28 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 17/10/2011, 00.00

    FILIPPINE - ITALIA

    Sgomento fra i familiari di p. Fausto Tentorio, ucciso nelle Filippine



    Il missionario era tornato in Italia un anno e mezzo fa, assicurando che a Kidapawan non c’erano problemi. La vita di p. Fausto raccontata da suo nipote: povertà, amicizia con i tribali, impegno per fermare le compagnie minerarie. Questa sera alle 20.30 messa a S. Maria di Rovagnate.
    Roma (AsiaNews) – Sgomento e sorpresa hanno colto i familiari di p. Fausto Tentorio alla notizia della morte del missionario del Pime, ucciso stamane ad Arakan Valley, nella diocesi di Kidapawan. La famiglia di p. Fausto vive a S. Maria di Rovagnate, in provincia di Lecco.

    Felice, il fratello, di due anni più grande di p. Fausto, racconta ad AsiaNews: “Siamo sgomenti e sorpresi. L’ultima volta che mio fratello è venuto in Italia, un anno e mezzo fa, ci ha detto che la situazione a Kidapawan non era tesa per nulla, che non c’era nulla da temere. E ora questa notizia… Noi gli consigliavamo sempre di essere prudente, di stare attento….”.

    P. Tentorio da oltre 32 anni in missione per il Pime (Pontificio Istituto Missioni Estere) nelle Filippine, nel 2003 era scampato per un soffio a un’esecuzione, mentre si trovava in una delle sue visite ai tribali dell’Arakan Valley, a Kitaotao.

    Da allora la situazione si era calmata e non vi erano particolari segnali di tensione.

    Suo nipote Simone, 27 anni, impiegato di banca, era andato a trovare lo zio nelle Filippine lo scorso gennaio. “Era molto tranquillo e sereno, anche se era prudente. Quando passavamo in zone che lui non conosceva, chiudeva i finestrini dell’auto e sigillava la macchina. Ma non sembrava ci fossero problemi. Mi ha addirittura accompagnato a visitare il luogo e la casa dove nel 2003 era sfuggito all’esecuzione”.

    Simone è ancora impressionato dalla semplicità e povertà in cui suo zio viveva. “Era una persona che in tutto voleva vivere come i suoi indigeni. E per questo era molto amato”.

    Finora non è chiaro alcun movente nell’uccisione del missionario. P. Giovanni Vettoretto, che viveva con p. Fausto, pensa che il suo confratello possa essere vittima di qualche vendetta. Nella diocesi di Kidapawan, p. Tentorio era capo dell’Apostolato filippino per i tribali. È possibile che fra i moventi vi sia proprio il suo impegno in difesa degli indigeni e contro le compagnie minerarie che stanno occupando le terre dei tribali.

    I familiari di p. Fausto hanno ricevuto la notizia della sua morte direttamente dalle Filippine. Stamattina presto hanno ricevuto la visita dei superiori del Pime di Milano. Questa sera, nella parrocchia del paese, alle 20.30 ci sarà una messa di suffragio per p. Fausto Tentorio.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/01/2012 FILIPPINE
    Un politico e il capo della polizia dell’Arakan fra i possibili mandanti dell’omicidio Tentorio
    Fonti di AsiaNews commentano la confessione del presunto assassino del sacerdote apparsa nei giorni scorsi sull’agenzia di stampa MindaNews. William Buenaflor, ex candidato sindaco dell’Arakan aveva grandi interessi nella zona e considerava il missionario un ostacolo alla sua elezione. A tre mesi dalla morte de sacerdote le indagini sono ferme e mancano prove concrete per arrestare gli accusati.

    17/10/2011 FILIPPINE
    Ucciso missionario del Pime a Kidapawan
    P. Fausto Tentorio è stato assassinato davanti alla parrocchia di Arakan. Da oltre 32 anni nelle Filippine, il missionario lavorava a stretto contatto con gli indigeni, minacciati dalla crescente industria mineraria. P. Tentorio è il terzo missionario del Pime ad essere ucciso a Mindanao.

    03/04/2012 FILIPPINE
    Indigeni manobo preparano la Pasqua ricordando il sacrificio di p. Tentorio
    P. Vettoretto (Pime) sottolinea il messaggio di speranza lasciato dal missionario ucciso nell'ottobre 2011. I tribali animeranno le celebrazioni della Settimana Santa con preghiere e canti in lingua tradizionale. Ancora ferme le indagini sulla morte del sacerdote.

    03/01/2012 FILIPPINE
    Il fratello dell’assassino di p. Tentorio è ancora a piede libero
    Robert Ato sartebbe sotto la protezione di un politico locale dell’Arakan Valley (Mindanao). Il fratello Jimmy, presunto omicida è in carcere, ma non ha ancora confessato. Per il superiore regionale del Pime nessun missionario locale conosce i due sospettati.

    29/12/2011 FILIPPINE
    Arrestato il presunto assassino di padre Fausto Tentorio
    Il ministro della Giustizia Leila de Lima ha dichiarato oggi che il responsabile dell’uccisione del sacerdote a Mindanao, un uomo di Arakan, Jimmy Ato, e suo fratello, Robert sono stati arrestati dopo un conflitto a fuoco.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®