25 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 12/06/2012
SIRIA
Nunzio a Damasco: Per la Siria è la discesa agli inferi. Bambini come scudi umani
Mons. Mario Zenari, Nunzio in Siria, parla della devastazione umana causata dalla guerra. Il rischio è l'esplosione di un odio fra fazioni che durerà decenni. Leader cristiani, alawiti e sunniti di Homs insieme per il dialogo e la riconciliazione. Rapporto Onu accusa regime e ribelli di torture contro i bambini.

Damasco (AsiaNews) - "In Siria, è iniziata una lenta discesa agli inferi, alle distruzioni materiali si aggiunge la devastazione dei cuori causata da questo conflitto. Le case distrutte, le morti, i feriti si possono quantificare, ma la disintegrazione dell'animo è impossibile da misurare. Il rischio è l'esplosione di un odio latente fra le varie fazioni che potrebbe durare decenni, ma ho ancora fiducia in una pace futura". È quanto racconta ad AsiaNews mons. Mario Zenari,  Nunzio apostolico a Damasco.

Il prelato spiega che l'escalation di violenza riesplosa in questi mesi coinvolge tutti, compresi i bambini. Senza volerlo, essi sono divenuti una parte sostanziale del conflitto. Notizie di massacri, torture e violenze sono rilanciate dai media di tutto il mondo e rischiano una strumentalizzazione da entrambe le parti. Oggi l'Onu ha pubblicato un rapporto dal titolo "Bambini nei conflitti armati" che riporta le testimonianze di alcuni ragazzi di età inferiore ai 9 anni utilizzati come scudi umani dal regime di Bashar al-Assad. Il documento non risparmia critiche anche all'opposizione. I ribelli del Free Siryan Army avrebbero reclutato in questi mesi centinaia di combattenti bambini, fra i 9 e 15 anni.

 "La morte di giovani innocenti - afferma il vescovo - e il loro utilizzo come scudi umani o soldati è un crimine inaccettabile. La comunità internazionale e l'Onu devono fare di tutto per difendere queste vittime innocenti, sfruttate dal regime e dai ribelli". "Purtroppo - aggiunge - alla guerra sul campo di battaglia si affianca un conflitto mediatico dove non si sa più a chi credere".

Secondo mons. Zenari vi sono ancora segni di speranza che possono far ripartire dal basso un processo di dialogo e riconciliazione. Il 25 maggio scorso a Homs, una delle città più colpite dal conflitto e dall'odio fra fazioni, è nato la "Mussalaha" (riconciliazione), assemblea per il dialogo interreligioso organizzato da alcuni leader cristiani e promosso anche da sunniti e alawiti.

In questi giorni Mussalaha ha organizzato diversi incontri anche con la società civile e delegati provenienti da Damasco. Finora il gruppo ha concentrato il suo impegno sulla liberazione e il ritrovamento di persone scomparse o rapite, convincendo diverse famiglie e fazioni ad abbandonare le armi per giungere a un accordo pacifico.

"La situazione di guerra non aiuta - spiega il vescovo - ma la nostra speranza è poter allargare queste iniziative a tutte le città della Siria".  Mons. Zenari sottolinea che solo il dialogo può condurre a dei risultati reali. "La comunità internazionale, soprattutto i Paesi cristiani non devono isolare la Siria. Sostenere il muro contro muro fra regime e ribelli è dannoso e contro producente".  (S.C.)

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
28/05/2012 SIRIA
Nunzio apostolico: contro il massacro di innocenti, non basta la condanna dell'Onu
03/08/2012 SIRIA - ISLAM
Gregorio III Laham: Cristiani e musulmani pregano e digiunano insieme per la fine delle violenze
24/05/2013 SIRIA
Assad apre "forse" al dialogo. Ad Aleppo giovani cristiani offrono la loro vita per i poveri
28/05/2013 SIRIA - UE
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
29/01/2014 LIBANO
Patriarca maronita: Il Libano ha bisogno di un presidente

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.
ISLAM – M.ORIENTE
Al Baghdadi: L’islam è una religione della guerra. P. Samir: Un messaggio molto astuto
di Samir Khalil SamirIl “califfo” esorta tutti i musulmani a fare la loro “hijrah”, emigrazione, per passare da un islam di pace a uno di guerra, imitando Maometto e la sua Egira (nel 622). Il messaggio risveglia qualcosa di dormiente nel mondo islamico tradizionalista e salafita. L’islam è pace e guerra ed è tempo per i musulmani di riformare la loro visione della storia. Impossibile paragonare la guerra santa alle crociate.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate