17 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/03/2005
LIBANO
Domenica delle Palme, la speranza del Libano poggia sui giovani
Arcivescovo maronita di Beirut: malgrado le tempeste  il paese  non morirà.

Beirut (AsiaNews) – Nella Domenica delle Palme i cattolici libanesi hanno pregato per la pace e affidato ai giovani le speranze per il futuro del Libano.  Le celebrazioni sono avvenute in un clima molto teso dopo gli attentati degli ultimi mesi. Il più recente, il 19 marzo scorso: un'autobomba è esplosa nel quartiere a maggioranza cristiana di New Jdeideh (Beirut est) causando 11 feriti.

L'arcivescovo maronita di Beirut, mons. Paul Matar, ha presieduto la messa delle Palme nella cattedrale maronita di San Giorgio, al centro di Beirut. La celebrazione è stata preceduta da una processione attraverso i quartieri limitrofi. La funzione di quest'anno ha un significato particolare in quanto lo storico edificio religioso si affaccia sulla moschea  Mouhamad El Amin, dove è sepolto Rafic Hariri, l'ex premier assassinato il 14 febbraio scorso. Dall'attentato ad Hariri è partita una forte protesta democratica contro l'occupazione siriana in Libano. Le manifestazioni sono state sostenute dal movimento studentesco. Nella sua omelia l'arcivescovo ha illustrato il significato della festività esortando i fedeli ad un maggior esame di coscienza e al rispetto reciproco. Mons. Matar ha espresso parole di speranza per il futuro del Libano, che non morirà malgrado le tempeste attraversate. L'arcivescovo ha concluso chiedendo ai giovani di essere artefici del nuovo Libano.

Nella sua omelia il superiore generale dell'Ordine maronita della Beata Maria Vergine, abate Francois Eid, ha usato gli stessi toni positivi. Egli ha indicato la necessità della pace vera, una pace che nasce dall'amore. In questo è centrale il ruolo di Gerusalemme, che deve essere la città della pace e non "della ribellione" come ora. Il superiore generale ha poi sottolineato l'importanza della collaborazione di tutti per una rinascita vera del Libano, da lui affidata ai giovani, artefici di pace e responsabili del loro destino.

Fiducia nei giovani è stata espressa anche nell'omelia del metropolita greco melkita di Beirut Youssef Kallas. Egli ha apprezzato nei giovani lo sforzo di cercare una riconciliazione senza l'uso della violenza.

Assente dal Libano, il Patriarca Maronita, card. Nassrallah Sfeir, ha celebrato messa a New York. Per il 22 marzo è previsto il suo rientro dagli Stati Uniti dove la settimana scorsa ha incontrato il presidente americano George W. Bush. (YH)


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
20/03/2005 vaticano
Il Papa benedice in silenzio i giovani dalla finestra dello studio
20/03/2005 vaticano
Card. Ruini: dalla croce di Gesù, energia nuova alla Chiesa e sul volto del Papa
04/04/2004 vaticano
Papa: "Giovani, non abbiate paura di proclamare il vangelo della Croce!"
17/04/2011 VATICANO
Papa: Una forza di gravità ci tira verso il basso e il male; Cristo ci solleva all’altezza di Dio
16/03/2008 VATICANO
Papa: Seguiamo Gesù, il nuovo Tempio, con cuore giovane, libero da pregiudizi e interessi
Articoli del dossier
laos
Laos, i cattolici del nord celebrano Pasqua in una nuova chiesa
IRAQ
Pasqua a Mosul, i cristiani sfidano la paura e affollano le chiese
Cina - Vaticano
Arrestato sacerdote della Chiesa sotterranea
PAKISTAN
Pasqua a Lahore: ucciso un cristiano protestante
PAKISTAN
Pasqua in Pakistan, oltre le discriminazioni e a favore della solidarietà
TURCHIA
Ad Antiochia cattolici ed ortodossi celebrano insieme la Pasqua
BANGLADESH
Pasqua in Bangladesh: attendere Cristo e il sole, in un giorno feriale
THAILANDIA
A Phuket "la Passione si legge negli occhi della gente"
THAILANDIA
In Thailandia cattolici e musulmani uniti dalla Croce
filippine
Pasqua nelle Filippine, chiese affollate fra minacce di attentati
ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
Gerusalemme: la Croce distrugge i muri della paura
TERRA SANTA – ISRAELE – PALESTINA
Patriarca di Gerusalemme: la gioia del Risorto tra le prove del Medio Oriente
PAKISTAN
Ong cattolica in Pakistan, per Pasqua farina alle vedove e regali ai bambini
IRAQ
Cristiani di Mosul, la luce della Resurrezione nel Calvario della guerra
GIORDANIA
Pasqua, "la luce di Cristo" da Gerusalemme al Giordano
THAILANDIA
Bangkok, 25 nuovi cristiani nella notte di Pasqua
pakistan
Pakistan, folla di cattolici per la messa delle Palme
iraq
Domenica delle Palme "senza paura" per i cristiani di Baghdad
PAKISTAN
Pakistan: dalla Passione di Cristo l'impegno a combattere le ingiustizie sociali
THAILANDIA
Lontano da cellulari e tv, la Quaresima dei cattolici in Thailandia
corea del sud
Seoul, Via Crucis per la dignità della vita nascente
CAMBOGIA
Sono 174 i cambogiani che a Pasqua diverranno cristiani
PAKISTAN
Digiuno e solidarietà, la Quaresima in Pakistan
vietnam
Capodanno di solidarietà pro-tsunami per i cattolici vietnamiti

In evidenza
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate