29 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/02/2005
RUSSIA - VATICANO - ITALIA
Don Giussani: la testimonianza di Cristo rompe i ghiacci dell'ateismo siberiano

Missionario della Fraternità San Carlo Borromeo in Siberia racconta lo stupore dei non credenti di fronte all'incontro con l'amore di Cristo.



Novosibirsk (AsiaNews) – L'abbraccio con una comunità "disperata", che si lascia  stupire dall'incontro con Cristo e dal suo messaggio d'amore. In questo modo, secondo don Alfredo Fecondo, missionario in Siberia, si manifesta il cristianesimo testimoniato da don Luigi Giussani in una società come quella della Russia più estrema, "spappolata" da decenni di comunismo e ateismo.

Don Fecondo, abruzzese 44 anni, missionario della Fraternità San Carlo Borromeo, è stato studente e poi amico di don Giussani, il  fondatore di Comunione e Liberazione (CL), morto ieri notte a Milano. Da 2 anni vive in Siberia e insegna storia della Chiesa, all'Università di Novosibirsk, "Akadem Gorodok"; qui è forte la tradizione atea e i religiosi possono insegnarvi solo perché questa intrattiene scambi culturali con la Cattolica di Milano.

"Quello che sconvolge e attira persone di tutte le età – racconta don Fecondo ad AsiaNews – è l'interesse per il destino umano, per la persona che incontriamo così com'è". Don Fecondo spiega che il comunismo ha lasciato una "distruzione incalcolabile" e il senso di umanità tra questa gente è "ai minimi livelli": "le famiglie sono sgretolate, spesso i padri vanno via di casa e i figli crescono senza genitori". "In una società senza più punti di riferimento - ha continuato – imbattersi in chi percepisci subito che ti ama è un evento sconvolgente e genera quell' 'uomo nuovo', di cui sempre ci ha parlato don Giussani".

Il sacerdote racconta l'incontro di un membro di CL a Novosibirsk e una 18enne, Julia, rimasta senza genitori o parenti: "Un giorno in un nostro centro d'accoglienza per ragazze madri, una delle responsabili ha avvicinato Julia e le ha detto 'Io ti voglio bene'. La ragazza all'inizio non riusciva a credere che qualcuno la potesse amare per il semplice fatto che è un essere umano, poi si è sentita protetta e ha cominciato a venire ai nostri incontri".

Per i giovani in Siberia il cristianesimo è una scoperta entusiasmante. "Da poco siamo andati in gita con un gruppo di studenti, per la maggior parte non credenti, e al ritorno sono stato sommerso da e-mail, che esprimevano lo stesso desiderio: "condividere con altri amici la gioia di quei momenti insieme". "Queste esperienze – ha concluso don Fecondo - mi confermano quello che diceva don Giussani che ad ogni latitudine l'anelito umano è lo stesso: quello alla felicità e la felicità si accende solo nell'incontro di Cristo". (MA)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
23/02/2005 VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
di Chiara Lubich
23/02/2005 VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
di Piero Gheddo
22/02/2005 VATICANO – ITALIA
Don Giussani, un padre per la missione
di Bernardo Cervellera
21/02/2006 vaticano
Il Papa ricorda mons. Giussani ad un anno dalla morte
24/02/2005 vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
di Bernardo Cervellera
Articoli del dossier
vaticano - italia
Don Giussani: il popolo, la letizia e la missione
vaticano
Ratzinger: don Giussani, ha guadagnato molti cuori a Cristo
VATICANO
Papa: don Giussani promotore di un incontro personale con Cristo
VATICANO-ITALIA
P.Gheddo: Giussani ci ha insegnato che la fede deve trasformare in "uomini nuovi"
VATICANO - ITALIA
Chiara Lubich: don Giussani, l'impressione di aver incontrato un santo
TERRA SANTA - KAZAKHSTAN
L'incontro con Cristo per ogni uomo, l'eredità di don Giussani in Asia
VATICANO – ITALIA
Don Giussani, un padre per la missione
VATICANO-ITALIA
Don Giussani: Il card. Ratzinger presiederà i funerali a nome del Papa
vaticano - italia
È morto don Luigi Giussani, fondatore di CL

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate