21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/06/2012
CINA-RUSSIA-VATICANO
Il teatrino di Hilarion, metropolita ortodosso russo con il vescovo scomunicato in Cina
di Bernardo Cervellera
Ma Yinglin è vescovo illecito di Kunming; presidente del Consiglio dei vescovi cinesi (organismo non riconosciuto dalla Santa Sede); vicepresidente dell'Associazione patriottica (organismo "inconciliabile" con la Chiesa cattolica). Hilarion cerca da tempo di far riconoscere la comunità ortodossa e di dilatare l'influenza del Patriarcato di Mosca nell'estremo oriente. Davanti alla foto del papa, due piatti di cocomero.

Roma (AsiaNews) -  Il 20 giugno scorso il metropolita Hilarion di Volokolamsk, responsabile del settore esteri del Patriarcato di Mosca, ha fatto visita al seminario cattolico di Pechino. Egli ha incontrato brevemente rappresentanti dei professori e degli studenti, ma si è soprattutto intrattenuto a lungo con il vescovo scomunicato Ma Yinglin. Costui è vescovo illecito di Kunming dal 2006 ed essendo da sempre un protetto del potente Liu Bainian, presidente onorario dell'Associazione patriottica, è riuscito a salire molto in alto nella scala gerarchico-politica della Chiesa ufficiale in Cina. A tutt'oggi egli è presidente del Consiglio dei vescovi cinesi (un organismo non riconosciuto dalla Chiesa cattolica) e vice-presidente dell'Associazione patriottica (organismo "inconciliabile" con la dottrina cattolica). In più, egli è riuscito a farsi eleggere - cosa molto facile con certi protettori - anche rettore del seminario di Pechino.

Carico di tutti questi titoli altisonanti, Ma Yinglin ha ricevuto l'illustre ospite alla porta del seminario, lo ha condotto in visita, gli ha spiegato la situazione della Chiesa cattolica in Cina, e ha chiesto al metropolita Hilarion di "porgere i suoi saluti" al patriarca Kirill, quasi da patriarca alla pari.

In effetti, Liu Bainian aveva sognato per Ma di farlo diventare vescovo di Pechino (e quindi dargli il titolo di "patriarca d'oriente"), ma la Chiesa della capitale, snobbando le sue indicazioni, gli ha preferito un altro. Ora, però, con tutti questi titoli, Ma Yinglin passa più tempo a Pechino che nella sua diocesi, dove i fedeli, quando lo vedono arrivare, gli voltano la faccia e se ne vanno via dalla chiesa.

Pur essendo scomunicato, Ma Yinglin continua a pretendere di voler partecipare alle ordinazioni episcopali, anche a quelle dove non è invitato per affermare che, scomunicato o no, egli vuole essere accolto come  un vescovo fra gli altri.

Anche Hilarion ha qualche frustrazione: da anni gli ortodossi russi cercano di far riconoscere la piccola comunità ortodossa che si trova in Cina e per questo chiedono l'aiuto del potere politico russo. Non per nulla, questa visita di Hilarion avviene a poche settimane dalla visita di Putin in Cina, dove Mosca e Pechino hanno firmato accordi commerciali e di partnership. Ma finora non si è smosso nulla, anche se da un anno è nato un gruppo di consultazione russo-cinese per studiare la questione.

La foto che celebra l'incontro - esibita sul sito del Patriarcato di Mosca - mostra tutta questa frustrazione e imbarazzo: Hilarion seduto su un divano cinese, da un lato; Ma Yinglin seduto sull'altro lato e in mezzo alcune bevande (acqua minerale e tè), con un piatto su cui è dipinta la faccia sorridente di Benedetto XVI, vicino a un mazzo di fiori. Come dire: pensiamo anche a te; non ti dimentichiamo; sei dei nostri e noi siamo con te.

Nella foto c'è anche un certo disprezzo verso l'autorità del papa: Ma Yinglin infatti preferisce l'immagine silenziosa di Benedetto XVI: quando la Santa Sede gli ha scritto di non accettare l'ordinazione, lui ha fatto orecchio da mercante.  E Hilarion, che in Vaticano nel 2009 ha suonato per Benedetto XVI, si è dimenticato che essendo Chiesa cattolica e ortodossa "Chiese sorelle", non è proprio segno di comunione trafficare con un vescovo scomunicato.  Ma Hilarion e il Patriarcato di Mosca stanno cercando il più possibile di farsi riconoscere in Cina per battere sul tempo il Patriarcato di Costantinopoli, che da Hong Kong cerca di avere rapporti con i fedeli ortodossi della repubblica popolare e tutte le altre comunità dell'estremo oriente.

Per questo, entrambi, Hilarion e Ma Yinglin, devono cercare di dimenticare la figura - anche silenziosa - di Benedetto XVI. Per questo, in primo piano, non c'è la foto del papa, ma due bei piattini di cocomero rosso.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
08/04/2010 CINA - VATICANO
Vescovo agli arresti domiciliari: si rifiutava di celebrare con un altro vescovo scomunicato
di Wang Zhicheng
04/05/2006 vaticano-cina
Santa Sede: le illecite ordinazioni in Cina una "grave violazione della libertà religiosa"
09/05/2006 vaticano - cina
Card. Zen: il governo cinese si sbaglia; in Cina tutti vogliono essere guidati dal papa
19/04/2010 CINA - VATICANO
Ordinato il nuovo vescovo di Hohhot, approvato dal Vaticano
di Zhen Yuan
13/07/2006 UE – CINA – VATICANO
Commissione esteri UE chiede la liberazione dei vescovi cinesi in prigione

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate