2 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 07/03/2005
LIBANO
Il patriarca Sfeir, il Libano ha diritto alla sua sovranità
Alla vigilia della sua partenza per Washington il Patriarca chiede il rispetto delle risoluzioni dell'Onu. I vescovi armeni chiedono la formazione di un governo di unità nazionale per ottenere il rispetto degli accordi.

Beirut (AsiaNews) – Il dovere della Siria di applicare l'accordo di Taef e di rispettare la  risoluzione n. 1559 dell'Onu, che si rifà a quegli accordi è stato riaffermato dal patriarca maronita card. Nassrallah Sfeir, mentre i vescovi armeni chiedono la formazione di un governo di unità nazionale. Alla vigilia della sua partenza per Washington, il Patriarca, in una conversazione con AsiaNews, pur rifiutandosi di dare una sua valutazione del discorso del presidente siriano, Bachar Asad, nel quale annuncia il ridispiegamento delle truppe siriane, ha ribadito il principio di "indipendenza, sovranità e libertà del Libano, perché la sua gente possa vivere come tutti i popoli".

Il card. Sfeir ha anche smentito le dichiarazione attribuitagli sulla possibilità che il Paese giunga prossimamente alla firma di un accordo bilaterale con Israele. "Il Libano – ha detto - sarà l'ultimo dei Paesi arabi a firmare con Israele"

A proposito del suo incontro con Bush, il 16 marzo, egli ha ricordato che la visita viene fatta su invito del presidente americano. Quanto al disarmo degli Hezbollah dopo il ritiro delle truppe siriane dal Libano, il patriarca Sfeir sostiene che questa cosa dipende non da lui, ma dalle persone coinvolte.

Ieri, il Patriarca Sfeir ha anche ricevuto al santuario di Bkerke una delegazione dell'associazione caritativa OPDS, presieduta da padre Elie Madi, accompagnato dalla direttrice generale Faten Nseir. Essi hanno gli illustrato i risultati della campagna a favore dei Paesi asiatici vittime dello tsunami ed hanno comunicato al patriarca la loro decisione di devolvere 20000 Euro tramite le Nazioni unite.

Un appello ai responsabili della politica libanese a formare un governo di unione nazionale capace di riprendere la via dello sviluppo ed il rispetto degli accordi, soprattutto di quelli di Taeff è stato lanciato dai vescovi Armeni, cattolici e ortodossi. Al termine del loro incontro di sabato nella sede dell'eparchia ortodossa a Zkak el Blat  (Beirut) i vescovi hanno pubblicato un comunicato comune alla luce dello sviluppo della situazione in Libano. Solo la via della pace e della concordia e del dialogo, vi si legge, è capace di far uscire il Paese dalla crisi attuale. Essi esortano tutti i libanesi e tutti gli uomini di buona volontà ad unire le forze e combattere per raggiungere la meta della pace tanto desiderata.

Da parte sua, l'ex ministro degli esteri Fares Boueiz, membro dell'opposizione libanese, in una dichiarazione ad Asianews ha sostenuto il carattere storico della visita del patriarca maronita cardinale Nassrallah Sfeir negli Stati Uniti, paragonandola alla visita del patriarca Elias Houeik, nel 1920, in Francia, che ha fondato il Libano. A suo giudizio la visita dell'attuale Patriarca negli Stati uniti segnerà la rinascita del nuovo Libano, sovrano, indipendente e libero dalle ingerenze esterne.

(Y.H)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/05/2005 LIBANO
Il presidente Lahoud chiede una nuova legge elettorale
27/05/2005 STATI UNITI
Usa: stanziati 491 miliardi di dollari per la Difesa
28/11/2008 IRAQ – USA
Mons. Sako: il voto sul ritiro delle truppe Usa nasconde il “fragile equilibrio” iracheno
27/02/2005 Libano - Siria
Patriarca maronita : È urgente il dialogo fra opposizione e pro-siriani
17/05/2004 corea del sud
Contingente americano lascerà la Corea del Sud per andare in Iraq
Articoli del dossier
libano - siria
Decine di libanesi "desaparecidos" nelle prigioni di Damasco
LIBANO
Decisive per il Libano le prossime 48 ore
LIBANO
Assassinio di Hariri: il governo libanese respinge le accuse Onu
LIBANO
Sfeir chiede un governo che lavori per le elezioni e la riconciliazione
Libano
Patriarca Sfeir: Vogliamo un Libano sovrano, indipendente e libero
LIBANO
Card. Sfeir: piena sovranità per Beirut, ma le manifestazioni preoccupano
LIBANO – SIRIA
L'opposizione cristiano-sunnita rifiuta il nuovo governo pro-siriano
LIBANO
Si riunisce il gruppo di opposizione appoggiato da Sfeir
libano - siria
A Beirut governo scelto sull'onda di opposte manifestazioni
SIRIA-LIBANO
La Siria sposta, ma non ritira, le truppe in Libano
Libano - Siria
Il Libano torna ad essere modello per il Medio Oriente
SIRIA - LIBANO
Russia e Usa premono sulla Siria: via le truppe dal Libano
LIBANO
Vescovi libanesi: subito governo transitorio, il paese rimanga unito
LIBANO - SIRIA
Libano: folla assedia il parlamento, Karame si dimette
libano - siria
Cristiani e musulmani libanesi : "Fuori la Siria!"
LIBANO - SIRIA
Manifestazione anti-Siria sfida il divieto del governo
Libano - Siria
Patriarca maronita : È urgente il dialogo fra opposizione e pro-siriani
libano - siria
Patriarca maronita: chiedere il ritiro siriano con "calma e dialogo"
vaticano - libano
Telegramma del papa al patriarca Sfeir per la morte di Rafic Hariri
LIBANO - USA - SIRIA
Dopo la morte di Hariri, ministro Usa invita il patriarca Sfeir negli Stati Uniti
libano - siria
Vescovi libanesi: "un regime liberticida" dietro l'assassinio di Hariri
LIBANO - VATICANO
Patriarca e nunzio vaticano porgono le condoglianze alla famiglia di Hariri
libano
Autobomba a Beirut, muore ex premier libanese

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate