21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/02/2005
TERRA SANTA - KAZAKHSTAN
L'incontro con Cristo per ogni uomo, l'eredità di don Giussani in Asia
In Kazakhstan anche i musulmani pregheranno per il fondatore di CL, morto questa notte.

Roma (AsiaNews) – Parole commosse di gratitudine per una persona che ha trasmesso la presenza viva di Cristo nella storia e educato all'incontro incondizionato con tutti gli uomini. Questo il ricordo di don Giussani condiviso ad AsiaNews da alcuni membri di Comunione e Liberazione che operano in zone particolari dell'Asia, quali la Terra Santa e l'ex Unione sovietica.

TERRA SANTA

"Abbiamo appreso della notizia della morte di don Giussani al Santo Sepolcro, alla messa delle 7 di questa mattina". Da Gerusalemme parla con tono commosso Sobhy Makoul, membro di Comunione e Liberazione in Terra Santa. "Eravamo lì riuniti con alcuni amici della Compagnia delle Opere in missione in Terra Santa. Ci è venuto spontaneo pensare che non è stato un caso che la notizia della sua morte ci sia arrivata mentre eravamo alla tomba di Cristo. La morte non è la fine, nemmeno quella di don Giussani. È l'inizio di una vita eterna e speriamo che per noi segni un nuovo inizio".

Makoul è un cristiano maronita, ha conosciuto il movimento di CL 20 anni fa: "Mi ha cambiato la vita, mi ha donato uno sguardo positivo sulla realtà". Makoul racconta come l'amicizia con don Giussani e l'appartenenza al movimento di CL siano diventate per lui motivo di maggior dedizione nel suo impegno in Terra Santa: "Don Giussani mi ha educato ad avere uno sguardo aperto a tutti, cercando di andare avanti nonostante le difficoltà che in una terra come questa non mancano".

"Don Giussani" prosegue Makhoul "mi ha insegnato a non escludere nessuno e a creare amicizia fra tutti gli uomini, ebrei, musulmani e cristiani. Grazie al suo esempio ho trovato la forza di cercare il dialogo anche con coloro che mi volevano fare del male". "Di fronte ai problemi lui amava ripetere: Alla fine sempre il Cristo vincerà" conclude Makoul. "Questa parola ci guida ancora oggi, qui in Terra Santa".

KAZAKHSTAN

La testimonianza di don Giussani e l'opera da lui iniziata sono arrivate anche nelle steppe del Kazakhstan. Da Astana don Edo Canetta, membro di CL, ricorda "l'amicizia e la disponibilità ad incontrare il prossimo senza preclusioni" come i tratti più incisivi dell'insegnamento di don Giussani. 

"Il valore più grande che lui ci lascia è la disponibilità all'incontro indistinto con tutti. Il dolore per la sua perdita è troppo grande - continua con voce rotta dall'emozione don Canetta, sacerdote fidei donum, da 11 anni in Kazakhstan. Lui è l'origine della nostra presenza qui. I vescovi locali ci chiesero di venire e lui invitò a metterci a disposizione".

Don Canetta racconta di aver ricevuto telefonate e messaggi di condoglianze anche da musulmani per la morte del fondatore di CL: "Tutti ci hanno detto che pregheranno per lui. Don Giussani era molto conosciuto nel mondo musulmano, che lo aveva incontrato attraverso i suoi libri".

La presenza di don Giussani ha accompagnato ogni giorno la comunità di CL in queste terre: "Noi, come religiosi, ma anche i laici, lo abbiamo sempre sentito vicino, nonostante la lontananza fisica" sottolinea don Canetta. "E questo grazie alla sua continua amicizia. Diversi giovani del posto lo hanno conosciuto in Italia e lo ricordano in modo molto vivo".

"Nella quotidianità - continua il sacerdote -  lo abbiamo sempre avuto nel cuore e penso che la cosa fosse reciproca".  In occasione dei 50 anni del movimento don Giussani ha sottolineato la grandezza della presenza di CL proprio in Kazakhstan e Siberia, ai confini del mondo sovietico e islamico.

Oggi tutte le comunità di CL in Kazakhstan celebreranno una messa in ricordo del fondatore defunto. (LF-MA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
24/04/2013 TERRA SANTA
Vescovo di Gerusalemme: Il trattato interreligioso, una svolta nelle relazioni fra cristiani e musulmani
18/04/2013 VATICANO - TERRA SANTA
Patriarca Twal: Seguendo papa Francesco, visitate e pregate per la Terra Santa
di Simone Cantarini
23/09/2005 Giordania
Dialogo fra cristiani, ebrei e musulmani contro consumismo e fondamentalismo
di Jihad Issa
13/04/2005 turchia - vaticano
Turchia, saluto ecumenico e interreligioso a Giovanni Paolo II
di Mavi Zambak
15/06/2005 TERRA SANTA
Annuario della Chiesa cattolica in Terra Santa, strumento di dialogo
Articoli del dossier
vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
vaticano
Ratzinger: don Giussani, ha guadagnato molti cuori a Cristo
VATICANO
Papa: don Giussani promotore di un incontro personale con Cristo
VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
RUSSIA - VATICANO - ITALIA
Don Giussani: la testimonianza di Cristo rompe i ghiacci dell'ateismo siberiano
VATICANO – ITALIA
Don Giussani, un padre per la missione
VATICANO-ITALIA
Don Giussani: Il card. Ratzinger presiederà i funerali a nome del Papa
vaticano - italia
È morto don Luigi Giussani, fondatore di CL

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate