27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/06/2012, 00.00

    TUNISIA - ISLAM

    Marzouki ad Oasis: Cristiani, musulmani, ebrei, atei sono tutti fratelli in Tunisia

    Bernardo Cervellera

    Il presidente tunisino riafferma che alla base della rivoluzione dei gelsomini nel suo Paese vi è la libertà di coscienza, ossia la possibilità di cambiare religione, o di non averne affatto. La difficile transizione in Egitto, Libia, Siria, penisola araba, Marocco. In questi ultimi è bloccata ogni conversione o battesimo per timore delle conseguenze. Ma la rivoluzione araba ha cambiato la mentalità della gente, con maggior valore dato all'individuo e non alla "umma". L'occidente non ha capito i rivolgimenti in atto.

    Tunisi (AsiaNews) - Il "destino" della rivoluzione araba tunisina è di accogliere "musulmani, cristiani, ebrei e atei" come "fratelli", tutti con diritto di piena cittadinanza nel Paese. È la promessa che il presidente tunisino, Moncef Marzouki ha fatto al raduno del Comitato scientifico di Oasis (v. foto) in corso in questi giorni nella capitale. Marzouki, con un passato di prigioniero e di esule a causa del suo attivismo per i diritti umani, è ritornato dalla Francia al tempo della rivoluzione dei gelsomini e lo scorso dicembre è stato eletto a larghissima maggioranza presidente del Paese. Avendo saputo dell'incontro di Oasis ha voluto venire in visita e incontrare i rappresentanti del Comitato, rassicurandoli che la rivoluzione araba non ha come scopo il fanatismo islamico, ma la democrazia e il tentare di integrare diritti religiosi delle comunità coi diritti dell'individuo, salvaguardando "la libertà di coscienza", ossia la possibilità per ognuno di cambiare religione, di appartenere a una fede religiosa o di non appartenervi affatto.

     Verso la libertà di coscienza

     Quanto detto dal presidente tunisino mette in crisi un'opinione (pessimista) molto diffusa in occidente secondo cui la rivoluzione araba sta scivolando in modo inevitabile nella piena islamizzazione del Nord Africa e del Medio oriente. Marzouki ha criticato questo stereotipo (in parte islamofobo, in parte neo-colonialista) che domina nei media occidentali. È pur vero che nei mesi scorsi egli stesso ha difeso una condanna per "offesa al sacro" contro alcuni che hanno diffuso online immagini ritenute offensive verso Maometto. Ma si è anche distaccato criticando una condanna per "blasfemia" contro gli autori e gli attori (le voci) del film di animazione "Persepolis", che riporta alcune sequenze in cui Dio viene raffigurato come attore fra gli altri. Per Marzouki questi tentennamenti sono il cammino obbligato verso "l'equilibrio". Da questo punto di vista il sentiero che la Tunisia sta percorrendo non è diverso da quello degli altri Paesi del mondo, dove vi sono spesso conflitti sullo spazio da dare la sacro nella società. Egli ha citato le discussioni che avvengono negli Usa a proposito dell'articolo 1 della costituzione (dove si parla di Dio creatore, che alcuni vorrebbero cancellare); la lotta sull'aborto e sull'omosessualità; le dimostrazioni di cattolici francesi contro uno spettacolo offensivo; le tensioni in Italia sull'esposizione del crocifisso nei luoghi pubblici.

    Fra gli applausi dei presenti, egli ha ribadito che la base per il suo Paese deve essere la libertà di coscienza e che l'appartenenza religiosa non deve interessare lo Stato.

