24 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/01/2005, 00.00

    Italia - Asia

    "Il sostegno a distanza, oltre lo tsunami: solidarietà come intreccio di vita e di culture"

    Gerolamo Fazzini

    Intervista al prof. Lorenzo Ornaghi, presidente dell'Agenzia per le Onlus, relatore al Forum SAD di Milano.

    Milano (AsiaNews) – "Per quanto possibile l'Agenzia per le Onlus collaborerà con il Forum SAD in vista di un'anagrafe completa del movimento del sostegno a distanza in Italia". È la promessa con cui il professor Lorenzo Ornaghi, presidente dell'Agenzia per le Onlus, ha concluso il suo intervento stamane al Forum SAD in corso al Pime di Milano, dove sono riuniti i rappresentanti di 64 organizzazioni delle 131 che operano in Italia in questo settore.

    Ornaghi ha detto che il sostegno a distanza "è certamente un bene da "esportare". Esso è un concreto strumento di solidarietà da affiancare – non in contrapposizione – alle politiche dello Stato nel campo degli aiuti allo sviluppo. Ornaghi ha inoltre auspicato che l'universo del volontariato, di cui a pieno titolo fa parte anche il sostegno a distanza, faccia un salto di qualità in termini di competenza interculturale e tecnica, per rispondere alle istanze sempre più esigenti della società nei confronti di quanti praticano la solidarietà in forma organizzata.

    Al termine del suo intervento Asia News ha interpellato il prof. Ornaghi.

    Professore, la tragedia dello tsunami ha colpito profondamente anche gli italiani che hanno risposto con grande entusiasmo alle numerose raccolte di fondi per le popolazioni asiatiche. Il sostegno a distanza – oggetto del Forum SAD di oggi – implica, però, un salto oltre la generosità effimera, dettata dall'emozione…

    Sì, il sostegno a distanza comporta una risposta in qualche misura anche «culturale». Si tratta, cioè, di farsi carico di un altro condividendone la situazione globale, non solo in termini di bisogni immediati. In questo calarsi nelle culture «altre» i missionari sono maestri: fanno un lavoro straordinario laddove operano.

    L'offerta pro-emergenza punta a rispondere in tempi stretti a necessità improrogabili. Il sostegno a distanza va oltre. Chiede, infatti, un rapporto che duri nel tempo. Che significa nel concreto?

    Vuol dire accettare di intrecciare storie e non solo lasciarsi coinvolgere per un momento. Se si va incontro soltanto ai problemi della singola persona, il rischio è di intavolare un rapporto diretto che potrebbe sconfinare nel paternalismo. La sfida sta, invece, nel prendersi cura dell'individuo in quanto parte di una comunità, non come destinatario passivo di un gesto che gratifica chi lo compie, ma come partner di una solidarietà che opera dentro un orizzonte ampio e maturo.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/01/2005 italia - asia
    Adozione a distanza: solidarietà oltre l'emergenza
    I donatori sono 1 milione; con 240 milioni di euro all'anno  sostengono 2 milioni e mezzo di persone nei paesi del sud del mondo.

    12/01/2005 ITALIA
    Adozioni a distanza: forum nazionale al PIME di Milano

    Almeno 70 organizzazioni si incontrano per valutare l'impegno delle adozioni, divenuto uno dei metodi più comuni di solidarietà con i bambini del terzo mondo.



    20/01/2005 ITALIA - ASIA
    Campagna PIME per lo tsunami: nuovi interventi nelle Andamane
    Promossi gemellaggi fra scuole italiane e quelle dei paesi del terremoto.

    08/01/2005 SRI LANKA
    Tsunami, sostegno psicologico per i bambini dello Sri Lanka

    La chiesa ha avviato un programma mirato ai più piccoli per aiutarli a superare la tragedia; nel paese, diviso da anni di guerra civile, si respira un clima di coesione e collaborazione.



    12/01/2005 ITALIA - ASIA
    Aggiornamento campagna maremoto – PIME




    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®