01 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/06/2012, 00.00

    VATICANO - CINA

    Mons. Savio Hon: Ordinazioni episcopali senza mandato del papa, un segno del vuoto di ideali e della lotta nel Partito

    Bernardo Cervellera

    Il segretario vaticano di Propaganda Fide prega perché non avvenga una nuova ordinazione episcopale illecita a Harbin. Questo gesto "ferisce il papa", ma anche i cattolici cinesi, soprattutto i neo-battezzati. "Incoerenza" fra il liberalismo predicato dal governo e le azioni dell'Associazione patriottica, che vogliono creare "una nuova chiesa protestante", indipendente dal papa. Il Vangelo in Cina è "molto attuale" per superare il materialismo e il pragmatismo del potere e dei soldi.

    Città del Vaticano (AsiaNews) - La notizia di una nuova ordinazione episcopale senza mandato papale ad Harbin mostra "incoerenza" fra i proclami liberali del governo e le azioni dell'Associazione patriottica. Tale incoerenza è segno della lotta interna al Partito fra l'ala liberale e quella che vuole invece conservare tutto il potere come è avvenuto negli ultimi decenni. Così mons. Savio Hon Taifai legge la situazione in cui versa la Chiesa e la società cinese alla vigilia di un'ordinazione episcopale illecita nell'Heilongjiang, che né le comunità, né il candidato vorrebbero. Il segretario della Congregazione vaticana per l'evangelizzazione dei popoli prega perché questo gesto che "ferisce la Chiesa e il papa" non avvenga, e si unisce alle preghiere e ai digiuni degli stessi fedeli di Harbin. Egli spera che anche il candidato  rimanga fedele al papa, rifiutando l'ordinazione.

    Per mons. Hon, il Partito comunista cinese, svuotato di ideali sociali, è divenuto un coacervo di "gruppi di interessi" che lottano fra loro. Per questo è importante stabilire delle regole comuni per  il rispetto reciproco. Le religioni possono offrire alla società cinese valori superiori al semplice materialismo dei soldi e moralità nell'educazione. Ecco l'intervista completa rilasciata ad AsiaNews.

     

    Nei giorni scorsi AsiaNews ha pubblicato la notizia che ad Harbin (Heilongjiang) si sta preparando una ordinazione episcopale senza il mandato del papa. Il candidato sarebbe il 48enne p. Giuseppe Yue Fusheng. Ma a quanto pare questa ordinazione è voluta solo dal governo: né la Chiesa, né il candidato vogliono farla. Qual è la sua reazione?

    Per ora l'ordinazione episcopale è solo una possibilità. Ad ogni modo, nel caso avvenisse, vorrei dire che l'ordinazione episcopale illegittima è un fatto molto, molto grave. Esso ferisce tutta la Chiesa e soprattutto la Chiesa in Cina. Ferisce anche il Santo Padre perché questo gesto usurpa il potere apostolico del papa. Questo potere è concesso a Pietro e ai suoi successori dal Signore stesso. Per questo la nomina dei vescovi tocca il cuore della Chiesa. Non dovrebbe mai avvenire una cosa simile.

    La mia prima reazione è quella di pregare perché ciò non avvenga. Anzi, ho saputo che pure i fedeli di Harbin stanno pregando e perfino digiunando perché sia cancellata questa ordinazione senza il mandato pontificio. La nomina dei vescovi da parte del papa è una garanzia per l'unità della Chiesa.

    Venendo al candidato, il p. Yue, possiamo dire che a questa "carriera episcopale" egli  stato è appoggiato e spinto dal governo e da una parte della comunità ufficiale già da 10 anni. Ma penso che lui stesso non voglia diventare vescovo senza il mandato del Santo Padre: se avesse voluto, avrebbe potuto esserlo già da tempo. Io ho fiducia che questo fratello tenga presente la fedeltà alla Chiesa e al Signore. Nel ministero episcopale è indispensabile questa fedeltà. Prego per lui, che rimanga in questa decisione di fedeltà al papa, senza provocare confusione e divisione nella comunità.

