30 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato

invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/02/2005
TERRA SANTA - KAZAKHSTAN
L'incontro con Cristo per ogni uomo, l'eredità di don Giussani in Asia
In Kazakhstan anche i musulmani pregheranno per il fondatore di CL, morto questa notte.

Roma (AsiaNews) – Parole commosse di gratitudine per una persona che ha trasmesso la presenza viva di Cristo nella storia e educato all'incontro incondizionato con tutti gli uomini. Questo il ricordo di don Giussani condiviso ad AsiaNews da alcuni membri di Comunione e Liberazione che operano in zone particolari dell'Asia, quali la Terra Santa e l'ex Unione sovietica.

TERRA SANTA

"Abbiamo appreso della notizia della morte di don Giussani al Santo Sepolcro, alla messa delle 7 di questa mattina". Da Gerusalemme parla con tono commosso Sobhy Makoul, membro di Comunione e Liberazione in Terra Santa. "Eravamo lì riuniti con alcuni amici della Compagnia delle Opere in missione in Terra Santa. Ci è venuto spontaneo pensare che non è stato un caso che la notizia della sua morte ci sia arrivata mentre eravamo alla tomba di Cristo. La morte non è la fine, nemmeno quella di don Giussani. È l'inizio di una vita eterna e speriamo che per noi segni un nuovo inizio".

Makoul è un cristiano maronita, ha conosciuto il movimento di CL 20 anni fa: "Mi ha cambiato la vita, mi ha donato uno sguardo positivo sulla realtà". Makoul racconta come l'amicizia con don Giussani e l'appartenenza al movimento di CL siano diventate per lui motivo di maggior dedizione nel suo impegno in Terra Santa: "Don Giussani mi ha educato ad avere uno sguardo aperto a tutti, cercando di andare avanti nonostante le difficoltà che in una terra come questa non mancano".

"Don Giussani" prosegue Makhoul "mi ha insegnato a non escludere nessuno e a creare amicizia fra tutti gli uomini, ebrei, musulmani e cristiani. Grazie al suo esempio ho trovato la forza di cercare il dialogo anche con coloro che mi volevano fare del male". "Di fronte ai problemi lui amava ripetere: Alla fine sempre il Cristo vincerà" conclude Makoul. "Questa parola ci guida ancora oggi, qui in Terra Santa".

KAZAKHSTAN

La testimonianza di don Giussani e l'opera da lui iniziata sono arrivate anche nelle steppe del Kazakhstan. Da Astana don Edo Canetta, membro di CL, ricorda "l'amicizia e la disponibilità ad incontrare il prossimo senza preclusioni" come i tratti più incisivi dell'insegnamento di don Giussani. 

"Il valore più grande che lui ci lascia è la disponibilità all'incontro indistinto con tutti. Il dolore per la sua perdita è troppo grande - continua con voce rotta dall'emozione don Canetta, sacerdote fidei donum, da 11 anni in Kazakhstan. Lui è l'origine della nostra presenza qui. I vescovi locali ci chiesero di venire e lui invitò a metterci a disposizione".

Don Canetta racconta di aver ricevuto telefonate e messaggi di condoglianze anche da musulmani per la morte del fondatore di CL: "Tutti ci hanno detto che pregheranno per lui. Don Giussani era molto conosciuto nel mondo musulmano, che lo aveva incontrato attraverso i suoi libri".

La presenza di don Giussani ha accompagnato ogni giorno la comunità di CL in queste terre: "Noi, come religiosi, ma anche i laici, lo abbiamo sempre sentito vicino, nonostante la lontananza fisica" sottolinea don Canetta. "E questo grazie alla sua continua amicizia. Diversi giovani del posto lo hanno conosciuto in Italia e lo ricordano in modo molto vivo".

"Nella quotidianità - continua il sacerdote -  lo abbiamo sempre avuto nel cuore e penso che la cosa fosse reciproca".  In occasione dei 50 anni del movimento don Giussani ha sottolineato la grandezza della presenza di CL proprio in Kazakhstan e Siberia, ai confini del mondo sovietico e islamico.

Oggi tutte le comunità di CL in Kazakhstan celebreranno una messa in ricordo del fondatore defunto. (LF-MA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/04/2013 TERRA SANTA
Vescovo di Gerusalemme: Il trattato interreligioso, una svolta nelle relazioni fra cristiani e musulmani
18/04/2013 VATICANO - TERRA SANTA
Patriarca Twal: Seguendo papa Francesco, visitate e pregate per la Terra Santa
di Simone Cantarini
23/09/2005 Giordania
Dialogo fra cristiani, ebrei e musulmani contro consumismo e fondamentalismo
di Jihad Issa
13/04/2005 turchia - vaticano
Turchia, saluto ecumenico e interreligioso a Giovanni Paolo II
di Mavi Zambak
15/06/2005 TERRA SANTA
Annuario della Chiesa cattolica in Terra Santa, strumento di dialogo
Articoli del dossier
vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
vaticano
Ratzinger: don Giussani, ha guadagnato molti cuori a Cristo
VATICANO
Papa: don Giussani promotore di un incontro personale con Cristo
VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
RUSSIA - VATICANO - ITALIA
Don Giussani: la testimonianza di Cristo rompe i ghiacci dell'ateismo siberiano
VATICANO – ITALIA
Don Giussani, un padre per la missione
VATICANO-ITALIA
Don Giussani: Il card. Ratzinger presiederà i funerali a nome del Papa
vaticano - italia
È morto don Luigi Giussani, fondatore di CL

In evidenza
LIBANO
La Dichiarazione di Beirut: i musulmani in difesa della libertà dei cristianiLibertà di fede, di educazione e di opinione difese citando il Corano. Esse sono alla base dello Stato di diritto, che non deve essere uno Stato religioso. L’organo di riferimento dei sunniti del Libano condanna senza appello la violenza in nome di Dio. Il testo integrale del messaggio.
LIBANO
Dalle Makassed islamiche una lotta dottrinale contro l’estremismo musulmano
di Fady NounL’organismo di riferimento ufficiale dei sunniti del Libano ha approvato un documento intitolato “Dichiarazione di Beirut sulla libertà religiosa”. Ci si chiede se Dar el-Fatwa riuscirà a riprendere progressivamente il controllo dell’insegnamento religioso musulmano nelle moschee del Paese.
HONG KONG - CINA
Card. Zen: Rimuovere le croci nel Zhejiang è insultare la fede dei cattoliciIl vescovo emerito di Hong Kong valuta che la campagna di distruzione delle croci e degli edifici religiosi sia ormai una direttiva a livello nazionale e una “regressione” della politica religiosa della Cina. Cattolici e protestanti di Hong Kong: Potrebbe succedere anche da noi. Entro il primo settembre saranno distrutti altri 15 edifici sacri “illegali” nel Zhejiang.

Dossier

Terra Santa Banner


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate