSS), braccio armato del Bharatiya Janata Party (BJP), partito nazionalista indù ostile alle minoranze religiose, ha definito "encomiabile" l'impegno delle organizzazioni cristiane nel sud del paese colpito il 26 dicembre dallo tsunami. L'organo di stampa dell'RSS, l' Organiser, ha scritto ieri che "l'RSS e i suoi affiliati, come il Sewa Barati e il Vivekananda Kendra, non sono le sole organizzazioni impegnate nei soccorsi; si sono mobilitate anche organizzazioni missionarie cristiane e musulmane, che svolgono un encomiabile servizio umano".

    La Conferenza episcopale dell'India (CBCI), è stata una delle prime a soccorrere le vittime dello tsunami, che solo in questo paese ha ucciso oltre 15 mila persone. Il segretario della CBCI mons. Percival Fernandez ha detto che "la Chiesa è al servizio di tutti al di là dell'appartenenza religiosa". Il vescovo ha detto che "tutte le organizzazioni sono invitate a collaborare con la Chiesa e le sue istituzioni per raccogliere aiuti e distribuirli alla gente".

    Mons. S. Michael Augustine, arcivescovo di Pondicherry-Cuddalore (nello Stato indiano del Tamil Nadu, India sudorientale), ha confermato ad AsiaNews la "straordinaria" solidarietà interreligiosa tra indù, cristiani e musulmani, che convivono nei campi d'accoglienza "senza alcuna discriminazione". "Questo momento di crisi ha unito le persone nella sofferenza – ha concluso il vescovo – i nostri volontari non fanno differenza tra la gente bisognosa"

    Padre Anthony Sampathkumar, sacerdote cattolico, sta ospitando 300 indù nella sua chiesa a Puthukuppam, un villaggio a 20 km dall'ex colonia francese di Pondicherry. Il prete ha detto che "c'è una cieca fiducia reciproca tra la gente, che si unisce nel dolore". "Qui – racconta p. Anthony – ogni persona ha perso 2 o più familiari tra le onde e l'intero villaggio dei pescatori è distrutto".

    Intanto il lavoro dei soccorritori nella zona di Pondicherry è reso difficile dai continui falsi allarmi su un nuovo maremoto. Parlando ad AsiaNews alcuni operatori degli aiuti hanno detto che queste voci alimentano il "panico" e l'"insicurezza" tra la gente ancora scioccata dalla catastrofe.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/01/2005 INDIA
    Tsunami, l'India tra emergenza e cammino verso la normalità

    Suor Benigne Menezes: cristiani, musulmani e indù collaborano per ricostruire la vita del Paese. Nell'Andhra Pradesh la situazione migliora, ma il Tamil Nadu è ancora in piena emergenza e per molti il Nirmala Hospital è ancora l'unico rifugio.



    28/12/2004 SRI LANKA
    La distruzione ha unito le persone

    La basilica nazionale si trasforma in centro accoglienza; impegnati nei soccorsi cattolici, sacerdoti e monaci buddisti. Cifre governative parlano di oltre 18 mila morti.



    29/12/2004 INDONESIA
    Java e Bali temono un altro tsunami
    Da Meulaboth (ovest Sumatra) arriva un Sms: solo il 20%  della città è ancora "viva".

    05/01/2005 INDIA
    Tamil Nadu, la fede è la speranza in questa tragedia
    Presidente dell'All India Catholic Union: "Nel dolore molte persone riscoprono la fede". Occorre ricostruire la vita: le barche ai pescatori, il turismo estero e interregionale.

    29/12/2004 INDIA
    Sacerdote del Tamil Nadu: "Nessuna idea sul numero dei morti"

    Si scava ancora per cercare i corpi dei pellegrini al santuario mariano uccisi dallo tsunami.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®