     I problemi sociali di Egitto e Libia

     Negli altri Paesi infiammati dalla rivoluzione araba, vi sono segnali ancora più contraddittori. Primo fra tutti in Egitto, dove è evidente una maggioranza politica costituita da Fratelli musulmani e salafiti, che lotta contro il potere militare ed economico dell'esercito. I diversi testimoni che hanno parlato al convegno - fra i quali p. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana e p. Jean-Jaques Perennes, domenicano - hanno mostrato che molte delle promesse emerse in piazza Tahrir (piena cittadinanza per cristiani e musulmani; libertà per edificare i luoghi di culto; eliminazione delle discriminazioni) non si sono ancora realizzate. P. Samir Khalil ha fatto notare che in Egitto la gente ha dato un voto islamico soprattutto perché la popolazione (analfabeta al 40%) non ha altri criteri di decisione che la propria appartenenza religiosa. I relatori hanno comunque mostrato che fra gli egiziani vi è ormai insofferenza per le discussioni "religiose" (su proibito e lecito; su aspetti anti-cristiani o contro la morale) e la maggioranza vorrebbe vedere i politici, anche i musulmani, impegnati a risolvere problemi della disoccupazione, della casa, dei trasporti pubblici, del sistema educativo.

    A differenza della Tunisia, la rivoluzione in Egitto non ha fatto molti passi e si trova in una situazione di stallo, essendo dominata dalla lotta di potere fra l'esercito e i Fratelli musulmani.

    Lo stesso si può dire per la Libia che, dopo Gheddafi, si trova ancora in un discreto caos. Le promesse di libertà da parte del Consiglio nazionale di transizione non sono ancora riuscite a garantire piena sicurezza alla popolazione e tranquillità alle comunità cristiane, costituite da gruppi di lavoratori stranieri, spesso sfruttati e senza garanzie sindacali.

     La penisola arabica e il Marocco

     La situazione più dolorosa è quella della penisola arabica dove la rivoluzione è stata arrestata con la violenza o con la distribuzione di denaro alla popolazione (Arabia saudita) e con il controllo "discreto, ma efficace" dei servizi segreti che bloccano sul nascere ogni dimostrazione (Emirati). La situazione dei cristiani - tutti stranieri provenienti da India, Filippine, Sri Lanka, Indonesia,... - è nota: in Arabia saudita essi non hanno diritto nemmeno alla libertà di culto. Negli Emirati hanno possibilità di celebrare la messa, ma è proibita qualunque espressione in pubblico della fede cristiana. Per timore di vedersi strappare anche questo brandello di diritto, le comunità non osano nemmeno battezzare chi, fra i musulmani, chiede con insistenza di appartenere alla Chiesa cattolica.

    Una situazione simile avviene in Marocco, dove la rivoluzione araba è stata bloccata dal tentativo di riforme assunto dal re Mohammed VI. La nuova costituzione garantisce ai cristiani libertà di culto, ma nulla di più tanto che anche qui è impensabile battezzare  qualche musulmano che voglia farsi cristiano. In compenso, nelle parole del vescovo di Rabat, mons. Vincent Landel, i cattolici cercano di essere vicini ad ogni slancio dei giovani, delle donne, degli uomini che nella società cercano "pace, giustizia riconciliazione".

    All'incontro di Oasis quest'anno non è giunto nessun rappresentante della Siria, forse a causa della tesa situazione politica e umanitaria. Mons. Philippe Brizard, già direttore dell'Oeuvre d'Orient, ha ricordato però come in quel Paese, la rivoluzione è stata sequestrata dai Paesi del Golfo - e dall'occidente - che vogliono strappare la Siria dall'influenza iraniana (e sciita), rendendo la regione una scacchiera dove si gioca una "lotta di influenza delle grandi potenze".

     Alcune caratteristiche comuni

     La "rivoluzione dei gelsomini" si trova a diversi stadi e con diversi (o nulli) risultati nei vari Paesi in cui si è comunicata. Nonostante ciò, è possibile tracciare alcuni tratti comuni. Olivier Roy, professore all'Università europea di Firenze, ha cercato di elencarne alcune, mostrando il loro carattere stabile, da cui "non è possibile tornare indietro".

    • 1) Anzitutto le rivolte arabe mostrano la fine della politica del leader carismatico, salvatore della patria;
    • 2) Esse segnano la fine delle ideologie islamiste e pan-arabiste;
    • 3) Pur essendovi frange islamiche, le richieste di giustizia, lavoro, di buona economia la fanno finita con lo slogan "l'islam è la soluzione di tutto";
    • 4) Vi è un certo patriottismo nazionale (non nazionalistico) e un indietreggiamento della retorica della umma (l'unità della comunità musulmana mondiale);
    • 5) La causa palestinese è diminuita e quasi scomparsa dagli slogan;
    • 6) La democrazia è affermata come "possibile";
    • 7) Si assiste a una secolarizzazione delle società islamiche e ad una maggior presa di coscienza dell'individuo (il salafismo è la reazione stizzita a questa riscoperta).

