08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 18/03/2005, 00.00

    PAKISTAN

    Pakistan: dalla Passione di Cristo l'impegno a combattere le ingiustizie sociali

    Qaiser Felix

    Faisalabad (AsiaNews) – Il rapporto tra la Passione di Cristo e la situazione attuale dei cristiani in Pakistan è il tema su cui hanno riflettuto alcuni insegnanti di Faisalabad in occasione di un seminario di preparazione alla Pasqua. Il fine è stato elaborare alcune proposte per incoraggiare i giovani a combattere ingiustizia e discriminazione.

    L'incontro svoltosi nella città pakistana il 13 marzo scorso ha avuto come momento centrale la visione del film di Mel Gibson, "The Passion of Christ".

    Il seminario si è aperto con preghiere e canti. James Lal, coordinatore dell'incontro, ha invitato a riflettere sugli ostacoli frapposti all'opera di Gesù dalle autorità politiche e religiose del suo tempo. Lal ha ricordato che Gesù predicava la Parola di Dio nei templi, nelle sinagoghe, nelle case e per le strade. Era amato dalla gente semplice, ma osteggiato dalle autorità che lo vedevano come una minaccia alla stabilità sociale e religiosa. "Non compresero Gesù e le sue parole – ha detto Lal – i loro occhi e le loro menti erano chiusi e così lo crocifissero".

    Subito dopo questa introduzione i partecipanti hanno assistito alla proiezione della pellicola di Gibson, spunto per un dibattito, che mirava a trovare i paralleli tra figure evangeliche come Ponzio Pilato e Giuda iscariota e la società pakistana ed a proporre attività con le quali aiutare gli studenti a riconoscere e combattere povertà e ingiustizia sociale.

    Tra gli spunti proposti: studiare le cause della povertà; assicurare sostegno alle famiglie dei villaggi incoraggiandole a mandare i figli a scuola, soprattutto le ragazze; spronare i giovani a crescere fisicamente, mentalmente e moralmente attraverso il dialogo sull'attualità e i problemi sociali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2005 india
    Vescovi indiani: aiuti a dalit cristiani e musulmani bloccati dalla corruzione

    Mons. Oswald  Gracias, neopresidente della Conferenza episcopale, e il sociologo SM Michael chiedono al governo passi concreti per difendere le minoranze dall'ideologia induista e dalle "debolezze umane" (cioè la corruzione della burocrazia).



    22/03/2007 PAKISTAN
    Detenuti cristiani protestano contro la distruzione della "loro" chiesa
    Nella prigione di Adiala decine di detenuti cristiani protestano da giorni contro la demolizione di una chiesa e perché non possono tenere le funzioni religiose. Le altre minoranze appoggiano la protesta. L’amministrazione del carcere nega tutto, ma gruppi esterni condividono la protesta.

    03/11/2004 PAKISTAN
    Legge sulla blasfemia: ragazza minacciata di morte, la sua famiglia costretta a emigrare


    14/02/2005 india
    India, speranze per i diritti dei dalit cristiani
    La Corte Suprema apre al riconoscimento giuridico dei fuori casta diventati cristiani, finora emarginati e rigettati dalla società indiana.

    14/09/2005 PAKISTAN
    Arcivescovo di Lahore contro l'ennesimo arresto di un cristiano per blasfemia

    Younis Masih è in carcere da domenica, accusato di aver offeso Maometto durante alcuni canti tradizionali. Mons. Saldanha: questi episodi ostacolano gli sforzi verso il dialogo interreligioso.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®