25 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/03/2005, 00.00

    PAKISTAN

    Pakistan: dalla Passione di Cristo l'impegno a combattere le ingiustizie sociali

    Qaiser Felix

    Faisalabad (AsiaNews) – Il rapporto tra la Passione di Cristo e la situazione attuale dei cristiani in Pakistan è il tema su cui hanno riflettuto alcuni insegnanti di Faisalabad in occasione di un seminario di preparazione alla Pasqua. Il fine è stato elaborare alcune proposte per incoraggiare i giovani a combattere ingiustizia e discriminazione.

    L'incontro svoltosi nella città pakistana il 13 marzo scorso ha avuto come momento centrale la visione del film di Mel Gibson, "The Passion of Christ".

    Il seminario si è aperto con preghiere e canti. James Lal, coordinatore dell'incontro, ha invitato a riflettere sugli ostacoli frapposti all'opera di Gesù dalle autorità politiche e religiose del suo tempo. Lal ha ricordato che Gesù predicava la Parola di Dio nei templi, nelle sinagoghe, nelle case e per le strade. Era amato dalla gente semplice, ma osteggiato dalle autorità che lo vedevano come una minaccia alla stabilità sociale e religiosa. "Non compresero Gesù e le sue parole – ha detto Lal – i loro occhi e le loro menti erano chiusi e così lo crocifissero".

    Subito dopo questa introduzione i partecipanti hanno assistito alla proiezione della pellicola di Gibson, spunto per un dibattito, che mirava a trovare i paralleli tra figure evangeliche come Ponzio Pilato e Giuda iscariota e la società pakistana ed a proporre attività con le quali aiutare gli studenti a riconoscere e combattere povertà e ingiustizia sociale.

    Tra gli spunti proposti: studiare le cause della povertà; assicurare sostegno alle famiglie dei villaggi incoraggiandole a mandare i figli a scuola, soprattutto le ragazze; spronare i giovani a crescere fisicamente, mentalmente e moralmente attraverso il dialogo sull'attualità e i problemi sociali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2005 india
    Vescovi indiani: aiuti a dalit cristiani e musulmani bloccati dalla corruzione

    Mons. Oswald  Gracias, neopresidente della Conferenza episcopale, e il sociologo SM Michael chiedono al governo passi concreti per difendere le minoranze dall'ideologia induista e dalle "debolezze umane" (cioè la corruzione della burocrazia).



    22/03/2007 PAKISTAN
    Detenuti cristiani protestano contro la distruzione della "loro" chiesa
    Nella prigione di Adiala decine di detenuti cristiani protestano da giorni contro la demolizione di una chiesa e perché non possono tenere le funzioni religiose. Le altre minoranze appoggiano la protesta. L’amministrazione del carcere nega tutto, ma gruppi esterni condividono la protesta.

    03/11/2004 PAKISTAN
    Legge sulla blasfemia: ragazza minacciata di morte, la sua famiglia costretta a emigrare


    14/02/2005 india
    India, speranze per i diritti dei dalit cristiani
    La Corte Suprema apre al riconoscimento giuridico dei fuori casta diventati cristiani, finora emarginati e rigettati dalla società indiana.

    14/09/2005 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia

    Younis Masih è in carcere da domenica, accusato di aver offeso Maometto durante alcuni canti tradizionali. Mons. Saldanha: questi episodi ostacolano gli sforzi verso il dialogo interreligioso.





    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®