08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 22/02/2005, 00.00

    TERRA SANTA - KAZAKHSTAN

    L'incontro con Cristo per ogni uomo, l'eredità di don Giussani in Asia



    In Kazakhstan anche i musulmani pregheranno per il fondatore di CL, morto questa notte.

    Roma (AsiaNews) – Parole commosse di gratitudine per una persona che ha trasmesso la presenza viva di Cristo nella storia e educato all'incontro incondizionato con tutti gli uomini. Questo il ricordo di don Giussani condiviso ad AsiaNews da alcuni membri di Comunione e Liberazione che operano in zone particolari dell'Asia, quali la Terra Santa e l'ex Unione sovietica.

    TERRA SANTA

    "Abbiamo appreso della notizia della morte di don Giussani al Santo Sepolcro, alla messa delle 7 di questa mattina". Da Gerusalemme parla con tono commosso Sobhy Makoul, membro di Comunione e Liberazione in Terra Santa. "Eravamo lì riuniti con alcuni amici della Compagnia delle Opere in missione in Terra Santa. Ci è venuto spontaneo pensare che non è stato un caso che la notizia della sua morte ci sia arrivata mentre eravamo alla tomba di Cristo. La morte non è la fine, nemmeno quella di don Giussani. È l'inizio di una vita eterna e speriamo che per noi segni un nuovo inizio".

    Makoul è un cristiano maronita, ha conosciuto il movimento di CL 20 anni fa: "Mi ha cambiato la vita, mi ha donato uno sguardo positivo sulla realtà". Makoul racconta come l'amicizia con don Giussani e l'appartenenza al movimento di CL siano diventate per lui motivo di maggior dedizione nel suo impegno in Terra Santa: "Don Giussani mi ha educato ad avere uno sguardo aperto a tutti, cercando di andare avanti nonostante le difficoltà che in una terra come questa non mancano".

    "Don Giussani" prosegue Makhoul "mi ha insegnato a non escludere nessuno e a creare amicizia fra tutti gli uomini, ebrei, musulmani e cristiani. Grazie al suo esempio ho trovato la forza di cercare il dialogo anche con coloro che mi volevano fare del male". "Di fronte ai problemi lui amava ripetere: Alla fine sempre il Cristo vincerà" conclude Makoul. "Questa parola ci guida ancora oggi, qui in Terra Santa".

    KAZAKHSTAN

    La testimonianza di don Giussani e l'opera da lui iniziata sono arrivate anche nelle steppe del Kazakhstan. Da Astana don Edo Canetta, membro di CL, ricorda "l'amicizia e la disponibilità ad incontrare il prossimo senza preclusioni" come i tratti più incisivi dell'insegnamento di don Giussani. 

    "Il valore più grande che lui ci lascia è la disponibilità all'incontro indistinto con tutti. Il dolore per la sua perdita è troppo grande - continua con voce rotta dall'emozione don Canetta, sacerdote fidei donum, da 11 anni in Kazakhstan. Lui è l'origine della nostra presenza qui. I vescovi locali ci chiesero di venire e lui invitò a metterci a disposizione".

    Don Canetta racconta di aver ricevuto telefonate e messaggi di condoglianze anche da musulmani per la morte del fondatore di CL: "Tutti ci hanno detto che pregheranno per lui. Don Giussani era molto conosciuto nel mondo musulmano, che lo aveva incontrato attraverso i suoi libri".

    La presenza di don Giussani ha accompagnato ogni giorno la comunità di CL in queste terre: "Noi, come religiosi, ma anche i laici, lo abbiamo sempre sentito vicino, nonostante la lontananza fisica" sottolinea don Canetta. "E questo grazie alla sua continua amicizia. Diversi giovani del posto lo hanno conosciuto in Italia e lo ricordano in modo molto vivo".

    "Nella quotidianità - continua il sacerdote -  lo abbiamo sempre avuto nel cuore e penso che la cosa fosse reciproca".  In occasione dei 50 anni del movimento don Giussani ha sottolineato la grandezza della presenza di CL proprio in Kazakhstan e Siberia, ai confini del mondo sovietico e islamico.

    Oggi tutte le comunità di CL in Kazakhstan celebreranno una messa in ricordo del fondatore defunto. (LF-MA)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/04/2013 TERRA SANTA
    Vescovo di Gerusalemme: Il trattato interreligioso, una svolta nelle relazioni fra cristiani e musulmani
    Il documento è nato per spegnere le tensioni fra la comunità cristiana di Betfage e il quartiere musulmano di Gerusalemme est. Garanti del trattato saranno mons. Shomali, per il Patriarcato latino, il gran muftì di Gerusalemme e il governatore di Gerusalemme est. Il testo, dice ad AsiaNews il presule, è "un modello esportabile in tutti i Paesi del Medio oriente".

    05/02/2016 13:51:00 TERRA SANTA
    La Chiesa di Terra Santa piange Jeries Khoury

    Il 64enne di origini palestinesi è morto il 3 febbraio a Roma, dove doveva partecipare all’udienza di papa Francesco. Studioso delle religioni, dal 1988 era direttore del Centro Al-Liqa per l’incontro con i musulmani e gli ebrei di Terra Santa. 



    18/04/2013 VATICANO - TERRA SANTA
    Patriarca Twal: Seguendo papa Francesco, visitate e pregate per la Terra Santa
    Il patriarca di Gerusalemme racconta il suo incontro con il papa: "Il Santo Padre è ansioso di visitare la terra dove tutto ha avuto inizio". Guerra civile siriana, occupazione israeliana e crisi economica spingono sempre più cristiani ad abbandonare il Medio oriente. Il lavoro delle nuove parrocchie sorte nei campi profughi in Giordania per aiutare cristiani e musulmani. L'appello del patriarca a pregare per la pace.

    23/09/2005 Giordania
    Dialogo fra cristiani, ebrei e musulmani contro consumismo e fondamentalismo

    Scuole e matrimoni misti i luoghi dove cresce la conoscenza fra religioni diverse.Ma è necessario il rispetto dei diritti umani e la libertà religiosa.



    13/04/2005 turchia - vaticano
    Turchia, saluto ecumenico e interreligioso a Giovanni Paolo II

    Cattolici, ortodossi e musulmani appendono nelle loro case l'immagine del papa defunto.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®