     

     Negli ultimi due anni sono avvenute tre ordinazioni episcopali illecite a Chengde, Leshan e Shantou. Quali frutti o conseguenze provocano?

    Ci sono diversi problemi. Il primo è che queste ordinazioni creano confusione e divisione nel popolo cristiano cinese, fra gli ufficiali e i non ufficiali. Soprattutto fra i nuovi battezzati, vi sono quelli che non capiscono e restano interdetti. Purtroppo, questa confusione capita anche fra le comunità non ufficiali. Molti di loro hanno sempre dato una splendente testimonianza di fedeltà alla Chiesa. Ma alcuni hanno difficoltà a perdonare queste situazioni, forse per la fragilità umana o qualche altro motivo, e vanno all'altro estremo, non compatibile con i valori evangelici.

    Una ordinazione illegittima ferisce anche le speranze di dialogo fra governo cinese e Chiesa di Cina. E pure la Santa Sede rimane interdetta: la Cina di oggi, così moderna e tollerante in tanti aspetti, rimane invece indietro sullo sviluppo della Chiesa cattolica. Pechino non riesce a capire che la nomina dei vescovi è una prerogativa dei cattolici e non dello Stato. Se si deve dare libertà alla Chiesa in Cina, si deve dare libertà anche al papa di scegliere i candidati all'episcopato. Tutti questi gesti hanno oscurato la speranza di rapporti fra Santa Sede e Cina. Prima si vedeva forse qualche lumicino, ora si vede solo oscurità.

     

    La libertà religiosa e di scegliere i vescovi sarebbe un bene anche alla società cinese....

    Certo. Tutti ammirano lo sviluppo della Cina causato dalle riforme economiche: si dice che circa 300 milioni di cinesi sono riusciti a raggiungere un livello di vita decente, superando una fase di sottosviluppo. Ma tale sviluppo materiale, compiuto in poco tempo, ha creato anche molti problemi sociali. Il famoso detto di Deng Xiaoping, "Non importa che il gatto sia bianco o nero, basta che catturi i topi", crea problemi alla società perché sottintende che "il fine giustifica i mezzi". Ma questo criterio può essere spietato verso gli altri. Anche Confucio dice: "Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te". Ciò significa che non sempre il fine può essere giustificato dai mezzi! Invece, il pragmatismo del "gatto bianco o nero", porta all'inquinamento dell'ambiente e della morale. Per questo in Cina oggi è necessario un lungo processo di educazione per istillare il rispetto degli altri. Se non c'è una educazione per la persona, la famiglia, la società, va a finire che si parla solo di potere e di soldi.

     

    In questo la Chiesa  e le religioni potrebbero dare un contributo da dare alla società cinese.

    Certo. Le religioni in Cina hanno ancora un forte ruolo per guidare il grande cambiamento del Paese. E il vangelo è ancora molto attuale e urgente per la Cina.

     

    Con le ordinazioni illecite si assiste a uno strano mescolamento: vescovi in comunione col papa obbligati a partecipare ad ordinazioni illecite; ordinazioni volute dalla Santa Sede a cui partecipano - anche se non invitati - vescovi illeciti. Secondo alcuni osservatori questa pare essere una vera e propria azione politica per distruggere i criteri di ortodossia e di verità nella Chiesa, e allentare i legami col papa...

    L'Associazione patriottica ha un'agenda molto precisa su come avere più controllo sulla Chiesa. Questa mescolanza dei vescovi, per azzerare la differenza fra leciti e illeciti, obbedienti e scomunicati, fa parte di questa strategia. Ma mi domando: a che vale che l'Associazione patriottica continui in questo progetto di costruire una Chiesa "indipendente", una ennesima edizione del protestantesimo?

    Questa sembra non essere l'intenzione del governo che invece sottolinea sempre più spesso l'importanza di un maggiore liberalismo nella società. E quindi, se i cattolici scelgono i vescovi attraverso il papa, bisogna lasciare lo spazio ai cattolici di vivere da cattolici.

