25 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/01/2005, 00.00

    asia

    Tsunami in Asia: il bilancio accertato delle vittime supera 168 mila



    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – É di almeno 168.373 il bilancio aggiornato delle vittime  del terremoto e dello tsunami che ha devastato molte nazioni nell'Oceano Indiano: oggi il ministero indonesiano degli affari sociali ha accresciuto di 5 mila il numero dei morti.

    L'Indonesia rimane il paese più colpito dal sisma del 26 dicembre, con 115.229 morti registrate e 12.132 persone disperse.

    Il bilancio è cresciuto anche per la Thailandia con 5.321 morti; il ministero degli interni ha confermato pure che il numero dei dispersi è sceso a 3170. Secondo rappresentanti del ministero dei disastri, fra i morti, 1732 sono thai; 2173 sono stranieri; 1416 di nazionalità sconosciuta.

    Il governo dello Sri Lanka conferma che il numero ufficiale dei morti rimane a 30.920; il numero dei dispersi è di 6.034.

    Nella vicina India, il numero ufficiale dei morti rimane 10.672, mentre i dispersi sono 5.711. Si teme che essi siano ormai morti.

    In Myanmar il primo ministro Soe Win afferma che il numero delle vittime è di 59; l'Onu invece stima a 90 i morti per lo tsunami. Ma fonti non ufficiali affermano che il reale bilancio delle vittime è di alcune centinaia, a cui vanno aggiunti migliaia di feriti.

    Nelle Maldive il governo conferma che vi sono stati 82 morti e altri 26 sono ancora dispersi. In Malaysia, secondo dati della polizia, si sono avuti 68 morti, la maggior parte a Penang; in Bangladesh sono registrati due morti.

    L'onda anomala ha colpito anche le coste orientali dell'Africa: in Somalia sono stati dichiarati 298 morti per lo tsunami; in Tanzania 10; in Kenya uno.

    Secondo istituti geologici statunitensi, il terremoto prodottosi a ovest dell'isola di Sumatra aveva magnitudo 9.0 della scala Richter, il più potente terremoto degli ultimi 40 anni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2005 asia - terremoto
    Il sisma diffonde panico e morte, ma per ora niente tsunami


    30/12/2004 asia - tsunami
    Tsunami: vicini a 100.000 vittime; 5 milioni di sfollati


    11/01/2005 ASIA
    Funzionario Onu: fino a 200 mila i morti dello tsunami

    Misure Onu per evitare malversazioni nella gestione degli aiuti.



    14/09/2007 ASIA
    Nuovo allarme tsunami in Indonesia, il sistema di allerta funziona bene
    Stamattina nuova scossa a Sumatra. Dopo i forti terremoti di questi giorni nella regione, esperti Onu notano che il sistema di allerta creato dopo lo tsunami 2004 funziona bene: veloce la comunicazione del pericolo sia tra i Paesi interessati che alle varie popolazioni locali.

    21/01/2005 asia
    Tsunami, i morti aumentano, la ricostruzione tenta di partire




    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®