09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/01/2005, 00.00

    SRI LANKA

    Continuano le violenze per le donne anche dopo lo tsunami

    Danielle Vella

    Lo ha denunciato una coalizione di gruppi per i diritti delle donne. Girando all'interno del Paese hanno trovato ancora stupri e violenza.

    Colombo (AsiaNews) – Più di 60 gruppi per i diritti delle donne si sono uniti in una coalizione (Cataw) per assistere le donne colpite dallo tsunami nello Sri Lanka. La coalizione è preoccupata soprattutto delle minacce alla sicurezza fisica e psicologica delle donne e dei bambini sopravvissuti allo tsunami. Gli attivisti affermano che è vitale proteggere le donne e inserirle nei progetti di riabilitazione.

    Rappresentanti del Cataw hanno intrapreso una serie di viaggi per monitorare il modo in cui le donne sono trattate nelle zone colpite dallo tsunami. Le ricerche confermano il susseguirsi di stupri e di altri abusi sulle sopravvissute. Diversi media locali hanno già  riportato stupri e molestie sessuali nei giorni immediatamente successivi allo tsunami; le molestie non sono finite neanche quando le donne hanno trovato rifugio nei campi profughi.

    Il Cataw afferma: "C'è un senso di paura e di insicurezza che prevale in molti campi. Ci sono storie di tentate molestie e di coercizioni da parte di maschi adulti, compresi alcuni di coloro che lavorano nei campi stessi". Le donne sono anche sconvolte per l'eccessivo consumo di alcool nei campi, dato che questo accresce il rischio di abusi sessuali.

    I ricercatori dicono che, pur essendoci tutti questi pericoli e violazioni, le autorità dimostrano pochissima comprensione per i rischi che corrono le donne rifugiate. Non vi sono uffici che accettano reclami, né organismi impegnati a mettere fine alle violenze.

    Al momento solo pochi casi sono stati denunciati ufficialmente. Ma questo dipende soprattutto dalla vergogna e dal timore delle donne che temono di essere emarginate.

    Questa situazione di omertà sociale non è una sorpresa per la coalizione degli attivisti; erano "ben al corrente dei problemi associati alla denuncia di tali problemi anche in tempi migliori".

    Lo tsunami ha acuito la solitudine delle donne: "Anni di lavoro con i conflitti e tutti gli spostamenti all'interno del Paese ci hanno insegnato che dove crollano legge e ordine, dove le reti di sicurezza date dalla famiglia e dalla società spariscono, le donne diventano molto vulnerabili e si scatena una serie di violazioni dei loro diritti, incluse le violenze fisiche e psicologiche".

    Il Cataw ha invitato le autorità a dare protezione alle donne e a plasmare in questo senso anche gli aiuti e la riabilitazione. Esso insiste anche  sul fatto che le donne dovrebbero essere inserite all'interno degli organismi decisionali, iniziando dal formare commissioni di donne in tutti i campi di rifugiati.

    Le organizzazioni per le donne che fanno parte del Cataw sono da tempo impegnate per i diritti delle donne, la giustizia sociale, la democrazia e la pace in Sri Lanka. Nella coalizione sono rappresentate donne di tutte le etnie e religioni.   

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/05/2005 CINA
    Cina: nei "campi di lavoro" oltre 300 mila detenuti senza processo

    La denuncia viene da Amnesty International e dal Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sul lavoro forzato e la detenzione arbitraria.



    03/07/2010 SRI LANKA
    Sri Lanka per gli sfollati della guerra e dello tsunami nasce il Tribunale del popolo
    Il governo non aiuta le centinaia di migliaia di persone rimaste senza terra. Il network Prajaabhilasha fonda il Tribunale “per eliminare ogni barriera legale che impedisce di risolvere i problemi delle comunità colpite”.

    08/10/2005 INDIA
    India: legale il matrimonio fra bambini. Chiesa e Ong: "Un attentato contro le donne"

    Leader cattolici ed attivisti per i diritti delle donne insorgono contro la sentenza dell'Alta Corte, "retrograda, oltraggiosa e molto pericolosa". Arcivescovo di Delhi: "La situazione delle donne continua a peggiorare".



    27/05/2013 SRI LANKA
    Attivisti per diritti umani denunciano: crescono violenza e discriminazione verso le donne
    Un seminario organizzato dalla Women's Action for Social Justice mette in luce le difficoltà che ancora affronta il Paese e consegna una petizione con 10mila firme all'Onu perché intervenga per il rispetto di donne e lavoratori.

    12/05/2005 QATAR
    In Qatar un organo governativo denuncia: "molte violazioni dei diritti umani"




    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®