     

    Vuol dire che c'è incoerenza fra i proclami liberali del governo e le azioni dell'Associazione patriottica?

    Sì. Tale incoerenza è un segno della lotta di potere che si sta consumando all'interno del Partito. Ormai il Partito non è più sostenuto da un'ideologia e da un progetto sociale; il socialismo o il marxismo non esistono più. Qual è dunque lo scopo del controllo sulla Chiesa? Il potere: chi ha esercitato finora il potere lo vuole conservare. Il Partito è ormai costituito da gruppi di interessi che lottano per il proprio tornaconto e si combattono fra di loro.

    Onestamente non so fino a quando potranno mantenere un sistema di questo tipo. Se si parla di interessi o gruppi di interessi, prima o poi, dovrebbero mettere delle regole per farli coesistere in maniera pacifica, rispettosi gli uni degli altri.

    Il cosiddetto partito dei "principini"  (Taizitang, "Crown-prince's Party") è basato su questa difesa a oltranza del potere dei figli dei grandi del Partito. Ma occorrono delle regole. Tanto più che ormai gli ordini del governo centrale non arrivano più alla periferia. Non siamo più ai tempi di Mao Zedong. Ora Pechino può dire una cosa e in qualche provincia si fa tutt'altro. Per questo occorre condividere le responsabilità e i poteri, stabilendo qualche regola e qualche valore.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2011 CINA - VATICANO
    Timori e tensioni in Cina per una nuova ordinazione episcopale senza il mandato del papa
    Il candidato è p. Joseph Huang Bingzhang, ambizioso e legato al mondo politico. La Santa Sede gli ha espresso più volte la sua contrarietà. L’Associazione patriottica programma altre ordinazioni episcopali illecite.

    12/07/2011 CINA - ITALIA
    Europa, una “schiena diritta” per criticare la Cina che rapisce i vescovi
    L’on. Alfredo Mantovano chiede all’Unione europea di alzare la voce sulla libertà religiosa in Cina. Senza rispetto dei diritti umani, non si riesce a far rispettare nemmeno le regole del mercato. Troppa tolleranza verso la Cina e le sue violazioni non porta nulla nemmeno all’economia, né apertura dei mercati, né rispetto per i brevetti.

    11/07/2011 CINA - VATICANO
    Vescovi del Guangdong rapiti dalla polizia per obbligarli all’ordinazione illecita di Shantou
    Tre vescovi sono stati portati via ieri; quello di Guangzhou è scomparso da giorni. A Shenyang mons. Pei Junmin, designato per essere il presidente della celebrazione, viene difeso dai suoi sacerdoti e fedeli con un sit-in non stop nella cattedrale. Per l’Ap il Vaticano “divide la Chiesa in Cina e crea sempre più dispute”.

    12/07/2011 VATICANO - CINA
    Propaganda Fide e la scomunica di p. Lei Shiyin
    La Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli spiega cause ed effetti della scomunica di p. Lei Shiyin, ordinato senza il mandato del papa lo scorso 29 giugno. Egli non può celebrare riti cattolici e non può governare la diocesi. La possibile cancellazione della scomunica e il perdono della Santa Sede non lo rendono automaticamente vescovo. I vescovi che hanno partecipato all’ordinazione sono ritenuti scomunicati a meno che non provino in modo evidente di essere stati costretti o forzati al gesto. Un appello alla preghiera per i vescovi alla vigilia di un’altra ordinazione episcopale illecita a Shantou.

    08/07/2011 CINA - VATICANO
    Liaoning: sacerdoti a difesa del vescovo per non farlo andare a un’ordinazione illecita
    Mons. Pei Junmin ha ricevuto l’ingiunzione di partecipare all’ordinazione episcopale a Shantou il prossimo 14 luglio. Il candidato non ha alcun mandato papale. I suoi sacerdoti lo difendono dalla deportazione a forza.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®