    Anche Olivier Roy sottolinea che l'occidente non ha capito la rivoluzione araba e non l'aveva "prevista", anche se  era davvero facilmente prevedibile, dati i sussulti che si manifestavano nella società (giovani più istruiti, ma senza lavoro; donne più istruite, ma senza diritti; desiderio di giustizia contro la corruzione; ecc...).

    P. Samir Khalil ha fatto notare che da parte del mondo arabo vi è pure un rifiuto dell'occidente, considerato come irreligioso e immorale, con una laicità spesso definita "atea". Per p. Samir,  il futuro di questi Paesi sta nell'offrire un modello di società in cui siano sottolineati i valori di uguaglianza (di sesso, razza, condizioni, religione); di solidarietà fra tutti i cittadini; aperto al contributo di tutte le culture; capace di garantire la tolleranza e il mutuo rispetto delle differenze.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/06/2012 TUNISIA - ISLAM
    Rivoluzione araba: contro il rischio del fallimento, modernizzare l'islam
    Alla prima sessione dell'incontro di Oasis a Tunisi, è di scena la transizione del Paese, da poco libero dalla dittatura. Vi sono tendenze salafiti che vogliono imporre la sharia, ma vi sono anche contributi di partiti di sinistra e atei che - avendo partecipato alla rivoluzione - vogliono garanzie di libertà per tutti. È urgente che l'islam accolga la libertà di religione e di coscienza, per la salvaguardia anche di chi non crede. L'intervento del card. Scola. La rivoluzione tunisina non è debitrice all'occidente.

    08/07/2011 VATICANO - M. ORIENTE
    Sinodo del Medio oriente vicino alla primavera araba
    L’opinione pubblica internazionale teme che le rivolte dei giovani scivolino verso il fondamentalismo. Anche molte autorità religiose temono per la sorte dei cristiani. Il Sinodo del Medio oriente, celebrato pochi mesi prima della “rivoluzione dei gelsomini”, ha fatto emergere molti temi divenuti parole d’ordine dei movimenti giovanili arabi. Forse per ora vincerà l’islamismo, ma il mondo arabo sta cambiando e la Chiesa è impegnata in questo cambiamento.

    16/06/2012 TUNISIA - ISLAM
    Oasis in Tunisia: la rivoluzione incompiuta e il suo futuro
    La Tunisia, il Paese arabo più laicizzato, dopo il successo della "rivoluzione dei gelsomini", si trova a fronteggiare il pericolo di un islam salafita, foraggiato anche da al Qaeda, Arabia saudita e Qatar. La lotta fra diversi tipi di islam e del posto che la religione deve avere in una società moderna e pluralista. Le preoccupazioni delle minoranze cristiane. Il pragmatismo dell'occidente.

    20/06/2011 ISLAM
    Umanesimo cristiano in aiuto all’imprevista “primavera araba”
    Il Comitato scientifico della rivista Oasis apre il dibattito sul presente e sul futuro delle “rivoluzioni dei gelsomini”. Vi sono segni di grande novità: la battaglia contro la povertà, per la dignità umana, il rifiuto del radicalismo islamico. Preoccupano le pressioni dei gruppi fondamentalisti e i timori di Iran, Arabia saudita, Europa. Il patriarca Scola: È necessaria una nuova “ragione economica” e un umanesimo cristiano che sostenga i cambiamenti in atto.

    13/06/2011 EGITTO - ISLAM
    Il futuro della “primavera araba”, frenato da povertà e fondamentalismo
    In Egitto e altrove i nuovi tentativi democratici rischiano il fallimento a causa dell’enorme povertà, l’ignoranza, il fondamentalismo. L’occidente non può solo stare a guardare o fare da gendarme. Occorre intervenire nell’economia, l’educazione, in opere comuni fra cristiani e musulmani per mostrare che la convivenza è possibile



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®